Ho fatto sesso prima del matrimonio e i miei genitori indiani mi hanno rinnegato

In alcune famiglie il sesso prima del matrimonio è visto come un disonore. Come è avvenuto per Asneet Lalli che è stata ripudiata per la sua intimità prematrimoniale.

Ho fatto sesso prima del matrimonio e i miei genitori indiani mi hanno rinnegato

"Mia madre stava già preparando la mia valigia"

Tra le norme culturali sostenute dalle famiglie dell'Asia meridionale, il sesso prematrimoniale rimane ancora un tabù in alcune famiglie. 

Questa convinzione profondamente radicata spesso porta le persone a fare i conti con le proprie emozioni e a compiacere la propria famiglia, soprattutto se cresciute con anziani severi. 

Sebbene le relazioni e l'intimità prima del matrimonio siano ampiamente accettate, ci sono aree in cui ciò è proibito. 

Fare sesso, in particolare, rimane un argomento profondamente delicato.

Radicata nella storia e nel desiderio di preservare l'onore della famiglia, l'aspettativa dei genitori di astenersi dal sesso fino al matrimonio è ancora sostenuta da alcuni. 

La pressione per mantenere la reputazione della famiglia può essere immensa.

E le persone che osano sfidare questa norma possono affrontare gravi conseguenze, incluso il disconoscimento.

Con questa idea, abbiamo parlato con Asneet Lalli*, una donna indiana britannica di Londra, Regno Unito. 

Condivide le complessità della sua relazione segreta e le conseguenze devastanti della sua rivelazione. 

Tradizione e confusione

Ho fatto sesso prima del matrimonio e i miei genitori indiani mi hanno rinnegato

Crescendo nel cuore della vivace comunità dell'Asia meridionale di Londra, i bambini vengono cresciuti imparando tradizioni e valori della comunità. 

Asneet descrive in dettaglio come la sua educazione sia stata una ricca visione della sua cultura.

Tuttavia, spiega anche come è stata cresciuta in un certo modo, ma ha iniziato a mettere in discussione le cose man mano che cresceva: 

“Fin dall'inizio sono stato circondato dalle radici indiane dei miei genitori.

“Usavamo quei tipi di scope per erba che usano nel pind e mangiavamo sempre proteh a colazione (cosa che non mi dispiaceva).

“Ho anche imparato i valori del rispetto, dell'onore e dei matrimoni all'interno della nostra cultura.

"Siamo stati educati a credere in una relazione tra uomo e donna, matrimonio combinato, comprare una casa, avere figli e poi ripetere il ciclo. 

“A quel tempo, non ci ho prestato molta attenzione. Ma ho sempre notato come mia madre spettegolava sui cugini che avevano trovato una ragazza da soli (matrimonio d'amore).

“Nota come non spettegolavano sulle ragazze che trovavano un ragazzo da sole perché anche quando stavo crescendo, quello era fondamentalmente un crimine.

“Era un mondo in cui i matrimoni d'amore sembravano favole e l'idea delle relazioni prematrimoniali rimaneva uno stigma.

“Nella nostra famiglia unita, le conversazioni su sesso e relazioni erano inesistenti, come se quelle cose non esistessero nemmeno.

"I miei genitori erano determinati a preservare la tradizione e l'ordine in casa".

“Mi hanno trasformata in una figlia rispettosa che un giorno avrebbe seguito il percorso che avevano pianificato per me.

“Qualsiasi accenno di curiosità che avevo è stato evitato e avevano metodi diversi per assicurarsi che tali discussioni fossero rigorosamente vietate.

“Cambiavano sempre canale se le coppie stavano per baciarsi in tv, o ai matrimoni, mi toglievano dal tavolo se gli zii facevano battute sporche. 

“Qualsiasi menzione di relazioni o storie d'amore in libri, notizie o conversazioni è stata rapidamente accolta con un cambio di argomento o un gentile promemoria per concentrarsi su questioni più appropriate.

“Le loro convinzioni hanno filtrato qualsiasi contenuto che si allontanasse dalla tradizione.

“Mi ha lasciato con una comprensione limitata dell'amore o delle connessioni umane di base. 

“Anche se parlavano costantemente dell'importanza dei matrimoni combinati. 

“Papà raccontava storie di coppie che stavano sbocciando perché si erano arrangiate. Ma ogni volta che li vedevo di persona, sembravano così infelici.

“Quando sono diventata una giovane donna, ho abbracciato il mio ruolo di figlia e ho adempiuto al mio dovere.

