La vita di un richiedente asilo gay dal Pakistan

DESIblitz racconta la straziante storia dell'esperienza di un uomo come richiedente asilo gay dal Pakistan. Riveliamo la vera storia di Shezad *.

La vita come richiedente asilo gay dal Pakistan f

“Gay significa essere felici. Ma non ho mai provato alcun senso di felicità "

La vita di un richiedente asilo gay dal Pakistan è un'esperienza traumatica piena di incertezza, paura e panico.

L'India ha raggiunto un momento cruciale nella storia il 6 settembre 2018. L'articolo 377, noto per il suo divieto di attività omosessuali, è stato abrogato.

La Corte Suprema dell'India ha dichiarato l'articolo 377 "Irrazionale, indifendibile e manifestamente arbitrario", rendendo obsoleta la sua applicazione alla condotta sessuale consensuale tra adulti.

L'articolo 377 del codice penale del 1860 fu introdotto per la prima volta dagli inglesi durante il loro governo indiano, criminalizzando tutti gli atti sessuali ritenuti "contro l'ordine della natura".

Mentre da allora gli indiani hanno celebrato questa vittoria, Pakistan e Bangladesh aderiscono ancora alla legge dell'era vittoriana in cui gli atti omosessuali possono essere puniti con pene detentive.

Nonostante sia apertamente gay vietato in Pakistan, il LGBTQ la scena in Pakistan esiste ancora, soprattutto nelle città. Come tante altre cose che non sono pubblicamente consentite, come bevendo alcool.

Per quei pakistani che non possono sopravvivere alla legge e alle restrizioni, l'unica via d'uscita per loro è chiedere asilo e cercare rifugio in un altro paese. Soprattutto se vengono scoperti o se si mettono nei guai con le autorità.

Seguiamo una di queste storie di Shezad Ahmed *, un richiedente asilo gay che è fuggito dal Pakistan nel Regno Unito per aiutarlo ad accettare apertamente la sua sessualità.

Richieste di asilo nel Regno Unito

Sulla base statistica sperimentale, Il 6% di tutte le richieste di asilo dal 1 ° luglio 2015 al 31 marzo 2017 erano basate sull'orientamento sessuale.

Il maggior numero di richieste di asilo in cui è stato sollevato l'orientamento sessuale come parte della base della richiesta proveniva dal Pakistan, dove sono state presentate 1,000 richieste.

Anche così, nel Regno Unito sono accettate pochissime richieste di asilo sulla base della sessualità.

I richiedenti asilo gay costituiscono una minoranza all'interno di una minoranza, rendendoli suscettibili di pregiudizi e discriminazioni su più di un motivo.

Da un lato, sono ostracizzati per la loro sessualità. Dall'altro, sono condannati dai cittadini per le loro origini sconosciute.

Una comunità praticamente inaudita nei media mainstream, DESIblitz approfondisce maggiormente questa area della vita stigmatizzata.

Ci troviamo faccia a faccia con Shezad, che condivide il suo viaggio tumultuoso come richiedente asilo gay dal Pakistan.

Inizi dolorosi

La storia di Shezad inizia a Peshawar, in Pakistan. È nato in una famiglia operaia ed è cresciuto in una casa povera, con un padre tossicodipendente.

È stato rimosso con la forza dall'istruzione alla tenera età di 11 anni per entrare nel mondo del lavoro manuale.

Dopo aver passato del tempo lontano da casa, ricorda uno straziante incontro con un amico di suo zio che crede sia stato un punto di svolta nella sua vita.

Shezad, provvisoriamente, dice:

“Quello che sto per dirti non credo nemmeno di averlo detto all'immigrazione.

“Avevo circa 13 o 14 anni… mi sono svegliato nel cuore della notte. Non ricordo l'ora. Non so cosa sia successo esattamente, ma quando ho abbassato lo sguardo non avevo i pantaloni.

“Qualunque cosa sia successa dopo, tutto quello che so è che ero diventato ossessionato dal sesso. Ho provato a fare sesso con gli oggetti, qualunque cosa potessi. "

Da questo momento in poi, ha adottato un forte senso di paura nella sua vita quotidiana per quanto riguarda la sua sessualità, qualcosa che avrebbe dovuto mantenere segreto per sopravvivere.

