Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947

In un'intervista con DESIblitz, Iqbal Khan esplora "Silence" del Tara Theatre, mettendo in luce le storie non raccontate della Partizione del 1947.

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - F

"Così tanti hanno sofferto e sono sopravvissuti in molti modi diversi."

Nel cuore della vibrante scena teatrale del Regno Unito, una straordinaria produzione è pronta a intraprendere un viaggio che promette di illuminare il pubblico nazionale.

L'ultima offerta del Tara Theatre, Silenzio, diretto da Iqbal Khan, è un'esplorazione toccante di un momento cruciale della storia che ha plasmato i destini di milioni di persone.

Mentre ci sediamo con Khan, approfondiamo l'essenza di Silenzio, una produzione che cerca di collegare il passato con il presente, dando voce alle storie non raccontate della Partizione del 1947.

Con un cast stellare che include Tia Dutt, Alexandra D'Sa, Aaron Gill, Mamta Kaash, Asif Khan e Bhasker Patel, Silenzio è destinato a diventare un capolavoro teatrale.

La pièce, ispirata all'acclamato libro di Kavita Puri "Partition Voices: Untold British Stories", e scritta da un talentuoso quartetto di scrittori, promette una sceneggiatura e una scenografia aggiornate che danno nuova vita alle narrazioni di coloro che hanno vissuto la partizione.

Questo tour, che si aprirà al Queen's Theatre Hornchurch, con successive esibizioni in luoghi prestigiosi, è una testimonianza dell'eredità di Abdul Shayek.

Mentre Khan condivide le sue intuizioni e il profondo impatto della regia Silenzio, scopriamo gli strati di questo lavoro necessario e vibrante.

È una storia di resilienza, storie condivise ed echi silenziosi di un passato che continua a risuonare nel presente.

Che aspetto ha e come funziona il Silenzio migliorare la comprensione della storia britannica, indiana, pakistana e del Bangladesh?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 2Penso che distrugga ogni facile senso binario o riduttivo, ad esempio, degli inglesi malvagi e compiacenti rispetto agli indiani vittimizzati.

Si tratta di un episodio complesso e terribile nella storia della nascita della nuova India, del Pakistan e del Bangladesh (il Pakistan occidentale com’era allora).

Vengono esplorati l’eredità della colpevolezza britannica e gli inconcepibili orrori della violenza della spartizione, il percorso della generazione più giovane di asiatici britannici che fa i conti con i propri legami con questa storia.

E lo fa con sfumatura, coraggio e generosità.

Come si adatta l'adattamento delle testimonianze dei sopravvissuti alla Partizione Silenzio accrescerne il significato?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 3La brillante raccolta di testimonianze di Kavita è disponibile, così come la serie che ha realizzato su iPlayer.

Lì abbiamo le voci reali e il contesto delle persone da cui gli scrittori hanno selezionato per questo adattamento.

La differenza ha a che fare con il modo in cui i tanti fatti diversi, la matrice dei traumi e dell'eroismo, della crudeltà e della compassione, i libri catalogano e l'esperienza di stare in compagnia di queste persone.

Non solo capire ma immergersi, sentire cosa vuol dire essere loro.

Condividere una stanza con loro, per così dire, è stata un'esperienza emotivamente molto più immediata e sorprendente.

Abbiamo anche l'opportunità di rappresentare la gamma di esperienze l'una contro l'altra, in modo da farti avere un vivido senso delle esperienze espansive attraverso le divisioni di religione, luogo e generazioni.

In che modo gli aggiornamenti della sceneggiatura e della scenografia dopo la corsa al Donmar Warehouse del 2022 hanno influenzato la produzione?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 4Il set e il design sono stati completamente ripensati.

Rachana Jadhav ha creato uno spazio che consente l'esistenza sia del sacro che del poetico.

C'è un elemento di proiezione e di narrazione d'insieme.

Abbiamo un numero leggermente inferiore di attori che condividono queste testimonianze, ma si tratta di una raccolta di attori molto entusiasmante, la maggior parte dei quali nuovi al pezzo.

Seeta Patel è la nostra direttrice del movimento e apporta al lavoro precisione rigorosa e immaginazione.

La sceneggiatura è stata sviluppata da Abdul (Shayek, regista originale di Silence nel 2022), l'equilibrio e il ritmo dello spettacolo sono cambiati ma essenzialmente le voci che sentiamo sono quelle che erano presenti prima.

Come funziona la regia Silenzio e continuare l'eredità di Abdul Shayek ha un impatto su di te come suo amico e collega?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 1La perdita di Abdul è devastante ma la sua eredità è enorme.

Era determinato a far sì che un pubblico più ampio e comunità in tutto il paese condividessero questo spettacolo e che per questo sarebbe stata creata un'eredità.

Provo solo gratitudine e il privilegio di avere la responsabilità di creare la migliore versione possibile per onorare la sua ambizione.

Come rappresenti in modo accurato e rispettoso le testimonianze dei sopravvissuti alla Partizione? Silenzio?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 5Ovviamente è importante essere informati il ​​più possibile sulla politica e sulla storia di Partizione, immergendoci davvero nella trama della testimonianza vissuta nel libro di Kavita.

