Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

Mentre il mondo piange la morte di Sua Maestà la Regina Elisabetta, diamo uno sguardo ai suoi affari con l'India e discutiamo della loro relazione storica.

Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

"Dobbiamo imparare dalla tristezza e costruire sulla gioia"

L'8 settembre 2022, la morte della regina Elisabetta ha provocato onde d'urto in tutto il mondo, in particolare nei paesi del Commonwealth.

L'India e la Gran Bretagna hanno una storia di lunga data piena di colonialismo e spargimenti di sangue, ma anche di prosperità e unità.

Non è giusto dire che l'alleanza è andata a gonfie vele. È stato affollato di polemiche per oltre 300 anni.

Ma com'era il rapporto della regina Elisabetta con l'India? Il suo status l'ha resa il capo della nazione che ha governato l'India per molti anni, cosa che molti non possono dimenticare.

Tuttavia, altri indiani la vedevano come una figura di positività e progresso.

Discutiamo i punti di discussione del legame di Sua Maestà con l'India e cosa significano la sua presenza e morte per il Paese e la sua gente.

Sua Maestà e l'India: una nuova strada da percorrere?

Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

Il 1947 segnò la fine del Raj britannico e il padre della regina Elisabetta, re Giorgio VI, fu l'ultimo imperatore dell'India.

Tuttavia, re Giorgio VI abbandonò questo titolo nello stesso anno e servì invece come "Re dell'India".

Tre anni dopo, nel 1950, l'India divenne una repubblica ei suoi legami con la monarchia britannica furono interrotti. Mentre la spartizione ha consentito l'indipendenza dell'India, il trauma del suo passato è rimasto.

Nel 1953, una regina Elisabetta dal volto fresco divenne la regina d'Inghilterra e delle nazioni del Commonwealth dopo la morte di suo padre, Giorgio VI.

Fu solo sei anni prima che la regina annunciò il suo fidanzamento con Filippo.

Durante questo periodo di giubilo e lutto, la nazione ha abbracciato l'atteggiamento timido ma prospero e pacifico della regina Elisabetta.

Era questo tipo di positività che Sua Maestà ha voluto infondere nelle relazioni del Regno Unito con l'India. Dopotutto, l'India stava ancora vacillando dai vincoli del dominio britannico durato 89 anni.

Non furono solo gli aspetti sociali e politici dell'India a essere repressi dagli inglesi, ma anche l'economia subì un enorme colpo.

È riportato da fonti come VICE e Jason Hickel per Al Jazeera quei 45 trilioni di dollari, circa 38.4 trilioni di sterline, furono drenati dall'India dalla Gran Bretagna tra il 1765 e il 1938.

Tuttavia, per ricostruire il rapporto tra le due nazioni, le visite della regina Elisabetta in India furono vitali.

La prima visita è stata particolarmente importante perché ha sottolineato l'appello di Sua Maestà a continuare un rapporto fiorente con il paese in cui entrambi avrebbero potuto sbocciare.

Dopo la sua prima visita, The Times ha sottolineato come la regina Elisabetta fosse molto più della monarchia prima di lei, affermando:

"Elizabeth non è venuta come una sovrana condiscendente in un tour di un impero, ma come una pari."

Non era un segreto che la regina adorasse l'India, nonostante le tensioni passate. Ha effettuato un totale di tre visite di stato e in un indirizzo ha detto:

"Il calore e l'ospitalità del popolo indiano e la ricchezza e la diversità dell'India stessa sono stati un'ispirazione per tutti noi".

Questo fu l'inizio dell'ambizione di Sua Maestà di costruire un legame lungimirante tra Gran Bretagna e India. E sono state le visite che hanno davvero affinato questa intenzione.

Il valore di un decennio di visite

M Il rapporto della regina Elisabetta con l'India

Le visite della regina Elisabetta in India sono state piene di pubblicità, siti storici e discorsi piacevoli per la folla.

Nel 1961, fece la sua prima visita con il suo defunto marito, il principe Filippo.