La sua prima relazione con un uomo si è sviluppata con un collega, subito dopo aver avviato un'attività in proprio.

Sebbene si sforzasse di vivere liberamente la propria vita, non passò molto tempo prima che le pressioni familiari iniziassero a consumarlo. Soprattutto, le aspettative sul matrimonio.

All'età di circa 30 anni, ha sposato il suo primo cugino per volere di sua madre.

Sebbene avesse ritardato il matrimonio il più a lungo possibile, Shezad aveva poca scelta in merito. La decisione per lui di sposare suo cugino è stata presa anche prima che nascesse.

Dopo aver trascorso un po 'di tempo con la moglie in Pakistan, si è poi trasferito in Arabia Saudita, dove la vita non è diventata più facile.

"Io ero spaventato. Se le autorità scoprissero [della mia sessualità] mi avrebbero decapitato ".

A parte le rigide leggi saudite, i cittadini hanno anche dato del filo da torcere a Shezad, in particolare quando è stato attaccato in un brutale crimine d'odio. Indipendentemente da ciò, ha ancora mascherato la verità per paura della propria vita.

“Ero così spaventato dalle autorità che non ho detto nulla. Quindi, ho appena detto che ho avuto un incidente.

Dopo aver sopportato diversi anni di difficoltà in Arabia Saudita, è tornato in patria, dove ha continuato a vivere il suo matrimonio senza amore e ha avuto un'altra relazione con un uomo per diversi anni.

Quando la sua salute mentale iniziò a deteriorarsi e sapeva che doveva allontanarsi dalla vita che stava vivendo.

Ha deciso di venire in Inghilterra in cerca di una vita migliore e più accettabile.

“Ho sempre pensato che avrei guadagnato abbastanza soldi per lasciare il Pakistan. È sempre stato il mio processo mentale.

“Sapevo per tutta la vita che non avrei potuto vivere in Pakistan, ma non avevo i mezzi per andarmene. Quando ho trovato un modo, sono venuto qui. "

Sfortunatamente, Shezad ha dovuto affrontare difficoltà anche nel Regno Unito dopo essere fuggito dal Pakistan.

Si è ritrovato senza casa in diverse occasioni; dover dormire spesso fuori, in macchina, o cercare rifugio a casa di un amico se mai gli fosse stata concessa l'opportunità.

Sebbene sia stato informato dei gruppi di sostegno LGBT dal suo avvocato, ha trovato difficile relazionarsi con gli altri. La sua incapacità di parlare inglese costituiva una barriera con la gente del posto e aveva paura di confidarsi con gli altri asiatici del sud per paura del giudizio.

"Dimostrando" la sua omosessualità

Shezad ha avuto la sfortuna di incontrare persone che non potevano accettarlo come parte della loro cerchia sociale.

“Alla fine ho iniziato ad andare alle riunioni, ma anche così mi sentivo molto solo.

“Il mio problema è che non posso condividere il mio dolore con nessuno. Preferirei farmi soffrire piuttosto che far soffrire gli altri ".

Anche all'interno della comunità LGBT, ha sopportato il peso del pregiudizio e della discriminazione.

"Quando andavo alle riunioni LGBT, alcune persone non mi parlavano, altre non mi stringevano la mano".

“Dicevano che era perché ero un richiedente asilo, o ero pakistano, o non credevano che fossi gay.

“Molte persone mi fanno questo. Non gli piaccio, si arrabbiano con me. Non so dire se è perché c'è qualcosa che non va in me. Mi manca qualcosa? "

Fortunatamente, Shezad è riuscito a ottenere un sistema di supporto intorno a lui, in particolare, dal suo medico.

“Non c'è persona migliore del mio medico. Si è preso cura di me, mi ha aiutato. Mi sento meglio a parlare con gli asiatici dell'essere gay adesso.

"Il mio medico sapeva tutto di me e mi ha comunque aiutato con tutto".

Come molti richiedenti asilo gay, Asif ha trovato difficile "provare" la sua sessualità alle autorità, che è spesso un requisito della legge britannica.

