Il sangue del Mahatma Gandhi venduto all'asta nel Regno Unito

Manufatti storici e preziosi del leader indiano, Mahatma Gandhi, sono stati venduti all'asta nel Regno Unito. I manufatti includono lettere, sandali e campioni di sangue.


"Se qualcuno non spende molti soldi per conservarlo, si plasmerà".

Il 21 maggio 2013 ha visto un'asta a Londra dell'ex leader ed eroe indiano, il sangue del Mahatma Gandhi e altri oggetti per un totale di £ 300,000.

Inizialmente si pensava che due campioni di sangue, conservati tra vetrini microscopici, avessero un valore compreso tra £ 10,000 e £ 15,000.

Solo un vetrino di sangue fu messo in vendita insieme a un paio di sandali di Gandhi, scialle e un testamento di due pagine del 1921, scritto in gujarati.

Il vetrino microscopico di sangue è riuscito a generare solo £ 7,000 in totale. Il testamento sarà messo all'asta ben oltre il prezzo guida a £ 55,000. Lo scialle tessuto a mano di lino che, secondo quanto riferito, è stato filato a mano dallo stesso Gandhi, ha raggiunto l'impressionante cifra di 40,000 sterline, mentre i sandali hanno fruttato 19,000 sterline.

Inoltre, una rara stampa fotografica firmata del leader che tiene le mani in preghiera, venduta a un inaspettato £ 40,000.

Questi sono solo alcuni degli oggetti di valore appartenenti a Mahatma che sono stati messi all'asta negli ultimi anni nel Regno Unito.

Nell'aprile 2012, diversi articoli sono stati venduti all'ippodromo di Ludlow nello Shropshire. I manufatti hanno raccolto 100,000 sterline in totale. Tra questi oggetti c'erano un paio di occhiali del leader, acquistati da un ottico di Gloucester per £ 34,000.

Una ruota che gira in legno o "chakra", che Gandhi era solito portare con sé nei suoi viaggi, costava anch'essa circa £ 26,500. Un libro di preghiere è stato venduto per 10,500 sterline.

Asta di MullockIl terreno e i fili d'erba che sono stati macchiati con quello che si pensa essere il sangue del leader sono stati venduti per £ 10,000. I campioni sono stati prelevati dalla scena dell'assassinio di Gandhi.

All'inizio di quest'anno, a febbraio, una lettera digitata da Gandhi mentre era in prigione, è stata venduta per la cifra record di 115,000 sterline. La lettera è un appello per il suo rilascio ed è considerata una rara visione della missione segreta di Gandhi in corsa per la libertà della sua nazione dalle forze britanniche.

È uno dei più importanti manufatti storici del leader, ed era originariamente in possesso di un uomo in India che era un combattente per la libertà al fianco di Gandhi.

I banditori di Mullock, che sono stati responsabili della vendita della maggior parte dei cimeli di Gandhi, insistono sul fatto che gli oggetti sono venduti da amici intimi e sostenitori di Gandhi e sono stati tramandati attraverso la famiglia.

Quelli venduti all'asta di martedì provenivano dalla prole di una famiglia indiana che si prese cura di Gandhi mentre soffriva di una malattia nel 1924. Come previsto, hanno prelevato una notevole somma di denaro.

Il banditore di Mullock, Richard Westwood-Brookes, ha dichiarato: "L'esemplare di sangue è stato dato con il suo permesso alla famiglia perché lo consideravano sacro".

“Per i devoti di Gandhi, ha lo stesso status di una sacra reliquia per un cristiano. È un artefatto che è venerato dai discepoli di Gandhi, in particolare in India e quindi questo è il tipo di persona che lo vorrebbe ".

GandhiNon sorprende che l'asta nel Regno Unito abbia causato alcune controversie tra gli indiani di tutto il mondo. Molti credono che tali manufatti storici siano tesori nazionali indiani e quindi dovrebbero essere protetti dallo stato indiano.

Il noto esperto e scrittore di Gandhi, Giriraj Kishore, ha espresso la sua preoccupazione per la mancanza di azione da parte della nazione indiana per mantenere intatti gli oggetti di valore di Gandhi.

Dopo la prima asta nel 2012, Kishore ha scritto una lettera forte all'allora presidente, Prahtibha Patil e al presidente del Congresso Sonia Gandhi, esortandoli a fare qualcosa per salvare questi preziosi oggetti. Sebbene abbia ricevuto una risposta positiva da entrambe le parti, non è stato ancora fatto nulla per salvaguardare i manufatti.

Il banditore, Westwood-Brookes, è fermamente convinto che le aste siano case sicure molto migliori dei musei:

“Non tutti i musei sono sicuri come altri musei, o altrettanto ben curati. Se qualcuno ha speso 115,000 sterline per una lettera, sappiamo che se ne occuperanno ", ha detto.

Gandhi lo farà"Se qualcuno non spende molti soldi per conservarlo, si plasmerà, ne sono certo", ha aggiunto.

Naturalmente, gli indiani hanno già una lunga storia turbolenta con la Gran Bretagna dopo il Raj britannico sull'India. A partire dal periodo coloniale, numerosi tesori nazionali indiani furono presi dalla Gran Bretagna e ancora oggi rimangono in loro possesso.

In particolare, l'India Koh-i-Noor, che ora fa parte dei gioielli della corona britannica, ha causato molta protesta tra i cittadini indiani che credono che lo stravagante diamante del valore di milioni appartenga solo alla loro nazione.

Il governo britannico, tuttavia, ha mantenuto una posizione irremovibile sul fatto che non restituirà il prezioso diamante all'India.

Con tali eventi in mente, ci si chiede se la Gran Bretagna abbia oltrepassato ancora un'altra linea delicata. Hanno l'autorità di venderli e metterli all'asta a loro piacimento, o è diritto e responsabilità dello Stato indiano proteggere gli oggetti di valore del suo leader più amato e ammirato?

Non sorprende che l'asta di martedì abbia visto una divisione con i devoti dei leader; quelli che hanno portato i loro libretti degli assegni profondi e hanno generato un record di 300,000 sterline da un lato, e i gandhiani terribilmente duri sia nel Regno Unito che in India contro la vendita di tali sacre reliquie dall'altra.



Aisha è un editore e uno scrittore creativo. Le sue passioni includono musica, teatro, arte e lettura. Il suo motto è "La vita è troppo breve, quindi mangia prima il dessert!"




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Quale vino preferisci?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...