Sua Maestà e il Duca di Edimburgo hanno girato numerose città come Mumbai, Calcutta, Chennai, Madras, Calcutta e Bombay.

A Calcutta, la regina ha persino visitato un monumento costruito in memoria della regina Vittoria.

Durante questo periodo, sono andati anche al grande Taj Mahal e hanno reso omaggio al Mahatma Gandhi a Nuova Delhi.

L'allora Presidente dell'India, la dottoressa Rajendra Prasad, invitò la coppia come Ospiti d'Onore alla Parata della Festa della Repubblica.

Questo ha dato il tono alla percezione della regina Elisabetta in India mentre parlava a diverse migliaia di persone che esultavano e sventolavano bandiere di entrambi i paesi.

Indossando una pelliccia e un cappello, ha parlato al cuore di tutti quelli stipati nei Ramlila Grounds.

In questa visita, Sua Maestà ha aperto formalmente gli edifici della cerimonia dell'All India Institute of Medical Sciences.

Una targa commemorativa dell'evento rimane ancora su un pilastro all'interno dell'edificio dell'Auditorium JL Nehru.

Sebbene la divisione fosse avvenuta solo 13 anni prima della prima visita della regina, molti l'hanno vista sotto una luce che luccicava in modo diverso dal Raj britannico.

Aveva un'atmosfera calorosa e data la sua giovane età, gli indiani sentivano che si prendeva cura del paese.

Guarda il filmato esclusivo della visita della regina Elisabetta nel 1961:

video
riempimento a tutto tondo

Nel 1983, la seconda visita della regina Elisabetta in India fu un incontro con i leader del Commonwealth.

Qui, Sua Maestà è stata ritratta con l'allora Primo Ministro, Indira Gandhi, che ha avuto un profondo impatto sulle giovani donne indiane.

In una colonna per Il Financial Times, la giornalista e autrice indiana, Nilanjana Roy, ha evidenziato questo:

“Quello che è rimasto con me è stata l'immagine del nostro Primo Ministro, Indira Gandhi, ed Elizabeth Regina in una conversazione.

“Due donne potenti, una a capo della democrazia più popolosa del mondo, l'altra il capo dignitoso e altrettanto d'acciaio di una monarchia costituzionale.

"Credevo, ingenuamente in retrospettiva, che così sarebbe sempre stato: le donne avrebbero governato il mondo con ferrea competenza e avrebbero occupato sempre più posizioni di potere".

Tuttavia, questa apparizione nel paese è nota per il fatto che la regina Elisabetta ha donato a Madre Teresa un Ordine al merito onorario.

Ciò ha illustrato il suo apprezzamento per il lavoro umanitario e l'accoglienza della natura verso altre figure importanti.

Non sembrava imbattersi in una persona che chiedeva agli altri di inchinarsi a lei, solo a causa del suo titolo.

Invece, si è interessata al modo in cui si comportavano le altre élite e a come ciò potesse avere un ruolo nel suo rapporto con le altre nazioni.

Al contrario, l'ultima visita della regina Elisabetta in India avvenne in un momento di tragedia nazionale e internazionale. Il suo viaggio è stato ambientato sullo sfondo della morte della principessa Diana.

Inoltre, il viaggio è stato anche sfiorato da polemiche.

La regina doveva visitare Jallianwala Bagh, un parco commemorativo dove centinaia di indiani furono uccisi dalle truppe britanniche nel 1919. Fu uno dei massacri più raccapriccianti della storia britannica.

Tuttavia, la regina Elisabetta ha parlato a un banchetto a Delhi e ha espresso:

“Non è un segreto che ci siano stati degli episodi difficili in passato – Jalianwala Bagh, che visiterò domani, ne è un esempio angosciante.

"Ma la storia non può essere riscritta, per quanto a volte potremmo desiderare diversamente."

“Ha i suoi momenti di tristezza, oltre che di gioia. Dobbiamo imparare dalla tristezza e costruire sulla gioia”.

