London Indian Film Festival 2018: T per Taj Mahal Review

T for Taj Mahal di LIFF 2018 è un bellissimo film con un messaggio stimolante. Esploriamo perché questo film per famiglie ti toccherà sicuramente il cuore.

T per Taj Mahal

T for Taj Mahal esplora un'idea unica di avere un sistema di baratto tra l'apprendimento e il servizio del cibo.

Raramente trovi film che ti fanno ridere e pensare allo stesso tempo, e T per Taj Mahal sembra essere uno di quelli.

Diretto da Kireet Khurana, il film è onorato da alcuni attori di talento come Subrat Datta, Pitobash, Manoj Pahwa e Bidita Bag.

Proiettato alla nona edizione del London Indian Film Festival e del Birmingham Indian Film Festival 2018, il film conquista i cuori con il suo racconto commovente.

Ambientato nella città indiana di Agra, sede del bellissimo sito storico Taj Mahal, il film è un racconto semplicistico di un uomo analfabeta di un piccolo villaggio di Bajjar.

Dopo essere stato vittima delle difficoltà che deve affrontare un uomo ignorante, Bansi (Subrat Dutta) è determinato a trovare un modo per educare suo fratello minore e gli altri bambini del villaggio.

Sperando che la prossima generazione non affronti i problemi e la vergogna che ha subito, Bansi ha un'idea unica di fondere la sua attività di "dhaba" (ristorante locale) con l'istruzione.

Crea uno schema "Mangia e insegna" che chiede ai clienti che si fermano di dedicare del tempo per insegnare ai bambini del villaggio in cambio di cibo gratuito. Il film esplora quanto possa essere fattibile questa idea e come trasforma le cose nel villaggio.

Una delle principali disconnessioni tra il pubblico indiano e i lungometraggi hindi è la loro tendenza a favorire le popolazioni urbane delle città. Non molti film esplorano i problemi rurali ed è sorprendente vedere registi indipendenti come Kireet Khurana prendere il sopravvento per servirli nel modo giusto.

Affrontare l'analfabetismo attraverso il cibo

T per Taj

L'analfabetismo è ancora un problema importante nei villaggi indiani e sebbene possano esserci diversi documentari e notizie che trattano questo argomento, non molti film cercano di fornire un approccio basato sulla soluzione.

T per Taj Mahal esplora un'idea unica di avere un sistema di baratto tra l'apprendimento e il servizio del cibo. Entrambe sono azioni nobili che possono essere realizzate solo da persone che mettono i valori umanitari al di sopra di ogni altra cosa.

Il film trasmette anche un messaggio importante sulla necessità di riconoscere il potenziale di usare il proprio tempo per una buona causa e sul fatto che il tempo è un'offerta molto più grande che si può fornire invece del denaro.

T per Taj Mahal si attacca a una narrazione lineare convenzionale, come narrata da Ali Faulkner, che interpreta il ruolo di Janet, una forza trainante dietro l'impresa sociale di Bansi.

Il protagonista, Bansi è un personaggio facilmente simpatico fin dall'inizio. La sua onestà e determinazione mantengono gli spettatori coinvolti in lui, e c'è un senso di realizzazione che si prova quando trova il successo con i suoi piani.

I personaggi secondari di Shaneechar (Pitobash Tripathy) e Naturam (Manoj Pahwa) giocano un ruolo altrettanto importante nel portare avanti la narrazione. Il film attinge molto bene allo spirito comunitario dei villaggi.

Alcune aggiunte, però, come il `` postino '' che legge le lettere e la figlia di Naturam Chuniya (Bidita Bag) che è un `` manglik '' costretto a sposare un cane, ci ricordano il Benvenuto a Sajjanpur.

Ciò che vale la pena apprezzare è che il film non esagera quando si tratta di dipingere la quintessenza dell'immagine del villaggio indiano.

Con il femminismo in India che sta guadagnando slancio, i creatori mostrano sottilmente che le donne sono ora in posizioni di potere anche nei villaggi. Che si tratti del collezionista con un'ombra grigia o della moglie del Sarpanch (capo del villaggio) che assume la posizione di suo marito per il bene più grande del villaggio.

