Il proprietario di un negozio indiano riceve lettere offensive per le bandiere dell'Inghilterra

Il proprietario di un negozio indiano è stato preso di mira con lettere offensive per aver esposto le bandiere dell'Inghilterra nel suo negozio a sostegno della squadra nazionale ai Mondiali 2018.

bandiere inghilterra gms

"È scioccante come pensano le persone di mentalità arretrata"

Il proprietario di un negozio indiano ha ricevuto lettere offensive per aver esposto le bandiere dell'Inghilterra sopra il suo negozio a sostegno della squadra inglese che giocava al torneo della Coppa del mondo di calcio 2018.

Singh, manager della GMS Heating & Plumbing Spares con sede a Ilford, nel Regno Unito, ha affermato di essere rimasto scioccato nel ricevere tali lettere in cui gli si diceva che essere indiano significa che non dovrebbe sostenere l'Inghilterra.

Tuttavia, è ribelle e dice che tali lettere di odio non lo dissuaderanno dal sostenere l'Inghilterra o gli impediranno di esporre le bandiere di San Giorgio nei suoi locali commerciali.

La mail di odio che ha ricevuto è arrivata dopo aver esposto le bandiere dell'Inghilterra giovedì 21 giugno 2018, in tempo prima della partita del girone inglese contro Panama, mostrando il suo sostegno alla nazionale.

Sembra che le lettere siano state inviate al signor Singh da persone che non sono d'accordo sul fatto che sia patriottico nei confronti dell'Inghilterra ed è sbagliato da parte sua, essendo un "indiano".

Sconcertato dal contenuto delle lettere, l'imprenditore che si occupa di riscaldamento e impianti idraulici, ha detto che ha sostenuto l'Inghilterra negli ultimi 20 anni ogni volta che hanno giocato ai mondiali e le lettere lo stavano effettivamente incitando ancora di più ora .

Il signor Singh ha detto all'Ilford Recorder:

"Siamo un'azienda di famiglia che mio padre ha avviato più di 30 anni fa."

“Vive in questo paese da circa 40 anni e amiamo questo paese altrimenti non saremmo qui.

"Sostenere l'Inghilterra durante il calcio è divertente e fa parte del divertimento - e alcune persone sembrano pensare che sia sbagliato da parte nostra perché siamo indiani?"

Le lettere che riceveva erano anonime e scritte a mano con una grafia che conteneva un inglese scadente.

bandiere inghilterra lettera abusiva

In una nota, l'autore ha scritto:

"Hai messo una bandiera sbagliata fuori dal tuo negozio quando vieni dall'India, hai dimenticato il colore della tua pelle."

Mentre dice al signor Singh che non dovrebbe mostrare le bandiere "britanniche", la nota gli dice in modo confuso di mostrare invece la "bandiera del Pakistan", che è, ovviamente, un paese diverso dall'India.

La nota attira quindi l'attenzione sul razzismo che il signor Singh otterrebbe per aver esposto le bandiere e dice:

"Se gli skinhead del National Front vedono questa bandiera all'esterno, ti risponderanno in India senza i pantaloni."

Il signor Singh ammette che, sebbene le lettere non lo scoraggino, hanno frenato la celebrazione della Coppa del Mondo e, in particolare, il suo sostegno all'Inghilterra. Egli ha detto:

"È scioccante come le persone di mentalità arretrata pensano che sostenendo il paese in cui vivi, disonorerai la nostra religione o insulterai l'India".

"Queste sono le persone sbagliate, non quelle a cui piace far parte della cultura inglese."

Reagendo alle lettere offensive ricevute dal signor Singh, David Landau, assistente sociale senior dell'ente di beneficenza Redbridge Equality and Community Council, ha dichiarato:

"Questa è una situazione piuttosto insolita, ma l'abuso è un abuso e se qualcuno viene abusato per aver messo le bandiere dell'Inghilterra, è sbagliato".

"Non dovrebbe succedere e il razzismo deve essere condannato".

Il signor Singh ha detto che non sono stati solo i suoi affari a ricevere la posta di odio per aver esposto le bandiere dell'Inghilterra, ma anche un'altra azienda a Ilford Lane ha ricevuto simili lettere offensive.



Amit ama le sfide creative e usa la scrittura come strumento di rivelazione. Ha un grande interesse per le notizie, l'attualità, le tendenze e il cinema. Gli piace la citazione: "Niente in caratteri piccoli è mai una buona notizia".

Immagini per gentile concessione di GMS Ltd.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Era giusto deportare Garry Sandhu?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...