“Se questo [essere gay] fosse una situazione medica sarebbe molto più facile. Ma non lo è. È una sensazione. "

I richiedenti asilo gay sono stati spesso sottoposti a "test di omosessualità", una serie di test psicologici per "provare" la loro sessualità.

Tuttavia, nel gennaio 2018, questi sono stati dichiarati fuorilegge dopo essere stati considerati una violazione dei diritti umani dalla Corte di giustizia europea.

Reazioni familiari e comunitarie

Nonostante sia padre di tre figli, il che mette in dubbio la sessualità di Shezad sul fatto che sia bisessuale o omosessuale; condanna fermamente l'idea di convivere con loro.

Parlando di come avrebbero reagito al suo orientamento, dice:

“Non voglio che i miei figli vivano con me. Avrebbero una vita difficile e anche io.

“Forse puoi accettarlo, ma in Pakistan non possono. Quando cresceranno, come accetteranno che loro padre sia gay?

“Voglio aiutarli con tutti i loro bisogni mondani, ma non è adatto per noi vivere insieme.

“Né mia moglie, né nessun altro in Pakistan sa che sono gay. Se qualcuno l'avesse scoperto non sarei potuto venire qui. Come potrei? Sarei già morto.

“C'era un ragazzo nel mio villaggio a cui erano stati mozzati il ​​pene, il naso, le orecchie e la lingua. Quella era la sua punizione per essere gay.

“Puoi colpire qualcuno, ma per tagliargli le parti del corpo? È troppo.

"Se qualcuno nella mia famiglia sapesse che sono gay, vorrebbe farmi finire."

“Gay significa essere felici. Ma non ho mai provato alcun senso di felicità per essere gay. Mi sono punito. Non ho il potere di cambiare come mi sento. Quello che sei, sei. "

Accettare la sua sessualità

Nonostante le numerose difficoltà, Shezad afferma con sicurezza che preferirebbe di gran lunga vivere in Inghilterra piuttosto che in Pakistan.

“Non avevo scelta. Non potrei vivere lì, anche se avessi una casa, tutto. Non ero felice. Non sono riuscito a gestirlo.

Quando gli viene chiesto se si sente felice, Shezad risponde umilmente:

"Sì io sono felice. Ho amici intorno a me. Come posso non dire che sono felice quando posso sedermi in mezzo a tre persone e dire loro apertamente che sono gay? Questa è la felicità per me. "

Accettare la propria sessualità è stata una grande sfida per Shezad, come spiega:

“Ho provato a cambiare questo aspetto di me stesso. Ho provato così tanto. Mi sono punito così come ho sopportato le punizioni di altre persone.

"Io sono forte. Ma quando si tratta di essere gay divento così debole.

“Alla fine mi sono detto: 'Va bene, sono gay'. Nessuno può farci niente. "

Come dichiarazione conclusiva, Shezad coraggiosamente chiede:

“Voglio solo che le persone capiscano che il gay è gay. Non puoi farci niente. Questo è tutto."

Le persone come Shezad non sono sole. Il 20% delle richieste di asilo pakistane sono state presentate sulla base di orientamento sessuale tra luglio 2015 e marzo 2017.

Molti richiedenti asilo gay si trovano evitati dalla società, con poco o nessun sostegno da parte di coloro che li circondano. Tuttavia, quelli come Shezad continuano a mostrare coraggio di fronte alle avversità.

Fino a quando la sicurezza non sarà garantita, i richiedenti asilo gay continueranno nella loro instancabile ricerca di un rifugio sicuro.

Nelle situazioni in cui è in gioco una vita, la situazione diventa molto pericolosa per individui come Shezad che cercano di adattarsi ma trovano difficoltà anche nel paese in cui sono nati a causa della loro introduzione sessuale.

Se tu o qualcuno che conosci è personalmente interessato dalla storia di Shezad, non esitare a contattare le seguenti organizzazioni:

Guarda il documentario qui

video
riempimento a tutto tondo

Ruby è una giornalista determinata che ha un grande interesse per lo stile di vita e il tabù. Le piace leggere e socializzare con gli amici. Il suo motto è "La scrittura è un modo di parlare senza essere interrotti". di Jules Renard.

* I nomi vengono modificati per l'anonimato.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Lo stupro è un fatto della società indiana?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...