L'uomo e la famiglia hanno sottoposto la moglie alla violenza basata sull'onore

Un uomo e quattro membri della sua famiglia hanno sottoposto la moglie a servitù forzata, violenza basata sull'onore e comportamento coercitivo.

L'uomo e la famiglia hanno sottoposto la moglie a violenza basata sull'onore f

"La vittima è stata oggetto di abusi regolari"

Un marito e quattro parenti sono stati condannati per aver sottoposto la moglie a violenza d'onore.

Tra ottobre 2017 e aprile 2019, la donna è stata sottoposta a servitù forzata e comportamenti coercitivi nella casa di famiglia condivisa.

Dopo un matrimonio combinato in Pakistan, Mohammed-Shuaib Arshid si è trasferito a Hillingdon, Londra, con la sua nuova moglie.

Vivevano in una casa condivisa con suo padre Arshid Sadiq, sua madre Nabila Shaheen, suo fratello Aqeel Arshid e sua sorella Zaib Arshid.

Mentre viveva nella casa di famiglia, la vittima era regolarmente soggetta a comportamenti di controllo e coercizione.

Ciò includeva il divieto di utilizzare il suo telefono cellulare senza permesso, di uscire di casa da sola o di avere accesso ai suoi documenti di identità personali.

Alla donna è stata anche negata l'opportunità di frequentare il college.

La famiglia le ha negato l'accesso al denaro e lei è ricorsa a chiedere al marito soldi per articoli da toeletta di base.

È stata anche tenuta in servitù e costretta a cucinare e pulire tutto il giorno prima di poter andare a letto.

Durante questo periodo, i cinque membri della famiglia hanno regolarmente abusato fisicamente e mentalmente della vittima, causandole danni fisici e psicologici a lungo termine.

L'abuso includeva minacce di ucciderla e costringerla a bere olio per motori.

Mohammed-Shuaib Arshid è stato arrestato e rilasciato su cauzione.

Durante il suo periodo su cauzione, ha commesso un reato separato di falsa detenzione nei confronti di un altro membro del pubblico ed è stato condannato a otto anni di carcere.

Tutti e cinque gli imputati si sono dichiarati non colpevoli.

Ma all'inizio del 2023, sono stati condannati per comportamento di controllo o coercitivo in una relazione intima o familiare e per aver tenuto una persona in schiavitù o servitù.

Mohammed-Shuaib Arshid, 28 anni, è stato condannato a tre anni di reclusione, da eseguire consecutivamente alla pena detentiva di otto anni imposta per aver imprigionato ingiustamente una vittima separata.

Arshid Sadiq, 54 anni, è stato incarcerato per sette anni e tre mesi.

Nabila Shaheen, 56 anni, è stata condannata a quattro anni e tre mesi di carcere.

Aqeel Arshid, 32 anni, è stato condannato a 21 mesi, sospeso per 18 mesi.

Zaib Arshid, 27 anni, è stato condannato a 21 mesi, sospeso per 18 mesi.

Tutti e cinque i membri della famiglia sono stati inoltre sottoposti a un ordine restrittivo a tempo indeterminato, impedendo ogni ulteriore contatto con la vittima. Sono stati tutti privati ​​anche dei loro telefoni cellulari.

Paul Jenkins, un alto procuratore distrettuale della Corona per il CPS, ha dichiarato:

“La vittima credeva che si stessero trasferendo in una casa familiare sicura con un marito amorevole, ma le successive azioni di Mohammed Shuaib Arshid, Arshid Sadiq, Nabila Shaheen, Aqeel Arshid e Zaib Arshid hanno dimostrato che non era così.

“La vittima è stata oggetto di abusi regolari mentre era sotto la loro cura, con conseguenti gravi danni fisici e psicologici.

"Questo caso dimostra la volontà del CPS di consegnare alla giustizia gli autori di questi crimini e il nostro impegno a proteggere coloro che sono stati soggetti a situazioni di controllo o coercitive, assicurando ordini di protezione ove possibile".

Un portavoce del CPS ha dichiarato: “Essere vittima di violenza o aggressione sessuale è senza dubbio un'esperienza straziante, ma quando questo abuso è 'basato sull'onore', le sfide possono spesso sembrare impossibili da superare.

“Se si scopre che qualcuno ha disonorato o svergognato una famiglia o una comunità, può essere 'punito' attraverso comportamenti minacciosi, stupro, rapimento, falsa detenzione, mutilazione genitale femminile, matrimonio forzato e persino omicidio, noto anche come delitto d'onore.

"I casi di abuso basati sull'onore sono tra i più complessi di cui si occupa il Crown Prosecution Service".

“Sappiamo che gran parte di questi abusi avviene in contesti familiari e in comunità molto unite, il che spesso rende incredibilmente difficile per le vittime farsi avanti per denunciare.

“Vogliamo sostenere le vittime di questa violenza inaccettabile; entrambi basati sull'onore abuso e il matrimonio forzato sono illegali, e laddove il nostro test legale sarà soddisfatto, non esiteremo a perseguire.

“Possiamo proteggere le potenziali vittime attraverso l'anonimato, gli ordini di protezione del matrimonio forzato e la giurisdizione extraterritoriale sui reati commessi all'estero.

“Che tu sia una vittima o sospetti di conoscere qualcuno che lo è, ti invitiamo a farti avanti e denunciarlo.

"Le vittime di questo crimine devastante meritano giustizia e tu potresti aiutare altre potenziali vittime".



Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Come donna asiatica britannica, sai cucinare cibo Desi?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...