Il discorso sembrava minimizzare la storia violenta e travagliata passata tra le due nazioni. Era particolarmente insoddisfacente per gli indiani che chiedevano scusa alla regina.

Anche il principe Filippo è stato al centro di alcuni controlli dopo aver affermato che il numero delle persone uccise era stato "esagerato".

Tuttavia, Sua Maestà ha apprezzato quanto l'India fosse fondamentale per la Gran Bretagna:

“Quasi 2 milioni dei nostri cittadini sono legati da discendenza e legami familiari duraturi con l'India.

“Rappresentano una delle comunità più dinamiche e di successo del Regno Unito...

"... le relazioni tra i nostri due paesi sono costruite su basi solide e profonde e sono stabilite eque per il 21° secolo."

Un altro aspetto interessante dell'ultima visita della regina Elisabetta è stato il suo abito reale. Era affascinante per i media indiani.

Un caso è stato quando ha visitato Amritsar e le è stato permesso di entrare nel tempio indossando calzini dopo essersi tolta le scarpe.

Molti pensavano che fosse rispettosa, a un certo punto ha camminato a piedi nudi attraverso un monumento ai caduti.

Ma i media non hanno visto la coerenza e hanno pensato che fosse più preoccupante per qualcuno di tale statura.

Mentre ciascuna delle visite della regina era piena di storia culturale, c'erano barlumi del dolore che gli indiani provavano ancora nei confronti della monarchia.

Tuttavia, la regina Elisabetta si è assicurata che nelle sue testimonianze in e sull'India fosse alimentata dal riconoscimento e dalla comprensione.

La controversia Kohinoor

Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

Il diamante Kohinoor è uno dei diamanti più grandi del mondo.

La gemma da 105 carati significa "Montagna di Luce" in persiano ed è incastonata nella corona della Regina Madre, esposta nella Torre di Londra.

Quando risuonava la notizia della morte della regina Elisabetta, migliaia di persone invitarono la Gran Bretagna a restituire il gioiello.

Le di Kohinoor il viaggio in India attraversò l'impero Mughal, poi l'Afghanistan con l'invasore persiano Nadir Shah.

Shah presumibilmente ha chiamato il diamante che ha viaggiato attraverso diverse dinastie. Nel 1809 fu infine in possesso di Ranjit Singh, il maharaja sikh del Punjab.

Fu lui a consolidare la grandiosa natura della gemma.

Gli storici Anita Anand e William Dalrymple lo hanno affermato nel loro libro Koh-i-Noor: la storia del diamante più famigerato del mondo (2017)

“Non era solo che Ranjit Singh amava i diamanti e rispettava il vasto valore monetario della pietra; la gemma sembra aver tenuto per lui un simbolismo molto maggiore.

"La transizione è sorprendente quando il diamante diventa un simbolo di potenza piuttosto che di bellezza."

Tuttavia, è stato qui che le cose hanno cominciato a complicarsi. Uno degli argomenti controversi è che molti indiani credono che il diamante sia stato rubato durante il colonialismo britannico.

Ciò deriva dalla disputa tra Duleep Singh, l'ultimo Maharaja dell'Impero Sikh.

Nel 1849, all'età di soli 10 anni, Singh fu "costretto" a modificare e firmare il Trattato di Lahore che gli imponeva di cedere il Kohinoor.

Da lì fu in possesso della regina Vittoria.

Tuttavia, alla sua esposizione pubblica nel 1851, molti britannici non riuscivano a credere che un diamante così grande e brillante fosse qualcosa di più di un comune pezzo di vetro.

Pertanto, è stato ritagliato e infine collocato nei Gioielli della Corona.

La regina madre fu l'eventuale proprietaria della corona che indossò in pubblico all'incoronazione del re Giorgio VI nel 1937 e all'incoronazione della regina Elisabetta nel 1953.

La corona stessa ha fatto la sua ultima apparizione pubblica nel 2002 quando è stata deposta sulla bara della Regina Madre.

