Lockdown dà al paralimpico Ali Jawad la "seconda possibilità" di gloria

Il powerlifter paralimpico britannico Ali Jawad ha rivelato che essere bloccato gli ha dato una seconda possibilità di gloria.

Lockdown dà al paralimpico Ali Jawad la "seconda chance" a Glory f

"Questa era la mia occasione per recuperare il terreno che ho perso"

Il paralimpico Ali Jawad ha dichiarato che il blocco gli ha fornito una seconda possibilità di gloria.

Il powerlifter è nato senza entrambe le gambe e nel 2009 gli è stato diagnosticato il morbo di Crohn. Tuttavia, ha continuato a vincere l'argento alle Paralimpiadi di Rio nel 2016.

Tuttavia, la malattia ha iniziato a prendere un pedaggio sul corpo di Ali anche con i farmaci.

Ha detto in esclusiva The Independent: "Il mio corpo si esauriva ogni sei-otto settimane.

"Non c'è stata coerenza."

Ali si è strappato più volte i pettorali nell'arco di tre anni nonostante non avesse avuto precedenti di infortunio. Di conseguenza, la formazione e la competizione sono state compromesse.

Sebbene fosse in lizza per qualificarsi per le Paralimpiadi con una classifica tra i primi otto, non era ottimista.

"La mia classifica non era sicura. Se avessi abbandonato gli otto, non sarei stato abbastanza in forma per reclamare il mio posto. Anche se ce l'avessi fatta, probabilmente sarei arrivato ultimo. "

Ali doveva sottoporsi a un rivoluzionario studio sulle cellule staminali che coinvolgeva la chemioterapia aggressiva all'inizio del 2021. Significherebbe un lungo periodo di recupero e significherebbe anche che avrebbe perso i Giochi Paralimpici riprogrammati.

Tuttavia, quando è stato confermato che i Giochi sarebbero stati rinviati nel 2020, ad Ali è stato detto che anche il suo processo era stato annullato, ma lo vedeva come positivo.

“Ero seduto a leggere la notizia e ho capito che questa era la mia seconda possibilità.

“Questa era la mia occasione per recuperare il terreno che ho perso negli ultimi tre anni.

"Mi sono guardato intorno e ho capito che il modo in cui avevo organizzato la mia vita era perfettamente preparato per una spinta verso il 2021".

Lockdown dà al paralimpico Ali Jawad la "seconda possibilità" di gloria

Durante il primo blocco del Regno Unito nel marzo 2020, Ali aveva sede presso il centro di addestramento nazionale di Loughborough.

Ha avuto accesso alle attrezzature del British Weightlifting, ha fatto i suoi acquisti online e ha studiato a distanza per il suo dottorato di ricerca sull'antidoping nello sport paralimpico.

Ali Jawad si rese conto che avrebbe dovuto vivere in questo modo per il resto dell'anno per darsi le migliori possibilità di gloria paralimpica.

“Quando è stato annunciato il primo blocco, ho ricevuto una telefonata da mia madre che diceva 'Bene, torna a casa' a Londra.

"Ero come 'No!' Le ho detto che dovevo usare questi cinque-sei mesi, anche un anno intero, per darmi le migliori basi per uscirne e attaccare davvero la prossima estate ora.

“A causa del mio Crohn, non posso correre rischi con nessuno di Londra. Ed è un rischio anche arrivare a Londra - a tre ore di distanza!

“Alla fine hanno capito, ma ci è voluto molto per convincerlo. Sanno che ho un obiettivo così grande che dovrò fare quel tipo di sacrificio.

"Non potevo prendere la strada che avevo preso solo per tornare a casa a quel punto."

Anche se il suo attuale assetto è intenso, non lo turba.

“Penso di adattarmi bene alle cose. Perché comunque sono stato abituato a isolarmi da solo negli ultimi due anni ".

“Avevo delle cose in atto per vivere in questo modo. Anche la mia dieta è così specializzata che devo stare molto attento, quindi sono il migliore quando si tratta di preparare il mio cibo.

"Ho imparato a diventare un fornaio migliore e più sano."

Più tempo significa che Ali non deve più spingere se stesso per sollevare pesi più pesanti, il che ha contribuito a un aumento degli infortuni.

La sua formazione si concentra sulla velocità del movimento e sulla ripetizione. È progettato per garantire che sia pronto per sollevare carichi pesanti in competizione.

Ci sono eventi a marzo e giugno 2021 che contribuiscono ai punti di classifica nel Regno Unito e Dubai, tuttavia, le date non sono state confermate.

Ali Jawad ritiene che sollevare oltre 170 kg sarà sufficiente per garantire il suo posto alla sua terza e ultima partita.

Questa fase tende ad essere una sparatoria a un singolo evento per determinare quali otto si qualificano.

Nonostante la positività, Ali è consapevole che mantenere la sua guida durante la pandemia può dargli un vantaggio rispetto a coloro che possono lottare durante il blocco, nella stessa luce che altri avranno usato il tempo per migliorare se stessi.

Ha detto: “Non sono il migliore della mia classe. Ma penso che, poiché ho avuto un paio di blocchi così buoni, ho colmato il divario tra me e i migliori ".

I atleta ha rivelato che non lo sta facendo per se stesso.

«Probabilmente non tornerò mai più all'Ali di Rio.

“Non sarei mai stato in grado di ottenere qualcosa che avevo fatto senza la squadra intorno a me. Queste sono cose che una persona normale non penserebbe di fare.

“Ho accettato la mia situazione nella vita e si tratta di qual è la circostanza migliore per tutti.

“Negli ultimi quattro anni non sono stato l'Ali di una volta. Non meditando, sempre malato. L'anno prossimo ho la possibilità di ripagarlo. "



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".

Immagine per gentile concessione di onEdition






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO
  • Sondaggi

    Aiuterebbe un immigrato indiano illegale?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...