Assassino indiano per il processo nel Regno Unito afferma di essere un 'capro espiatorio'

Un assassino indiano dovrebbe affrontare un processo nel Regno Unito. Tuttavia, a nome del suo avvocato, ha affermato di essere un "capro espiatorio" nel caso.

Assassino indiano per il processo nel Regno Unito afferma di essere un capro espiatorio f

"a causa della sua povertà, è diventato un capro espiatorio"

L'assassino indiano Aman Vyas, 34 anni, dovrà affrontare un processo a Londra, nel Regno Unito, durante la prima settimana di ottobre 2019, per aver presumibilmente commesso stupro e omicidio nel 2009.

Tuttavia, a nome del suo avvocato, ha affermato di essere stato trasformato in un "capro espiatorio" perché i media hanno affermato che era figlio di un ricco uomo d'affari quando in realtà proveniva da una famiglia povera.

Vyas, che si trova in custodia giudiziaria in India, è stato accusato di aver ucciso la 35enne Michelle Samaraweera, che è stata trovata morta in un parco giochi per bambini nell'East London nel 2009.

Secondo i media, è stata violentata prima di essere strangolata a morte.

Vyas viveva nel Regno Unito con un visto per studenti. È anche ricercato per altri tre presunti attacchi sessuali, avvenuti anche a East London prima dell'omicidio di Michelle.

Dopo che è stato emesso un mandato di arresto, è andato a vivere con i parenti in India.

Vyas è stato arrestato all'aeroporto internazionale Indira Gandhi di Nuova Delhi nel 2011 dopo aver tentato di prendere un volo per la Thailandia. È stato rilasciato su cauzione.

L'avvocato di Vyas, Amrit Singh, ha ora affermato che non c'erano "prove competenti che implicassero l'imputato in alcun crimine".

Ha detto: “I media hanno riportato erroneamente che Vyas era il figlio di un ricco uomo d'affari in India. È figlio di un insegnante di scuola privata in pensione molto povero e sua madre è una casalinga.

“I suoi genitori vivono in una modesta casa a Meerut nell'Uttar Pradesh e, a causa della sua povertà, è diventato un capro espiatorio poiché l'India voleva riportare Vijay Mallya. I funzionari indiani si sono occupati negligentemente di questo caso ".

Il signor Singh ha continuato spiegando che Vyas ha ricevuto un certificato di autorizzazione dalla polizia di Londra il 16 luglio 2010.

L'assassino indiano l'aveva voluto per aver ottenuto un visto di visita per se stesso per la Nuova Zelanda.

Il signor Singh ha aggiunto che il certificato affermava:

“Non è stato comunque implicato e, di conseguenza, ha attestato che non ci sono state denunce negative contro di lui”.

Secondo la polizia di Londra, una persona era responsabile degli stupri seriali e di un caso di omicidio, ma il loro medico legale aveva un'opinione diversa.

Il signor Singh ha spiegato che il tribunale di Londra che aveva emesso il mandato di arresto non era un tribunale competente in questo caso.

L'ordine era stato approvato senza una corrispondenza del DNA o prove alternative equivalentemente affidabili e senza un'adeguata indagine a sostegno della mossa di arresto.

Singh ha dichiarato: "Il governo indiano era a conoscenza del fatto che il mandato contro Vyas non proveniva da un tribunale competente nel Regno Unito e per nascondere questa irregolarità, ha omesso di presentare una copia del mandato emesso dalla Barking Magistrate Court, Londra, e ha scelto invece di presentare false argomentazioni in un tribunale di Delhi ".

L'estradizione di Vyas nel Regno Unito è stata ordinata dal tribunale di Delhi il 18 dicembre 2018. È stato poi preso in custodia.

India Today ha riferito che Singh ha dichiarato che il suo cliente si sarebbe presto avvicinato alla Corte Suprema per fare appello contro l'ordine di estradizione.

La sorella di Michelle, Ann Chandradasa, ha detto: "Sono lieta che mia sorella possa finalmente ottenere un processo dopo tutti questi anni".

A nome della famiglia di Michelle, nel 2018, la deputata laburista Stella Creasy ha esortato l'allora primo ministro Theresa May a sottolineare il caso con il primo ministro indiano Narendra Modi durante la sua visita nel Regno Unito nell'aprile 2018 nel tentativo di accelerare l'estradizione di Vyas.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Di che colore è #TheDress che ha fatto il giro di Internet?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...