Indian Art Collection andrà a New York dopo il rifiuto del Regno Unito?

Si dice che una collezione d'arte indiana di proprietà di Sir Howard Hodgkin andrà a New York dopo che il Regno Unito l'ha rifiutata.

Collezione d'arte indiana in arrivo a New York dopo il rifiuto della Gran Bretagna_-f

il museo si è offerto di esporre le opere d'arte legali

Si dice che una collezione d'arte indiana di proprietà del pittore britannico Sir Howard Hodgkin si trasferirà a New York.

Secondo quanto riferito, il Metropolitan Museum of Art di New York, USA, sta pensando di acquistare ed esporre la collezione.

La collezione d'arte indiana comprende oltre 115 dipinti e disegni indiani dal XVI al XIX secolo e per un valore di oltre 16 milioni di sterline.

Hodgkin inizialmente desiderava che, dopo la sua morte, tutta la sua collezione d'arte indiana venisse trasferita nella sua interezza all'Ashmolean Museum di Oxford.

Tuttavia, il museo ha rifiutato l'offerta sollevando alcune domande sullo status giuridico di alcune opere d'arte.

L'Ashmolean Museum ha la più completa collezione di oggetti del subcontinente indiano di qualsiasi museo britannico al di fuori di Londra.

Collezione d'arte indiana in arrivo a New York dopo il rifiuto della Gran Bretagna_- arco

I Custode ha riferito che il museo ha rifiutato la collezione a causa di preoccupazioni sulla provenienza delle opere.

In una dichiarazione, un portavoce del museo ha dichiarato:

"Un ente finanziatore ha avvertito privatamente il museo che, senza la prova che alcune opere hanno lasciato l'India completamente legalmente, non avrebbe offerto una sovvenzione per l'acquisto e anche le sovvenzioni future potrebbero essere influenzate se il museo lo avesse acquisito comunque."

Andrew Topsfield, un curatore onorario presso l'Ashmolean con una specializzazione in arte del periodo Mughal, ha spiegato che il 40% delle opere nella collezione aveva una provenienza "chiara e sicura", completamente documentata che dimostrava che le opere avevano lasciato l'India legalmente.

Sebbene il museo si offrisse di esporre le opere d'arte legali, Hodgkin aveva sempre desiderato che la collezione rimanesse insieme.

Quindi l'affare non è andato a buon fine.

L'Ashmolean Museum aveva precedentemente esposto la collezione di Hodgkin in un esposizione in 2012.

La mostra era intitolata "Vision of Mughal India".

Il partner di lunga data di Hodgkin, il critico musicale Antony Peattie, ha rivelato che ora l'accordo è stato offerto al Metropolitan Museum of Art.

Ha confermato che l'acquisizione era in discussione al Metropolitan Museum, ma ha chiarito che "nulla è ancora risolto".

Il Metropolitan Museum detiene già oltre una dozzina di opere di Hodgkin nella sua collezione permanente.

Inoltre, il museo possiede anche diverse opere d'arte precedentemente appartenenti o acquistate con fondi da Hodgkin.

Alcune di queste raccolte includono un file pittura di uno stallone (1601-6 circa) dell'attuale Afghanistan, una pagina di album con soggetti cristiani della fine del XVI secolo e un dipinto del XVII secolo con i preparativi per la caccia.

Collezione d'arte di Hodgkin

Collezione d'arte indiana in arrivo a New York dopo il giardino del rifiuto della Gran Bretagna

La prima opera d'arte indiana di Hodgkin era una rappresentazione colorata di persone che oziano in un giardino dipinto ad Aurangabad nel XVII secolo.

Ricordando il suo primo acquisto di un indiano opera d'arte, Hodgkin ha detto:

“Dovevo avere circa quattordici anni.

"Non ricordo come l'ho pagato."

Ricorda di aver scommesso su una corsa di cavalli per raccogliere fondi per l'acquisto dell'opera d'arte. Tuttavia, ha perso la scommessa.

Parlando della provenienza dell'arte, Antony Peattie ha detto:

"Le priorità quando Howard collezionava negli anni '1970, '1980 e '1990 erano la qualità, non la provenienza."

Ha spiegato che Hodgkin ha acquistato opere d'arte da rivenditori internazionali senza preoccuparsi del percorso legale dell'opera dall'India.

Possedendo la sua ispirazione per l'India, Hodgkin ha detto:

"[L'India] ha cambiato il mio modo di pensare e, probabilmente, il modo in cui dipingo."

Hodgkin ha detto che queste opere d'arte erano guidate da un occhio artistico, piuttosto che da uno studioso.

Aveva un vivo interesse per l'arte Mughal e le raffigurazioni di elefanti.

Sir Howard Hodgkin è morto nel 2017 all'età di 84 anni.

Hodgkin è un vincitore del Turner Prize rinomato per le sue astrazioni dai colori vivaci.

Nel 1992 gli è stato anche commissionato di dipingere un grande murale per l'edificio del British Council a Nuova Delhi.

Shamamah è una laureata in giornalismo e psicologia politica con la passione di fare la sua parte per rendere il mondo un luogo pacifico. Ama leggere, cucinare e cultura. Crede in: "libertà di espressione con rispetto reciproco".

Immagini per gentile concessione di Guardian e Telegraph