Un accademico indiano vince 450 sterline per la discriminazione "inconscia" dell'Università

L'Università di Portsmouth deve pagare 450,000 sterline a un'accademica indiana per discriminazione "inconscia" quando non è riuscita a riconfermarla.

Docente indiano discriminato dell'Università di Portsmouth f

“I pregiudizi inconsci sono perniciosi e distruttivi”

Un'accademica indiana ha ricevuto 450,000 sterline di risarcimento danni dopo che un'università è stata influenzata da pregiudizi inconsci "perniciosi e distruttivi" quando non è riuscita a riconfermarla.

Un tribunale ha ritenuto che la dottoressa Kajal Sharma fosse stata discriminata dai capi dell'Università di Portsmouth quando non aveva presentato domanda per continuare il suo ruolo nella facoltà di Economia e Giurisprudenza.

Nonostante abbia svolto il lavoro per cinque anni, il Università non è riuscito a riconfermarla.

Invece, è stato reclutato un candidato bianco inesperto.

Per un periodo di tre anni, il dottor Sharma è stato uno dei soli due docenti senior dell'università a non essere riconfermato al loro incarico.

È stata l'unica candidata di una minoranza etnica a presentare domanda di riconferma durante quel periodo, mentre 11 colleghi bianchi su 12 erano stati mantenuti.

Il giudice del lavoro Catherine Rayner ha dichiarato:

“Il fatto che la discriminazione non sia stata intenzionale o deliberata in questo caso non riduce il livello di dolore vissuto dal [dottor Sharma].

“I pregiudizi inconsci sono perniciosi e distruttivi, e [lei] aveva il diritto di presumere che i membri senior delle istituzioni accademiche si sarebbero comportati con scrupolosa equità e fossero consapevoli della possibilità dei propri potenziali pregiudizi”.

La Dott.ssa Sharma ha iniziato a lavorare all'inizio del 2016 come responsabile associata per gli studi organizzativi e la gestione delle risorse umane con un contratto di cinque anni.

L'accademica indiana e il suo manager, il professor Gary Rees, hanno avuto un rapporto “difficile”.

La dottoressa Sharma ha citato esempi di trattamento ingiusto, tra cui il desiderio che lei studiasse all'università poco dopo la morte di suo padre e il mancato sostegno mentre si prendeva cura del figlio malato.

Mentre il suo contratto si avvicinava alla scadenza, la professoressa Rees non riuscì a dire alla dottoressa Sharma che il suo lavoro veniva pubblicizzato.

Dopo aver partecipato al processo di selezione, ha perso contro Kerry Collier.

Ha presentato reclami ma l'università li ha “ignorati”.

Ciò ha portato a un’indagine “inutilmente lenta” che ha concluso che la donna non era stata trattata ingiustamente.

La dottoressa Sharma ha portato l'università in tribunale, denunciando discriminazione razziale e vittimizzazione.

Il tribunale ha affermato di non essere convinto dalla spiegazione del professor Rees sul motivo per cui aveva preferito la candidatura della signora Collier a quella del dottor Sharma.

Diceva: “Abbiamo scoperto che l’onere della prova richiede (all’università) di spiegare pienamente perché il processo di selezione non è stato motivato consciamente o inconsciamente dalla razza.

“Non siamo soddisfatti della spiegazione.

“Su questa base, avremmo scoperto che il processo è stato viziato dalla discriminazione razziale”.

“Sebbene il professor Rees sia chiaramente un rispettato accademico senior, la sua riluttanza a riconoscere le competenze, le capacità e le aspirazioni della dottoressa Sharma, e il suo fallimento nel sostenerla e incoraggiarla nel modo in cui sosteneva e incoraggiava altri membri bianchi dello staff, indicano un subconscio o pregiudizi inconsci.

Fiona Hnatow, responsabile del personale dell'Università di Portsmouth, ha detto al tribunale:

“A nome dell’università, vorrei scusarmi per la condotta ritenuta illegale e per l’impatto che questa ha avuto sulla dottoressa Sharma e sulla sua famiglia.

"Non ci sono scuse per la discriminazione razziale all'università e riconosciamo e accettiamo la forza del giudizio del tribunale."

Il dottor Sharma ha ricevuto un risarcimento di almeno 450,000 sterline con la possibilità di ulteriori 300,000 sterline a seconda del calcolo della pensione dopo che il tribunale ha concluso che il processo di selezione era “contaminato dalla discriminazione razziale”.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Qual è la tua Naan preferita?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...