Durante il suo regno, la regina non ha fatto alcun tentativo di rispondere o affrontare pubblicamente la controversia al riguardo.

Tuttavia, durante la sua scomparsa, molti hanno utilizzato i social media per chiedere un ritorno. Fanatico della geopolitica, Anushree ha twittato:

"Dovrebbe tornare alla sua origine, [è] il minimo che il Regno Unito possa fare nei confronti dei secoli di sfruttamento, oppressione, razzismo e schiavitù inflitti alle persone del subcontinente indiano".

Il collega indiano, Vivek Singh, ha anche dichiarato su Twitter:

“La regina Elisabetta è morta oggi... Possiamo riavere indietro il nostro Kohinoor Diamond, che è stato rubato dagli inglesi dall'India.

"Hanno creato ricchezza sulla morte, la carestia, le fiamme e il saccheggio degli altri".

Durante il regno del primo ministro Narendra Modi, l'India ha recuperato alcuni manufatti storici, tra cui una scultura canadese "Pappagallo" di 900 anni fa.

Ma numerosi indiani si sono chiesti perché il Kohinoor fosse ancora nelle mani degli inglesi. Perché non è stato possibile restituirlo?

Data la sua storia e i diversi periodi di possesso, anche altri paesi hanno tentato di impossessarsi del gioiello.

Anche se sembra che il Kohinoor non andrà da nessuna parte presto.

Poiché il 10 settembre 2022 re Carlo III è stato formalmente proclamato re, sua moglie Camilla, regina consorte del Regno Unito, sarà la nuova proprietaria della corona.

Morte e reazione

Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

Essendo il più grande paese del Commonwealth delle Nazioni, la morte della regina Elisabetta ha avuto una reazione smorzata in vaste parti dell'India.

Naturalmente, i leader mondiali, incluso il primo ministro Modi, hanno twittato la sua tristezza per la notizia:

“Sua Maestà la Regina Elisabetta II sarà ricordata come una sostenitrice dei nostri tempi. Ha fornito una guida stimolante alla sua nazione e al suo popolo.

“Ha personificato la dignità e la decenza nella vita pubblica. Addolorato per la sua scomparsa. I miei pensieri sono con la sua famiglia e il popolo del Regno Unito in quest'ora triste".

Il governo ha fissato un giorno di lutto l'11 settembre 2022, quattro giorni dopo la morte di Sua Maestà.

Le bandiere sventolavano a metà del personale in onore, ma Sucheta Mahajan, professore di storia alla Jawaharlal Nehru University, ha detto:

“Se guardi i social media, ci sono molte discussioni ma non molta preoccupazione.

“Non la stanno trattando come la morte di un importante leader mondiale. Dopotutto, non è stata lei a chiamare i colpi".

Il professore di storia indiana medievale all'Università di Delhi, Saiyid Zaheer Husain Jafri, ha aggiunto a questo con il suo punto di vista:

“La monarchia non può essere staccata da questa storia.

“Il dominio coloniale ha lasciato l'India con eredità con cui stiamo ancora lottando. Gli inglesi saccheggiarono l'India per 200 anni".

Tuttavia, c'erano emozioni contrastanti all'interno dell'India. Altri vedevano la regina come una persona a sé stante, non attaccata alla monarchia.

L'autore e regista, Aseem Chhabra, ha affermato che i media hanno avuto un ruolo importante in questo. Per esempio, The Crown su Netflix ha offerto al pubblico moderno una prospettiva diversa della regina Elisabetta:

“Conosco molte persone che non avevano alcun senso della famiglia reale britannica, ma hanno osservato The Crown.

“Queste persone erano giovani quando la principessa Diana morì. Ma lo show di Netflix ha dato loro una prospettiva umana della famiglia reale, in particolare della defunta regina".

L'ex ministro indiano, Mani Shankar Aiyar ha espresso i suoi sentimenti a The Independent:

“Doveva presiedere alla ritirata della Gran Bretagna dal dominio globale, e lo ha fatto con resilienza e moderazione.

