La moglie indiana ha "organizzato" l'omicidio del marito di un uomo d'affari nel giorno di San Valentino

Si sospetta che una moglie indiana abbia orchestrato l'omicidio del marito, uomo d'affari, in Kenya il giorno di San Valentino.

La moglie indiana ha "organizzato" l'omicidio di San Valentino del marito dell'uomo d'affari f

"Lei sarebbe stata coinvolta nel complotto dell'omicidio"

Una moglie indiana è stata arrestata con l'accusa di aver orchestrato l'omicidio del marito, uomo d'affari, il giorno di San Valentino.

Velji Jayaben Jayeshikumar, la moglie di Jayesh Kumar, è stata incriminata presso il tribunale di Kibera a Nairobi, in Kenya.

Resterà in custodia di polizia per 14 giorni.

Jayaben è stata arrestata il 21 febbraio 2024, dopo che un'indagine della polizia ha rivelato che era in comunicazione con uno degli altri quattro sospettati.

È stato riferito che era in contatto con il sospettato il giorno di San Valentino, il giorno in cui suo marito è stato ucciso e il suo corpo è stato cosparso di acido.

Si ritiene che la coppia avesse problemi domestici, che hanno portato Jayaben a cercare l'aiuto di un amico per "disciplinare" suo marito.

Il magistrato Irene Kahuya ha dichiarato: “Si presume che sia stata coinvolta nell'omicidio omicidio la trama dopo che l'analisi telefonica ha rivelato che era in contatto con uno dei quattro sospettati arrestati e processati in giudizio presso il tribunale di Kibera il 19 febbraio.

"Si dice che abbia chiesto al sospettato di aiutarlo a disciplinare e torturare suo marito poiché i due avevano dei disaccordi.

"L'altro sospettato ha accettato e ha reclutato altri per eseguire il piano."

Dalle indagini è emerso che avrebbe potuto prendere parte al complotto dell'omicidio.

Jayesh è stato ucciso e il suo corpo è stato cosparso di acido a Lukenya, nella contea di Machakos, il 14 febbraio 2024.

Tuttavia, la moglie indiana non è stata accusata dopo che l'accusa ha richiesto 21 giorni per trattenerla mentre gli investigatori continuavano le indagini.

Attraverso il suo avvocato Ifran Kassam, Jayaben si è opposta alla richiesta.

Il suo avvocato ha chiesto alla corte di concedere all'accusa solo sette giorni per tenerla in custodia, sostenendo che non è a rischio di fuga e vive con il figlio e la suocera che dipendono da lei.

Alla fine il tribunale ha concesso all’accusa 14 giorni per tenerla in custodia di polizia.

Jayaben è stata ripresa dalle telecamere a circuito chiuso il giorno dell'omicidio mentre camminava con il marito e il figlio intorno alle 7 del mattino.

Lo stesso giorno avrebbe chiamato la sua amica affinché agisse contro suo marito.

Si ritiene che il sospettato abbia inviato Jayaben tre ore dopo, dicendole che lui e i suoi complici avevano esaudito i suoi desideri.

Tuttavia, è rimasta turbata quando ha scoperto che suo marito era stato ucciso quando il piano era solo quello di picchiarlo e avvertirlo.

La polizia deve ancora condurre i test del DNA sui resti recuperati dalla scena del crimine.

La polizia vuole anche confermare lo status di immigrato di due sospettati, che sono cittadini indiani, e assicurarsi che tutti e cinque i sospettati siano sottoposti a un esame mentale prima di affrontare le accuse.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    L'era delle bande di Bhangra è finita?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...