"Ma, con il passare degli anni, il mondo esterno è venuto rapidamente da me e mi ha aperto gli occhi sulla 'vita reale'." 

L'educazione di Asneet è stata chiaramente guidata dalla guida e dai valori della sua famiglia.

Sebbene abbia rispettato le loro istruzioni e il modo in cui è stata cresciuta, è evidente che si sentiva limitata ed era curiosa della vita fuori casa. 

Un amore segreto

Ho fatto sesso prima del matrimonio e i miei genitori indiani mi hanno rinnegato

Una delle altre "tradizioni" all'interno della cultura dell'Asia meridionale è assicurarsi che i bambini abbiano una buona istruzione e una fiorente carriera.

Ancora una volta, questa narrativa sta cambiando. L'università non è tenuta ai più alti standard come una volta.

Ma ad Asneet fu ordinato di andarci, poiché la convinzione era che l'università avrebbe portato a un lavoro migliore e quindi a uno stipendio migliore.

Questo è stato un momento entusiasmante per Asneet poiché il numero di donne dell'Asia meridionale autorizzate ad andare all'università non era così grande come nel mondo moderno.

Oltre all'istruzione, descrive in dettaglio come questo periodo avrebbe cambiato la sua vita per sempre:

“Rohan e io ci siamo conosciuti durante gli anni dell'università. 

“Era uno spirito estroverso e avventuroso, e sono stato subito attratto dalla sua personalità.

“La nostra amicizia è diventata più profonda e ci siamo ritrovati ad innamorarci.

“Ero molto titubante perché questi sentimenti erano nuovi ed ero consapevole del punto di vista dei miei genitori sulle relazioni prima del matrimonio.

“Ciò che ha reso il tutto ancora più impegnativo è stato il fatto che Rohan appartiene a una casta diversa. Quindi, sapevo che questo era un no-no. 

“Non sapevo cosa fare, ma dovevo seguire il mio cuore.

“Sposarsi all'interno della propria casta era una regola non scritta ei miei genitori non facevano eccezione nel tenere questa convinzione vicino ai loro cuori.

“Con il progredire della nostra relazione, io e Rohan eravamo consapevoli dei rischi che stavamo correndo.

“Abbiamo deciso di tenere nascosta la nostra relazione ai miei genitori.

“Sapevamo la rabbia e la delusione che li avrebbe portati se l'avessero scoperto.

“L'ho conosciuto di nascosto e ho usato la vecchia scusa: 'vado a studiare in biblioteca'.

“Abbiamo riso, esplorato e condiviso i nostri sogni insieme.

"Sapevo che era amore, non so come, ma potevo sentirlo."

“Quando si è trattato di fare sesso per la prima volta, l'ho rifiutato. Gli ho detto che era troppo lontano. Gli ho detto che volevo aspettare. 

“Facevamo altre cose anche se ero riluttante. Questa era la mia prima volta per tutto, quindi ero spaventato.

“Rohan era così comprensivo e gentile. Non mi ha mai fatto pressioni e questo ha fatto aumentare ancora di più i miei impulsi.

“Alla fine abbiamo fatto sesso per la prima volta e dopo non siamo più riusciti a smettere. 

“Ma non riuscivo a scrollarmi di dosso il peso della tradizione che incombeva su di noi. 

“Rohan credeva che, col tempo, avremmo trovato un modo per colmare il divario tra noi e la nostra famiglia.

“La sua fiducia nel nostro amore mi ha dato forza.

"Abbiamo deciso di continuare a vederci di nascosto e di capirlo una volta che avessimo lasciato l'università".

Il racconto di Asneet sottolinea come alcuni sud asiatici possano entrare in conflitto tra le opinioni dei loro genitori e le proprie emozioni.

Anche se Asneet e Rohan erano entrambi ben consapevoli del contraccolpo che avrebbero potuto affrontare, ciò non ha impedito loro di amarsi.

Tuttavia, per quanto tempo potrebbero tenere nascosta la loro relazione?

La scelta proibita

Ho fatto sesso prima del matrimonio e i miei genitori indiani mi hanno rinnegato

Come molti asiatici del sud, le relazioni segrete non sono una novità. 

Mentre alcune coppie vivono il loro amore in segreto e alla fine possono sposarsi, altre aspettano troppo a lungo per condividere le loro notizie e di conseguenza si lasciano.

Asneet e Rohan non erano né qui né là. Quindi, come accennato prima, avrebbero aspettato finché non si fossero sentiti abbastanza coraggiosi da fare coming out con le loro famiglie. 

Tuttavia, la loro pazienza avrebbe avuto un prezzo: 

“I segreti hanno un modo per essere svelati e il nostro non ha fatto eccezione.

