L'uguaglianza di genere nell'esercito indiano è un mito?

Le donne hanno servito nell'esercito indiano per decenni, ma la loro inclusione sta offuscando il patriarcato? DESIblitz esamina l'uguaglianza di genere nell'esercito indiano.

Caratteristica delle donne nell'esercito

"Voglio dire che le donne sono reclutate nell'esercito indiano per il divertimento degli uomini".

Le ufficiali donne prestano servizio nell'esercito indiano dal 1992, ma l'uguaglianza di genere rimane una delle principali preoccupazioni.

Le donne costituiscono solo il 3% dell'esercito indiano, una piccola percentuale del secondo esercito più grande del mondo.

A prima vista, l'inclusione delle donne nell'esercito sembra essere un passo nella giusta direzione. Tuttavia, gli elementi del patriarcato rimangono profondamente radicati nella società indiana e non sono stati completamente abbandonati.

In effetti, le nozioni patriarcali sono presumibilmente più radicate nell'esercito che in altre parti della società indiana.

Ciò è dovuto alla natura ipermaschile dell'esercito che si scontra con l'immagine stereotipata delle donne indiane.

Indipendentemente da ciò, il numero di donne che entrano nell'esercito è aumentato nel corso degli anni, con più inserzionisti di reclutamento che si rivolgono alle ragazze.

Questa crescita può essere attribuita alla decostruzione degli stereotipi di genere nella cultura indiana in generale.

Tuttavia, tale decostruzione di massa è un processo molto lento e graduale e non può essere perfezionato in pochi anni.

Per questo motivo, l'uguaglianza di genere nell'esercito indiano è ancora gravemente imperfetta.

A causa delle risorse limitate, ci sono poche prove che descrivano accuratamente le esperienze delle donne nell'esercito indiano, ma il silenzio la dice lunga.

Le donne nell'esercito indiano continuano a essere trascurate, sfruttate e molestate sessualmente dalle loro controparti maschili come in altre parti della società.

DESIblitz indaga sulla portata dei diritti delle donne nell'esercito indiano.

Nessuna donna in ruoli di combattimento

Donne in combattimento

L'esercito indiano sembra essere selettivo su ciò che si aspetta che le donne ottengano.

Quando furono accettate per la prima volta nell'esercito, le donne si unirono attraverso lo "Special Entry Scheme" che consentiva loro di prestare servizio per cinque anni. Questo è stato successivamente convertito in Short Service Commission (SSC).

Da allora, l'estensione della libertà è progredita notevolmente, ma è ancora molto scarsa a causa degli obblighi domestici delle donne.

Oggi, la maggior parte delle donne nell'esercito lavora come ingegneri, medici, segnalatori e avvocati.

Akanksha Khullar, un ricercatore che si concentra sull'uguaglianza di genere, ha detto al BBC l'inclusione femminile, da sola, non è una vittoria femminista:

“(Questa non è una) pietra miliare per l'emancipazione femminile, poiché le porte si sono aperte con una capacità estremamente limitata.

“La narrativa sulla sicurezza nazionale dell'India è modellata, limitata e permeata da idee sul genere – con un'evidente predominanza maschile e l'esclusione strutturale delle donne”.

A differenza dell'aeronautica e della marina, l'esercito nega alle donne il diritto di combattere ruoli in cui gli individui si impegnano attivamente con i nemici.

Il capo generale dell'esercito indiano, Bipin Rawat, ha suscitato scalpore durante la presentazione sessista ragioni per cui le donne non possono partecipare al combattimento.

Outlook, una rivista online, cita Rawat che ha detto:

"Non abbiamo messo le donne in prima linea perché ciò in cui siamo impegnati in questo momento è una guerra per procura, come in Kashmir...

“Una donna si sentirebbe a disagio in prima linea”.

Suggerisce che questioni specifiche per le donne come il congedo di maternità causerebbero un "tumulto" e il pubblico semplicemente non è pronto a vedere corpi femminili nelle borse.

Le parole di Rawat sono una testimonianza di quanto sia veramente regressivo l'esercito indiano.

Il concetto legale di impedire alle donne di servire in ruoli di combattimento si basa fortemente sulla prospettiva maschile delle donne e sottolinea la mancanza di uguaglianza di genere.

La percezione di vecchia data delle società delle donne come fragili e passive, impedisce alle donne di eccellere nell'esercito.

Questo perché, contrariamente alle caratteristiche femminili, il combattimento attivo richiede molta aggressività, pulsione e sofferenza fisica. Tutto ciò che gli uomini indiani non sono pronti ad accettare dalle loro donne.

Questo sistema di credenze deriva dall'idea che le donne non sono fisicamente e mentalmente preparate per il combattimento in prima linea.

