Uomini incarcerati per aver frodato oltre £ 600,000 da acquirenti di proprietà

Una banda di uomini è stata incarcerata per aver frodato in modo ingannevole oltre 600,000 sterline da persone a cui era stato detto che stavano acquistando proprietà recuperate.

banda di frodatori incarcerata

"il loro inganno non conosceva limiti"

Una banda di tre uomini è stata condannata al carcere per aver frodato 50 vittime di oltre 600,000 sterline utilizzando un'operazione di frode durata oltre quattro anni.

Gli uomini, Mohammed Naveed Chaudhry, 40 anni, di Leeds, Shaikh Ahmed Rahim, 39 anni, di Cheadle Heath e Mohammed Ibrahim Sidat, 63 anni, di Bolton, sono stati tutti incarcerati per aver ideato la truffa, insieme a un quarto uomo, Ayub Patel , 50 anni, di Blackburn, che ha riciclato denaro per loro ma è stato risparmiato dal carcere.

La banda di truffatori ha convinto le loro vittime a dare loro denaro per le proprietà recuperate che potevano acquistare da loro a prezzi molto bassi.

Alle udienze presso la Minshull Street Crown Court di Manchester, gli uomini condannati sono stati condannati.

Chaudhry e Sidat si sono dichiarati entrambi colpevoli di frode e reati di riciclaggio di denaro e Rahim è stato dichiarato colpevole durante un processo di tre settimane.

Chaudhry è stato incarcerato per cinque anni e tre mesi.

A Rahim furono concessi tre anni e otto mesi.

Sidat è stato incarcerato per due anni e quattro mesi.

Il 27 giugno 2018, Patel è stato condannato a 12 mesi di prigione, sospeso per due anni e condannato a fare 150 ore di lavoro non retribuito.

L'operazione di frode condotta dagli uomini è avvenuta nel nord dell'Inghilterra e ha avuto luogo tra gli anni dal 2011 al 2015.

Gli uomini si sono proposti di convincere i professionisti a frodare facilmente le 50 vittime dei loro soldi.

Chaudhry era il leader nell'operazione di frode su larga scala.

Utilizzava lo pseudonimo di Adam Baksh e spesso fingeva di essere un avvocato che lavorava per il Crown Prosecution Service.

Altre volte ha agito nei confronti di un certo numero di vittime come qualcuno che era in grado di vendere proprietà residenziali recuperate a un prezzo ridotto.

Le vittime sono state presentate a Chaudhry da Rahim e Sadit. Fu presentato loro come il commerciante di affari immobiliari o l'avvocato della CPS che poteva offrire loro schemi genuini di enorme guadagno finanziario.

I tre uomini hanno quindi convinto le vittime interessate a separarsi dai loro soldi con l'impressione che stessero comprando una casa recuperata.

Patel è stato quindi reclutato dal trio per riciclare il denaro fraudolento attraverso il suo conto bancario aziendale. Ha consentito l'elaborazione di 126,000 sterline tramite il suo account.

Il detective Andy Devonshire, della squadra investigativa sulle frodi della polizia di Greater Manchester, ha detto del caso:

“Chaudhry ei suoi complici sono uomini incredibilmente disonesti che hanno attirato le loro vittime con false identità e vuote promesse.

"Hanno sfruttato appieno le persone che si fidavano di loro e hanno truffato più di £ 600,000".

“I truffatori hanno presentato Chaudhry sia come un impiegato del Crown Prosecution Service che come un rispettabile avvocato - il loro inganno non conosceva limiti.

“Spero che le sentenze di oggi forniscano una chiusura alle vittime e che possano iniziare a superare lo stress e il turbamento che questi individui hanno causato loro.

"Adesso hanno tutto il tempo in prigione per rendersi conto che non ne valeva la pena."

Per recuperare tutti i fondi che gli uomini hanno guadagnato dalla loro operazione criminale, verrà richiesto un separato Proceeds of Crime Hearing.

Nazhat è un'ambiziosa donna "Desi" con interessi nelle notizie e nello stile di vita. Come scrittrice con un determinato talento giornalistico, crede fermamente nel motto "un investimento nella conoscenza paga il miglior interesse", di Benjamin Franklin.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Il fumo è un problema tra gli inglesi-asiatici?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...