In nessun momento il film diventa troppo predicatorio grazie al rilievo comico aggiunto dai personaggi di Naturam e Shaneechar.

La narrazione di Ali Faulkner funziona bene per la storia. Tuttavia, in alcuni punti, diventa eccessivamente semplificato. Inoltre, la storia d'amore in erba tra Bansi e Chuniya rende l'intrattenimento popcorn abbastanza buono.

Forti prestazioni del cast

T per Taj

Per interpretare un personaggio come Bansi, era fondamentale che il personaggio emettesse veramente le sue lotte. Il ritratto di questo personaggio da parte di Subrat Dutta lo traduce con successo.

Impressiona particolarmente nelle scene che coinvolgono il crollo di Bansi. La sua performance stratificata lega insieme questo film.

La forte prestazione di Pitobash non è una sorpresa considerando il suo lavoro precedente. È noto per brillare in ruoli con uno spazio limitato sullo schermo, come Shanghai ed Braccio da un milione di dollari. Anche con questo film continua a dare il massimo. Come Shaneechar, si diverte con il suo inglese stentato.

Coinvolgere un veterano come Manoj Pahwa per interpretare Naturam è probabilmente la migliore decisione di casting per questo film.

Pahwa ci affascina con una performance che ci ricorda quello zio nella famiglia di tutti che rifiuta apertamente il cambiamento ma quando si trasforma in una relazione positiva, lui è a bordo.

Bidita Bag non è solo carina come la bella del villaggio, ma è anche espressiva come Chuniya, la ragazza che vuole sposare un "padha-likha ladka".

Come suggerisce il titolo, uno dei personaggi principali del film è il monumento di Taj Mahal si. Il film parte con alcune belle riprese del monumento e sviluppa ulteriormente il giusto tipo di sapore con le strade affollate di Agra.

In particolare, gli spettatori possono vedere la differenza tra la grandiosità del marmo bianco del monumento e gli autentici dhabas che offrono il loro fascino rustico.

Il regista Kireet Khurana conosce bene il suo mestiere e quindi le scene emotive risaltano bene. Soprattutto le scene in cui viene svelato il passato travagliato di Bansi.

T per Taj Mahal: un racconto commovente

Il processo di scripting T per Taj non era così facile come ci si aspetterebbe. I produttori volevano assicurarsi di rimanere vicini alla realtà della vita del villaggio e, quindi, hanno fatto diverse visite ai villaggi vicino ad Agra.

Direttore Kireet Khurana ha detto ai media: "Volevamo saperne di più sulla situazione sul campo, qual è lo stato della scuola lì, qual è lo stato dell'istruzione, tutto".

Oltre ad assicurarsi che il film fosse abbastanza autentico, Khurana sperava anche che il messaggio non si perdesse:

“È un messaggio velato. È nella zona di quello che viene chiamato un film d'impatto ".

Prima della sua uscita, il film ha trascorso molto tempo in post-produzione. Purtroppo, ciò è dovuto al fatto che il produttore del film Abis Rizvi ha perso la vita nell'attacco terroristico di Istanbul nel 2017, molto prima che potesse vedere il successo del suo film.

La sua scomparsa è stata una grande perdita per l'industria considerando la sua brillante eredità di lavoro.

Nel  T per Taj Mahal's il successo sta nella sua sottigliezza. È un meraviglioso esempio di produzione cinematografica semplicistica ma efficace.

Il film ha un bel messaggio da dare. Celebrando atteggiamenti umanitari ed empatia, ti lascia con un sorriso sulle labbra. Questo film spaccato di vita è l'orologio perfetto per la famiglia.

Il popolare Birmingham e Festival del cinema indiano di Londra ha proiettato 15 film tra il 21 giugno e il 1 luglio 2018. Scopri di più sui film in primo piano qui.



Surabhi è laureata in giornalismo e attualmente sta conseguendo un master. È appassionata di film, poesia e musica. Ama viaggiare e conoscere nuove persone. Il suo motto è: "Ama, ridi, vivi".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Possiedi un paio di sneakers Off-White x Nike?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...