Tuttavia, ciò riflette l'incapacità del Paese di rifiutare gli stereotipi di genere più della competenza delle donne nell'esercito.

Dimenticano che le dottoresse e le infermiere sono già esposte ai pericoli del combattimento, con molte catastrofi che hanno assistito in prima persona.

Solo perché non si impegnano con il nemico non significa che non stiano rischiando la propria vita salvando gli altri.

Alcuni uomini sviluppano questo sistema di credenze perché proteggere le donne consentirà loro di soddisfare i propri standard di mascolinità.

Molti di loro non riescono a vedersi prendere i comandi da una donna anziana.

D'altra parte, le donne indiane attualmente in servizio nell'esercito suggerirebbero che questi principi sono una scusa per controllare le donne.

In un'intervista con Tempi di Hindustan, una donna in servizio, il tenente colonnello, discute la ridicolaggine della situazione in base alle proprie esperienze:

“Ho fatto pattuglie notturne, ho gestito problemi come dormitori scomodi e servizi igienici.

"Trovo immature le obiezioni all'espansione del ruolo delle donne nelle forze".

“Per quanto riguarda la forma fisica, dipende dal tuo allenamento.

"Non credo per un momento che le donne non possano cavarsela bene nei ruoli di combattimento, questi sono vecchi shibboleth che si rifiutano di andarsene".

Il problema è che l'esercito ha dei preconcetti sulle capacità fisiche e mentali delle donne.

Hanno già deciso che le donne non supereranno i test fisici prima di consentire loro di partecipare.

Altri temono che la partecipazione delle donne "abbatterà la squadra". Tuttavia, queste sono solo scuse per tenere le donne fuori dall'uniforme.

Per lo meno le donne dovrebbero avere l'opportunità di provare i test aerobici senza pregiudizi.

Alcuni sostengono che un paese fortemente criticato per la sua discriminazione di genere, è stato fatto poco per garantire l'uguaglianza di tutti i sessi.

Piuttosto, l'esercito fornisce agli uomini i motivi per esercitarsi patriarcato.

Molestie sessuali

violenza sessuale

Anche nel ventunesimo secolo, molestie sessuali rimane un argomento tabù in India.

Allo stesso modo, l'esercito indiano tenta di nascondere al pubblico eventi di molestie sessuali, volendo affrontare tali questioni in privato.

Con questo sistema, molti casi di molestie sessuali rischiano di rimanere irrisolti.

Il ministro della Difesa AK Antony afferma che tali incidenti sono eventi molto rari, sostenendo che sono "aberrazioni e non la regola".

Nel 2009, Antony ha insistito sul fatto che solo 11 denunce di molestie sessuali erano state presentate in un periodo di cinque anni.

Al contrario, USA statistica stato 2,684 denunce di aggressione sessuale sono state presentate da membri del servizio nell'esercito solo nel 2019.

Quindi, non ci vuole un genio per rendersi conto che le statistiche di Antonio sono altamente irrealistiche.

Semmai, le sue figure idealistiche, suggeriscono una quantità allarmante di casi non denunciati di molestie sessuali.

Tuttavia, nonostante i suoi sforzi per minimizzare l'aggressione, sono emerse voci su tale comportamento che si verificano in segreto.

Un ufficiale dell'esercito di 26 anni, che ha marciato lungo il Rajpath per il "potere delle donne", ha accusato il suo comandante di molestie sessuali.

Le molestie sono iniziate con domande insensibili come 'hai un fidanzato?', ma lentamente sono progredite verso interazioni più invadenti.

L'ufficiale anziano avrebbe poi iniziato a parlare di come gli ufficiali maschi guardano il "seno" e il "culo" delle donne ufficiali mentre salutano e camminano. La vittima ricorda conversazioni simili:

“Mi ha chiamato nel suo ufficio e mi ha detto che le mie mutandine sono visibili su ogni vestito, sia esso uniforme, formale o vestito PT.

"Continuava a chiedermi di cambiare il modello di mutandine che indosso."

"Mi sono vergognato."

Ha anche accusato l'uomo di aver toccato le sue parti intime in alcune occasioni.

Dopo aver sopportato questo abuso nel corso di sei mesi, la vittima ha deciso di denunciare il suo caso.

Tuttavia, è stato mal gestito dagli anziani.

Secondo la legge indiana, i funzionari sono obbligati a istituire un comitato entro 48 ore dalla presentazione della denuncia. Tuttavia, nessuna azione è stata intrapresa fino a 2 mesi dopo.

Suo padre ha inviato a lettera alle autorità che si lamentano di come hanno gestito il caso di sua figlia:

“Sono assolutamente deluso oggi e il motivo è che mia figlia è stata molestata sessualmente dal suo ufficiale in comando e si è lamentata con i superiori.