“Io e Rohan ci scambiavamo lettere quando ci siamo lasciati per le vacanze estive. 

“Dato che ero sempre a casa con mia madre, sarei stato il primo ad arrivare alla posta, quindi sapevo che i miei genitori non mi avrebbero visto. 

“Una sera, ero in cucina con mia madre e mio padre è entrato con una delle lettere di Rohan in mano.

«L'aveva trovato nella mia stanza. Ho lasciato il mio cassetto aperto e la busta era lì con dei cuori d'amore attorno al mio nome.

“Ha letto la lettera e, naturalmente, Rohan parlava di noi che facevamo sesso o di lui che era arrapato e mi mancava. 

“A questo punto della nostra relazione, ero abbastanza a mio agio con lui per avere quelle conversazioni.

“Ma ovviamente, tuo padre che vede una cosa del genere non va affatto bene.  

“La lettera non è mai stata pensata per gli occhi di mio padre, e il mio cuore è sprofondato mentre leggeva le parole ad alta voce.

“Il viso di mio padre era pieno di rabbia, i suoi occhi erano ardenti come non li avevo mai visti.

“La mamma è andata a vedere la lettera e la delusione sul suo viso mi ha fatto piangere. Nessuno vuole vedere i propri genitori così. 

“Mi hanno affrontato e mentre ero lì, le lacrime mi rigavano le guance. Sapevo che non c'era più modo di sfuggire alla verità.

"Mi hanno chiesto perché li ho traditi e perché sono andato contro i loro desideri".

“Mio padre mi insultava, cose che non voglio ripetere.

“Ma fondamentalmente parlavano di quanto fossi sporca, che ero una vagabonda e non sono sua figlia. 

“La mamma è rimasta zitta ma alla fine ha parlato e ha detto che l'avevo fatta vergognare. Mi ha chiesto come potevo fare sesso quando ero stato educato così bene. 

“Ho detto loro di non concentrarsi sul sesso ed ero solo innamorato. 

“Ho cercato di spiegare cosa provavo per Rohan, ma le mie parole sono cadute nel vuoto.

“Ai loro occhi, avevo offuscato il reputazione della nostra famiglia, e non c'era spazio per la comprensione o la compassione.

“Con il passare dei giorni, l'atmosfera nella nostra casa era soffocante.

“I miei genitori si sono rifiutati di accettare la mia relazione con Rohan.

“Abbiamo litigato aspramente e alla fine mio padre mi ha detto di uscire di casa. Mia madre stava già preparando la mia valigia. 

“Li stavo supplicando di smetterla, ma la rabbia di papà era così insopportabile ed entrambi mi hanno detto di andarmene e di non tornare mai più.

“Sono dovuto andare a casa di un mio amico perché la mia famiglia sapeva già la notizia e mi aveva bandito dalla loro vita.

“Le settimane dopo, ho provato a chiamare mia madre o ad andare a casa, ma non c'era risposta o risposta.

“Alla fine, Rohan e io ci siamo trasferiti insieme. Per fortuna i suoi genitori sono stati un po' più comprensivi, quindi ho ancora degli anziani nella mia vita a cui rivolgermi.

“È l'esperienza più straziante che abbia mai vissuto. Come faccio a spiegare ai miei figli che i loro nonni non vogliono mai vederli?

"In ogni caso, continuerò a provarci con i miei genitori e spero che un giorno possano finalmente vedere che ero solo innamorato."

Il tabù che circonda il sesso prima del matrimonio e l'intimità nella cultura dell'Asia meridionale deriva dal desiderio di preservare valori profondamente cari.

Tuttavia, le storie di Aisha e di altri come lei ci ricordano che le norme culturali non dovrebbero essere barriere rigide.

Diventa evidente che sono necessarie conversazioni sincere e rispetto reciproco all'interno delle famiglie per abbattere alcune sfide.  

Il viaggio di Aisha ricorda che l'amore, in tutte le sue forme, ha il potere di trascendere i confini e trasformare le vite.

Che sfidi la tradizione o si allinei alle norme culturali, l'amore è una forza che ci unisce tutti come esseri umani in una ricerca condivisa di connessione e appartenenza.

Balraj è un vivace laureato in scrittura creativa. Ama le discussioni aperte e le sue passioni sono il fitness, la musica, la moda e la poesia. Una delle sue citazioni preferite è "Un giorno o un giorno. Tu decidi."

* I nomi sono stati cambiati per l'anonimato.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale di questi usi di più nella tua cucina desi?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...