Lalit Pandit dice che le canzoni "Aashiqui" sono state rubate dal Pakistan

Il compositore indiano Lalit Pandit ha affermato che altri musicisti hanno plagiato le canzoni pakistane per le canzoni di "Aashiqui" di Mahesh Bhatt.

Lalit Pandit dice che le canzoni "Aashiqui" sono state rubate dal Pakistan f

"Le canzoni Aashiqui sono in realtà brani pakistani"

Il compositore indiano Lalit Pandit, metà del rinomato duo di compositori Jatin-Lalit, ha confessato che altri musicisti hanno plagiato canzoni pakistane per brani di Ashiqui.

Lalit ha parlato dell'importanza di rimanere fedeli alle radici musicali e ai ritmi autentici che definiscono la musica di Bollywood.

Durante la conversazione, ha fatto alcune rivelazioni sorprendenti sulle pratiche dei suoi contemporanei, Nadeem-Shravan.

Lalit Pandit ha accusato Nadeem-Shravan di riprodurre diverse canzoni pakistane nei loro album, le più popolari e amate delle quali erano per il musical di Mahesh Bhatt Ashiqui.

Secondo Lalit, il duo si recava spesso a Dubai per ottenere cassette pakistane, che poi replicavano nelle loro composizioni.

Ha detto a Bollywood Hungama: "Francamente parlando, Nadeem-Shravan andava a prendere molte cassette e poi le riproduva".

Questa pratica, ha suggerito Lalit, era un segreto di Pulcinella nel settore.

Ha lasciato intendere che molti fossero a conoscenza di queste attività, comprese le canzoni che sono diventate parte del Ashiqui colonna sonora.

Egli ha detto: "Ashiqui le canzoni sono in realtà brani pakistani, con parole. Molte delle canzoni!”

“La musica di un compositore dovrebbe riflettere il suo stile.

"Se ascolti la nostra, sapresti immediatamente che è musica Jatin-Lalit perché tutto è stato fatto da noi."

Le accuse di Lalit Pandit portano alla luce un aspetto spesso ignorato della produzione musicale a Bollywood.

Di Nadeem-Shravan Ashiqui la colonna sonora, sebbene celebrata, è ora sotto esame per la sua originalità.

Queste affermazioni hanno suggerito che il fascino della canzone potrebbe derivare da una creatività presa in prestito.

Le influenze interculturali tra India e Pakistan sono sempre state significative e l’industria musicale non fa eccezione.

Le affermazioni di Lalit Pandit suggeriscono una forma di ispirazione più diretta, che confonde il confine tra influenza e imitazione.

Sebbene la validità di queste affermazioni possa essere discutibile, hanno certamente provocato un dibattito sulla natura del lavoro creativo nell’industria musicale.

Un utente ha scritto: “Dovrebbero almeno considerare l’importanza di riconoscere e rispettare le fonti di ispirazione e garantire che il credito venga dato dove è dovuto”.

Un altro ha aggiunto: “Immagino che il Pakistan non sia l'unico a copiare il suo vicino. Questo dovrebbe far tacere gli indiani”.

Uno ha detto:

"Sapevo che Bollywood non era in grado di produrre tali capolavori da sola."

Un altro ha commentato: “Il povero ragazzo verrà trollato dal suo paese adesso”.

Bollywood's Ashiqui, presentato in anteprima con grande successo, da allora è diventato un classico di culto, soprattutto grazie alla sua musica incantevole.

Con Rahul Roy e Annu Aggarwal nei ruoli principali, la musica del film è stata composta dall'illustre duo Nadeem-Shravan.

Le loro composizioni tratte dal film continuano a risuonare in tutta l'Asia meridionale, a testimonianza della natura senza tempo delle loro melodie.

video
riempimento a tutto tondo

Ayesha è la nostra corrispondente dall'Asia meridionale che adora la musica, l'arte e la moda. Essendo molto ambiziosa, il suo motto per la vita è: "Anche gli incantesimi impossibili sono possibili".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    I film di Bollywood non sono più per famiglie?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...