L'uomo dell'NRI ammette di aver ucciso una studentessa infermiera in Australia

Il residente australiano Tarikjot Singh, accusato dell'omicidio della studentessa infermiera Jasmeen Kaur, ha ammesso di averla uccisa.

L'uomo dell'NRI ammette di aver ucciso una studentessa infermiera in Australia f

Quando gli è stato chiesto come si è dichiarato, ha risposto "colpevole".

Tarikjot Singh, 22 anni, di Adelaide, in Australia, si è dichiarato colpevole dell'omicidio della studentessa infermiera Jasmeen Kaur.

Ciò avviene dopo che è stato rivelato che l'ha perseguitata per diverse settimane.

Singh, che era noto alla signora Kaur, l'ha rapita dopo aver terminato il suo turno presso la Southern Cross Homes, una casa di cura a North Plympton intorno alle 10:5 del 2021 marzo XNUMX.

La signora Kaur è stata avvistata in un veicolo alle 10:46 che si è recato a Willaston vicino a Gawler.

Singh percorse South Road e perse l'uscita in Virginia.

Singh ha quindi eseguito un'inversione a U, è tornato a Port Wakefield Road e poi ha viaggiato verso nord.

Il veicolo, preso in prestito da un amico, è stato rilevato da più telecamere.

Ha attivato un autovelox alle 12:09 a Two Wells e poi alle 12:40 a Port Wakefield.

Alle 3:07, il veicolo è passato attraverso gli autovelox a Stirling North.

La signora Kaur viveva con suo zio e sua zia ad Adelaide. È stata denunciata da loro come scomparsa il giorno successivo quando il suo datore di lavoro ha chiamato per chiedere perché non si fosse presentata per il suo turno.

Singh lo era arrestato dopo che il corpo della signora Kaur è stato trovato in una fossa poco profonda a Moralana Creek il 7 marzo 2021.

Quel giorno Singh ha inavvertitamente condotto la polizia alla tomba improvvisata della signora Kaur.

Inizialmente è stato accusato di non aver notificato alla polizia una morte segnalabile.

Il 7 febbraio 2023, Singh è comparso alla Corte Suprema del South Australia.

Quando gli è stato chiesto come si è dichiarato, ha risposto "colpevole".

Singh ora rischia l'ergastolo obbligatorio in prigione.

In precedenza, Singh si era dichiarato non colpevole e avrebbe dovuto essere processato nel marzo 2023.

Singh non è stato identificato fino a quando non è terminato un ordine di soppressione del tribunale.

La corte ha sentito che si trovava in Australia con un visto per studenti e che aveva trascorso del tempo in una struttura per la salute mentale di breve durata.

L'avvocato di Singh, Martin Anders, ha detto alla corte che era stato ottenuto un rapporto da uno psicologo forense.

Ha detto: "Ci sono alcuni elementi di fatto relativi alle circostanze che hanno portato alla morte illegale del defunto che sono oggetto di ulteriori indagini".

Si prevede inoltre che diverse dichiarazioni sull'impatto delle vittime vengano consegnate al tribunale.

Il giudice Adam Kimber fisserà un periodo di non libertà condizionale dopo che le osservazioni di condanna saranno state ascoltate.

Fuori dal tribunale, la zia della studentessa infermiera, Ramandeep Kharoud, ha detto:

"Niente riporterà indietro Jasmeen, ma siamo lieti che otterrà un po' di giustizia".

“Non siamo sorpresi; sappiamo fin dal primo giorno che era colpevole, ma ha mentito per molto tempo”.

Il suo datore di lavoro l'ha descritta come un'anima bellissima, gentile e dolce con i residenti.

L'amministratore delegato David Moran ha dichiarato: "I nostri cuori soffrono per la famiglia di Jasmeen e i nostri pensieri e le nostre preghiere sono con loro in questo momento incredibilmente difficile".



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Affideresti a qualcun altro di trovare il tuo coniuge?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...