Un uomo è morto in Sri Lanka dopo essere stato deportato ingiustamente

La famiglia di un uomo morto in Sri Lanka dopo essere stato ingiustamente deportato ha accusato il Ministero degli Interni del Regno Unito per i ritardi.

Un uomo è morto in Sri Lanka dopo essere stato deportato ingiustamente f

"Non so come la famiglia riuscirà mai a superare questa cosa."

La famiglia di un uomo morto in Sri Lanka dopo essere stato ingiustamente deportato dal Ministero degli Interni del Regno Unito ha accusato il dipartimento di aver causato ritardi che gli hanno impedito di ricongiungersi con i suoi figli.

Sudharsan Ithayachandran ha ammesso di aver lavorato illegalmente presso Tesco e di aver utilizzato documenti falsi.

È stato espulso dal Regno Unito il 24 dicembre 2019, giorno del suo anniversario di matrimonio.

Sudharsan ha lasciato la moglie Subatra Sudharsan, che è profondamente sorda, suo figlio Priyan e sua figlia Priyanka. Tutti e tre sono cittadini britannici.

Sua suocera, Yasadora Nagendra, di cui si prendeva cura, lo descriveva come “il pilastro della famiglia”.

In una sentenza del tribunale per l’immigrazione del novembre 2023, il giudice Bonavero ha accolto il suo ricorso, sostenendo che aveva diritto alla vita familiare nel Regno Unito con sua moglie e i suoi figli.

Sebbene il Ministero degli Interni non abbia presentato ricorso contro la sentenza, ha ritardato di diversi mesi le modalità per elaborare il suo visto per tornare nel Regno Unito.

Di conseguenza, Sudharsan è stato costretto a rimanere in condizioni pericolose nello Sri Lanka.

È stato solo quando Naga Kandiah di MTC Solicitors ha avviato un procedimento di controllo giudiziario contro il Ministero degli Interni in merito al ritardo che i funzionari hanno iniziato a elaborare il suo ritorno nel Regno Unito all'inizio di maggio 2024.

Hanno emesso una lettera di scuse e hanno attribuito la colpa agli arretrati del dipartimento.

Secondo la lettera, il ritardo non era colpa dei funzionari.

Il 19 maggio, Sudharsan è stato trovato collassato nel suo alloggio in Sri Lanka ed è morto dopo essere stato portato in ospedale.

Si ritiene che la causa della morte sia la sepsi.

La sua famiglia ha detto che era in una profonda depressione in Sri Lanka a causa della separazione dai suoi figli per quasi la metà della loro vita e non mangiava o non si prendeva cura di se stesso in modo adeguato.

Yasadora Nagendra ha aggiunto: “Non so come la famiglia riuscirà a superare questa situazione.

“Quando era qui, si prendeva cura di tutti. Era un uomo così gentile e solidale. Nessuno può sostituirlo.

“Credo che se il Ministero degli Interni non lo avesse deportato oggi sarebbe ancora vivo. Li incolpiamo per la sua morte.

“È stato trattato in modo molto ingiusto dal Ministero degli Interni.

“Era così depresso che, anche dopo aver vinto la causa lo scorso novembre, [il] Ministero degli Interni ha ritardato gli accordi per il suo ritorno nel Regno Unito.

“Non riusciva a capire perché dovesse ancora aspettare per tornare dalla sua famiglia. “

Lou Calvey, direttore dell'organizzazione benefica Asylum Matters, ha dichiarato:

“È necessario rispondere a domande serie su questo caso straziante; perché Sudharsan è stato deportato quando aveva chiari diritti di rimanere qui; perché il Ministero degli Interni ha ritardato l'attuazione della sentenza del tribunale che annullava la deportazione; e perché è dovuto morire da solo, senza la sua famiglia?»

Naga Kandiah ha detto: “Il tribunale ha accettato che il nostro cliente avesse un rapporto genuino e duraturo con i suoi figli e che vivere senza di loro sarebbe 'eccessivamente duro'.

“Aveva passato anni a lottare con il Ministero degli Interni per ricongiungersi semplicemente alla sua famiglia. Alla fine vinse la causa, ma morì prima che potesse farlo.

Un portavoce del Ministero degli Interni ha dichiarato: “Tutti gli ordini di espulsione vengono considerati caso per caso, sulla base delle prove fornite.

“Una volta accolto un ricorso contro il rifiuto di revocare un ordine di espulsione, la responsabilità di richiedere l’autorizzazione all’ingresso nel Regno Unito spetta all’individuo e ai suoi rappresentanti”.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    L'era delle bande di Bhangra è finita?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...