“In nome dell'azione, i funzionari superiori gli hanno dato (il colonnello che ha sbagliato) un incarico di prudenza.

"Ora la mia bambina sta facendo del suo meglio per non far cadere la testa o le spalle".

Allo stesso modo, in esclusiva colloquio, il vice comandante Karunajeet Kaur descrive come è stata aggredita sessualmente da un poliziotto che si è intrufolato nella sua stanza a mezzanotte in Uttarakhand:

"È entrato nella mia stanza dalla seconda porta e mi ha detto: 'Signora, sono due anni che non tocco una donna e ho un disperato bisogno di una signora'".

Prendendo dalla sua esperienza, Kaur crede che le donne che prestano servizio nell'esercito indiano siano lì per offrire piacere sessuale ai soldati maschi:

“In breve, voglio dire che le donne vengono reclutate nell'esercito indiano per il divertimento degli uomini.

"Faccio appello al governo indiano perché protegga le loro madri e le loro sorelle e avvii un'inchiesta sulla questione per proteggere le donne ufficiali e le soldatesse dell'esercito indiano".

Nonostante la sua posizione di alto rango, l'autore del reato di Kaur non è stato punito per il suo comportamento. Invece, Kaur ha deciso di dimettersi.

Si potrebbe pensare che le dimissioni siano una fine ingiusta per la sua storia, e mentre questo è vero, ci sono stati finali peggiori.

Ad esempio, il capo squadrone Anjali Gupta ha accusato il suo vice maresciallo Anil Chopra di abusi sessuali.

Mentre Chopra è stato promosso a diventare Air Marshal, Gupta è stato licenziato a causa di "indisciplina" e in seguito si è suicidato.

Questi eventi dimostrano che gli alti funzionari dell'esercito indiano sono inadatti a gestire gli episodi di violenza sessuale.

Evidenzia ulteriormente la mancanza di uguaglianza di genere nelle forze armate indiane.

Tuttavia, la colpa è delle leggi indiane, o più specificamente, della loro mancanza.

Ci sono poche o nessuna legge standardizzata che protegga le donne nell'esercito dalla violenza sessuale. È improbabile che i pochi a cui viene dato un processo ne abbiano uno giusto.

Qui, è importante notare che anche gli uomini sono stati vittime di aggressioni sessuali e la legge li ha ugualmente traditi.

Il cannoniere BD Khente ha sparato al suo comandante, Randhir Singh, dopo che Singh lo ha punito per aver rifiutato la sodomia. Al processo, i suoi colleghi lo hanno difeso.

In questo caso, però, Khente è stato condannato all'ergastolo.

Inoltre, la dinamica di potere tra i superiori maschi e le reclute ufficiali è molto ambigua. Questo rende difficile sapere dove stanno i diritti delle donne di fronte a funzionari di alto rango.

Gli alti ufficiali possono usare il loro potere per mettere a tacere, umiliare e minacciare le loro vittime se le accusano di aver commesso un crimine.

In alcune zone dell'India, infatti, accusare un soldato maschio di violenza sessuale è considerato "antinazionale".

Per questo molte donne esitano a farsi avanti per riferire ciò che hanno vissuto.

Pertanto, l'esercito indiano è un luogo pericoloso per esercitare l'uguaglianza di genere.

Life After Service

uguaglianza di genere nell'esercito indiano - la vita dopo il servizio

Il rientro nel mondo normale è un difficile adattamento per molti che se ne vanno soldati. Tuttavia, in India, il ritorno è in genere più difficile per le donne che per gli uomini.

Fino a poco tempo fa, alle donne era vietato scontare più di 14 anni.

Nel febbraio 2020, la Corte Suprema ha stabilito che le donne possono prestare servizio militare a tempo indeterminato e ricevere gli stessi benefici professionali dei soldati maschi.

Tuttavia, la lotta per tale uguaglianza di genere è stata lunga ed estenuante.

La prima denuncia risale al 2003, chiedendo alle donne di ottenere una commissione permanente (PC). Quando non è cambiato nulla, nel 2006 e successivamente nel 2010 sono emerse denunce.

A questo punto, la Corte Suprema ha accettato la sentenza ma il governo indiano si è rifiutato di attuarla.

Il dibattito è durato 10 anni e, alla fine, la Corte ha dichiarato la situazione parziale e ha concesso alle donne una commissione permanente.

Prima di questa sentenza, però, centinaia di donne sono state costrette a lasciare l'esercito, molte non sapendo come rientrare nella società.