“Divenne la regina ben sei anni dopo l'indipendenza dell'India.

"Confonderla con l'impero significa commettere l'errore storico di cui questo governo è accusato".

Il rapporto di Sua Maestà la Regina Elisabetta con l'India

Sebbene la maggior parte degli indiani sia nata una generazione dopo il Raj britannico, è chiaro che le cicatrici sono ancora commoventi.

Anche guardando alla sanguinosa divisione dell'India e del Pakistan, l'eredità del colonialismo è ancora dolorosa da sopportare.

I codici di abbigliamento occidentali, i nomi delle strade e le leggi emanate sotto il Raj britannico sono ancora lì.

Una generazione indiana molto lungimirante e più giovane guarda al passato del proprio paese in un modo più diverso e severo.

Spiega una delle ragioni per cui c'era così tanta tristezza attutita che risuonava in tutto il paese.

Ad esempio, Ravi Mishra per CNN disse:

“Se non vedi persone in lutto per la morte della regina Elisabetta in India, [è] perché lei non ha quel legame con la nuova generazione di indiani.

“È stata in una posizione di potere per 70 anni quando avrebbe potuto fare molto.

“Sai, tutto il male che gli inglesi hanno fatto a questo paese e agli altri paesi del mondo. Lei non ha fatto niente".

L'analista politico, Sandeep Gandotra, ha proclamato la sua opinione sulla morte della regina Elisabetta:

“I britannici hanno preso tutto dall'India.

"Come regina della Gran Bretagna, potrebbe aver lasciato un'eredità per i britannici, non per l'India".

Ironia della sorte, poche ore prima della morte della regina, il primo ministro Modi ha ribattezzato Rajpath un viale di Nuova Delhi.

Originariamente era chiamato Kingsway in onore del re Giorgio V, il nonno di Sua Maestà. In una dichiarazione durante il cambio di nome, Modi ha dichiarato:

"Kingsway, o Rajpath, il simbolo della schiavitù, è diventato una questione di storia da oggi ed è stato cancellato per sempre."

Sebbene questa non sia stata una reazione diretta alla morte della regina Elisabetta, è una mossa di potere per sradicare alcuni dei duri ricordi del dominio britannico.

Soprattutto, le emozioni contrastanti in giro per l'India in relazione alla morte di Sua Maestà non riguardano tanto lei come individuo.

Nel tentativo di riconoscere la percezione della regina e avere rispetto per la sua morte, Modi è uscito per affrontare la narrazione.

Ha detto che "dobbiamo rispettare i morti" e sebbene ci siano state "violazioni dei diritti umani" e un "passato orribile", la regina Elisabetta merita "un addio dignitoso e definitivo".

Il regno della regina Elisabetta come monarca più longevo non sarà mai dimenticato.

Sebbene il suo rapporto con l'India fosse spesso travagliato, era più a causa del rapporto teso tra i due paesi.

Era un personaggio molto affezionato all'India e ne apprezzava la cultura, le persone e la fedeltà storica agli inglesi.

Mentre molti non possono guardare oltre il dominio coloniale rappresentato dalla sua statura, altri hanno visto la natura gentile che Sua Maestà ha dato alle sue visite e all'accoglienza di funzionari / persone indiani.

Allo stesso modo, questo ha un profondo effetto sulle comunità asiatiche britanniche. Ancora una volta, molti hanno avuto reazioni contrastanti alla sua morte, ma altri hanno apprezzato il suo servizio.

Sarà interessante vedere come il re Carlo III costruisce il rapporto con l'India, ma senza dubbio la regina Elisabetta ha lasciato un'impressione duratura nel paese, nel bene e nel male.



Balraj è un vivace laureato in scrittura creativa. Ama le discussioni aperte e le sue passioni sono il fitness, la musica, la moda e la poesia. Una delle sue citazioni preferite è "Un giorno o un giorno. Tu decidi."

Immagini per gentile concessione di Instagram.

Video per gentile concessione di YouTube.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Ti piace di più Gurdas Maan per il suo

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...