Ma, alla fine, gli scrittori che hanno scritto le loro versioni ispirandosi agli originali hanno creato qualcosa che deve essere la nostra guida principale.

Ogni personaggio racconta la propria storia in modi diversi e noi come azienda abbiamo cercato di estrarre questa verità e trovare la forma appropriata per comunicarla.

Non si tratta di realismo, ma di trasformazione e verità emotiva.

Ogni attore ha la propria esperienza, paralleli che informano il loro lavoro.

Spetta a me creare uno spazio in cui tutti si sentano sicuri nell’incontrare verità difficili e traumatiche, per trattenere la rabbia e la disperazione con compassione, in modo da permetterci di essere abbastanza vulnerabili e generosi nel modo in cui condividiamo tutto questo con gli altri e , infine, un pubblico.

Cosa speri che impari il pubblico che non ha familiarità con la storia delle partizioni? Silenzio?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 6Spero che non se ne vadano con conclusioni facili, perché non ce ne sono.

Spero che riusciremo a far loro sentire lo spirito straordinario delle persone che sono sopravvissute a questo capitolo devastante.

Spero che se ne vadano con una comprensione più complessa dei fattori che hanno portato alla divisione e con la sensazione degli impulsi terribili che questo tipo di divisioni imposte possono liberare in tutte le comunità.

E infine, spero che se ne vadano sapendo che anche questa è una parte viva della storia britannica, la storia di tanti che ora hanno fatto della Gran Bretagna la loro casa e hanno contribuito così tanto a renderla il luogo vibrante che è.

Che aspetto ha e come funziona il Silenzio gestire la complessità di rappresentare prospettive diverse attraverso la narrazione comune?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 7La complessità della presentazione delle molteplici prospettive è il punto del pezzo.

Non esiste un account autorevole che lo definisca.

Tanti hanno sofferto e sono sopravvissuti in molti modi diversi.

La nostra sfida è presentarli nel modo più veritiero e chiaro possibile, per costruire la matrice dell'esperienza e consentire al pubblico di sentire e riflettere nel modo di cui ha bisogno.

Voglio stare attento a non distorcere o distrarre, a estetizzare queste esperienze.

In che modo iniziative come la Abdul Shayek Director's Fellowship promuovono la diversità e l'inclusione nel teatro britannico?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 9Questo spettacolo è realizzato da una compagnia di attori che rappresentano modelli per coloro che entrano nel nostro settore in cui le opportunità esistono e stanno crescendo.

Allo stesso modo, spero che il team creativo e i produttori incoraggino tutti a includere la più ampia diversità di voci nel guidare e dare forma al lavoro a venire.

E, infine, questa è un’opera teatrale che mostra che possiamo farci carico delle storie raccontate, ricentrarle e adattare il modo in cui vengono raccontate le nostre storie.

Ho visto la produzione originale al Donmar ed ero molto consapevole di quanto il pubblico ne fosse commosso e scioccato.

Tutto il pubblico, di qualunque provenienza, sembrava riconoscerlo come una parte della loro storia, che si trattasse direttamente delle storie dei loro antenati, o di un'apertura della storia della Gran Bretagna e della sua eredità dell'Impero.

Come vedi Silenzio dare forma alle discussioni future sull'eredità di Partition e sul suo impatto moderno?

Iqbal Khan si tuffa nel profondo del "silenzio" e della spartizione del 1947 - 8Condividere questo spettacolo con un pubblico più ampio nelle regioni è incredibilmente emozionante e importante.

Ci sono generazioni di persone provenienti dalle comunità dell’Asia meridionale che non conosceranno questa storia e coloro che, spero, la riconosceranno e ne condivideranno la verità.

È di fondamentale importanza in questo momento condividere con quanta facilità un senso di differenza imposto, comunque venga definito, attraverso la religione, la classe, la razza e una competizione per le risorse basata su tali differenze può scatenare la peggiore violenza e rottura nelle nostre società.

È importante resistere a questa retorica, celebrare e abbracciare le differenze tra i nostri vicini. Per nutrirsi di loro.

Coloro che sono sopravvissuti al trauma della spartizione sono la più grande guida per comprendere la resilienza e la generosità di spirito necessarie per superare l’odio.

C’è solo speranza nel scegliere l’inclusione e l’amore invece della divisione.

Mentre la nostra conversazione con Iqbal Khan volge al termine, è chiaro che Silenzio è più di un semplice spettacolo teatrale produzione.

La dedizione di Khan nel portare avanti l'eredità di Abdul Shayek Silenzio è palpabile, così come lo è il suo impegno nel condividere questo vibrante pezzo di lavoro con il pubblico in lungo e in largo.

Attraverso il potere della narrazione comunitaria e le testimonianze personali di coloro che hanno vissuto gli ultimi giorni del Raj britannico, Silenzio offre un'opportunità unica di riflessione, comprensione e connessione.

As Silenzio si prepara a lasciare il segno sui palcoscenici di tutto il Regno Unito, ci viene ricordata l'importanza della narrazione nel colmare le divisioni e curare le ferite.



Ravinder è un redattore di contenuti con una forte passione per la moda, la bellezza e lo stile di vita. Quando non scrive, la troverai mentre scorre TikTok.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Che tipo di abuso domestico hai subito di più?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...