Avendo trascorso fino a 14 anni nell'esercito, le donne sono state addestrate come soldati e tenute allo stesso livello di impegno delle loro controparti maschili.

Dedicano questi anni a padroneggiare il loro ruolo nell'esercito solo per essere congedati senza alcuna esperienza di vita reale.

A differenza delle donne, gli ufficiali di sesso maschile hanno la libertà di seguire corsi tecnici avanzati che li aiuteranno nel mercato del lavoro.

Di conseguenza, trovare lavoro dopo la dimissione è stato difficile per le donne.

Oltre a questo, alle donne è stata negata anche la pensione dopo aver lasciato l'esercito.

Solo coloro che avevano prestato servizio per almeno 20 anni avevano diritto a uno, il che implica che le pensioni erano esclusive per i soldati di sesso maschile.

Nidhi Rao ha trascorso 13 anni della sua vita nell'esercito. In un'intervista a Custode, esprime la sua preoccupazione per la ricerca di lavoro durante la pandemia:

"Sono senza lavoro nel mezzo di una pandemia, senza sicurezza finanziaria..."

“La maggior parte di noi ha superato i 30 anni, è sposata e ha figli.

“Alcuni aspettano un bambino; alcuni non hanno potuto pianificarlo a causa dell'incertezza del lavoro.

“Dopo aver servito l'istituzione per più di un decennio, ci chiedono di andare a ricominciare le nostre carriere, a questa età, nel mercato colpito dal Covid.

“Chi ci assumerà? Dove andiamo?"

Il fatto che le esperienze di Rao siano avvenute dopo la sentenza suggerisce che PC e pensioni non venivano date a tutti.

Sincronizzazione dei rivela che del 70% delle donne ammissibili per il PC, solo il 45% è stato commissionato.

Questo numero contrasta nettamente con il 90% degli ufficiali maschi della Short Service Commission che ricevono PC nel 2020.

È anche in netta opposizione all'affermazione dell'esercito secondo cui a 422 su 615 richiedenti è stato concesso il PC.

Una petizione presentata dagli avvocati Archana Pathak Dave e Chitrangda Rastravar suggerisce che queste cifre sono bugie.

Attraverso l'indagine hanno scoperto che a meno della metà dei ricorrenti è stato concesso il PC:

"Il numero effettivo di agenti a cui viene concesso il PC su 615 agenti donne è 277".

Ciò potrebbe essere dovuto ai criteri ingiusti che le donne devono superare prima di ricevere il PC.

I criteri includono il FORMA-1 categoria richiesta, superando il Battle Physical Efficiency Test (BPET) e intraprendendo un incarico AE (Adequately Exercised) per un minimo di due anni.

La fisicità di ogni criterio rende altamente improbabile che le donne passino.

Questo perché molte donne che hanno lasciato l'esercito indiano prima della sentenza ora hanno 40 anni e non hanno la stessa forma fisica di prima.

Ad oggi, circa 68 donne rimangono senza pensione a causa della mancanza di uguaglianza di genere nelle forze armate.

Anjali Sinha accenna alla tensione mentale di vedersi negare un incarico permanente dopo anni di fedeltà:

"Quando ero incinta, mi hanno chiesto di correre 5 km e l'ho fatto...

“Quando ho partorito, sono rientrata nel giro di una settimana per paura di essere retrocessa.

“Ero ritenuto in forma fino a pochi mesi fa. Ma ora, quando chiedo il PC, sono stato dichiarato inadatto.

“Più di ogni altra cosa, ha colpito la mia dignità.

“Sto mettendo in dubbio il mio valore ogni singolo giorno.”

Nonostante alcuni degli aspetti maggiormente regressivi dell'esercito indiano, il cambiamento è in corso e molti uomini e donne si trovano a godersi la vita dell'esercito.

Le donne nell'esercito hanno fatto molta strada dal 1992 e hanno molti più diritti rispetto al passato.

Il fatto che le donne parlino del pregiudizio che sperimentano, da sole, è un passo nella giusta direzione.

Anche il futuro sembra promettente con l'emergere di dibattiti sul ruolo delle donne nell'esercito.

Qualche anno fa sarebbe stato completamente estraneo vedere un comandante donna ricevere rispetto, ma oggi è molto comune.

Vedendo come stanno andando le cose, alla fine, verrà un giorno in cui l'uguaglianza di genere dilagherà nelle forze armate.

Anna è una studentessa universitaria a tempo pieno che si laurea in giornalismo. Le piacciono le arti marziali e la pittura, ma soprattutto creare contenuti che servano a uno scopo. Il suo motto di vita è: “Tutte le verità sono facili da capire una volta scoperte; il punto è scoprirli.”

Immagini per gentile concessione di CNN, Varnam, BBC