Gang of Men incarcerata per aver ucciso un uomo in Adultery Revenge Attack

Una banda di cinque uomini è stata incarcerata per un feroce attacco di vendetta e l'uccisione di Gurinder Singh dopo che era andato a letto con la moglie di uno di loro.

cinque gang vendetta attacco

"È stato brutale, sostenuto e vizioso"

Cinque uomini di una banda sono stati incarcerati per aver ucciso un rivale in un feroce e "scioccante attacco di vendetta" a Southall, nel Regno Unito, dopo che era andato a letto con la moglie di uno degli uomini.

L'udienza del 13 giugno 2018, all'Old Bailey dove sono stati giudicati colpevoli, ha sentito come la banda avesse inseguito Sukhjinder Singh, 33 anni, noto anche come Gurjinder Singh, e lo avesse attaccato con un arsenale di armi.

Esisteva una faida di lunga data tra la banda e Gurjinder, che era un membro di una banda rivale.

Gli aggressori hanno usato una mazza da baseball, spade cerimoniali, coltelli e un martello il 30 luglio 2016, per tendere un'imboscata e aggredire fisicamente Gurjinder su Spikes Bridge Road a Southall.

Lo hanno picchiato e orribilmente pugnalato più volte e gli hanno tagliato due dita, che sono state trovate sulla scena il giorno successivo.

Gurinder Singh è stato vittima di 48 diverse ferite sulla testa e sul corpo.
vendetta attacco gurinder singh

Dopo essere stato portato d'urgenza in ospedale dai servizi di emergenza sul posto, è morto per molteplici coltellate la mattina successiva alle 6.30.

Due degli uomini della banda hanno usato il turbante per coprirsi il viso e uno degli altri uomini ha indossato un passamontagna durante l'attacco.

Dopo un processo di nove settimane, la giuria ha ritenuto gli uomini colpevoli dell'omicidio e dei reati associati.

Amandeep Sandhu, 30 anni, di Southall e Ravinder Singh-Shergil, 31 anni, di Tipton, sono stati entrambi giudicati colpevoli dell'omicidio di Gurinder.

Sandhu e Singh-Shergil sono stati condannati il ​​22 giugno 2018.

Secondo la Old Bailey Court, Sandhu ha ricevuto l'ergastolo con un minimo di 26 anni e mezzo di prigione e anche Singh-Shergil ha ricevuto l'ergastolo con un minimo di 26 anni e 9 mesi di carcere.

vendetta attacco amandeep ravinder

Vishal Soba, 30 anni, di Hayes è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo e di aver assistito un delinquente.

Kuldeep Dhillon, 27 anni, di Hayes, è stato condannato per omicidio colposo e intimidazione a un testimone.

Secondo la Old Bailey Central Criminal Court, Soba è stata condannata a 16 anni di carcere e anche Dhillon è stato condannato a 16 anni di reclusione. Sono stati condannati il ​​22 giugno 2018.

Sia Sandhu che Soba sono stati anche condannati per aver nascosto le armi e gli indumenti insanguinati usati per l'attacco.

Il quinto uomo della banda, Palwinder Multani, 36 anni, di Hayes, si era già dichiarato colpevole il 10 novembre 2017, per omicidio colposo e assistenza a un delinquente nel caso. È diventato un testimone dell'accusa.

Secondo la Old Bailey Court, Palwinder Multani è stato condannato a 4 anni e 6 mesi di prigione il 21 giugno 2018.

Sfondo di attacco

Il processo ha appreso che Kuldeep Dhillon e la vittima Gurjinder Singh vivevano insieme nel 2008 e nel 2012.

Tuttavia, quando Dhillon ha scoperto che Gurjinder stava dormendo con sua moglie, sono caduti. Che porta al feroce attacco di vendetta per l'adulterio.

Il 30 luglio 2016, quando Gurinder lasciò la sua casa a Southall con la sua auto, fu seguito da una Citroen argento e da una Vauxhall Vectra nera.

Con l'intenzione di acquistare marijuana, Gurinder aveva parcheggiato in Spikes Bridge Road, Southall insieme a due amici.

All'improvviso, vide qualcuno correre verso di lui con un lungo coltello o una spada.

Il procuratore Alan Kent QC ha poi descritto in tribunale gli eventi in corso, dicendo:

"Quell'uomo ha preso le chiavi dall'accensione della loro macchina, l'uomo che era al posto di guida è sceso - è stato colpito con una spada ma non è stato tagliato ed è scappato."

“Il vero obiettivo era Gurinder Singh perché è stato poi aggredito da tre o quattro maschi. È stato brutale, sostenuto e crudele.

"Non c'è dubbio che coloro che erano responsabili di brandire le armi intendevano uccidere".

Era Palwinder Multani, che aveva portato gli assassini sulla scena del brutale attacco quel giorno.

Multani ha ammesso di aver visto Gurinder a terra con due degli uomini "che lo tagliavano con le spade", un altro lo picchiava con una "barra di legno" e un uomo lo accoltellava con un coltello.

Dopo l'attacco, Gurinder è riuscito ad alzarsi e ha cercato di camminare, ma poi un'auto guidata da Kuldeep Dhillon gli è venuta addosso sbandando a terra.

Dhillon ha poi detto:

"Qualunque cosa accada con quella stronza, se lo merita."

vendetta attaccare gli altri

Rivalità tra gang

Alla corte è stato detto che la rivalità tra la vittima e la banda risale all'agosto 2013.

Il signor Kent ha detto che prima dell'uccisione di Gurinder, la rivalità di lunga data tra le bande ha comportato una serie di battaglie in tutto il paese.

Ravinder Singh-Shergil era noto per essere il "principale organizzatore".

A seguito di un attacco a un suo amico fuori da un pub, Singh-Shergil ha organizzato una rissa a Birmingham con i responsabili, chiamando gli alleati da Southampton, Leicester e Leeds.

Successivamente, il gruppo rivale di oltre 50 uomini ha caricato un video su Facebook schernendo Singh-Shergil per "scappare" e non combattere.

Un membro di una banda rivale chiamato "Boota" è stato aggredito mentre dormiva da un gruppo di dieci uomini radunati da Singh-Shergil verso la fine del 2016.

In un Mela nel Victoria Park di Smethwick, il 16 luglio 2018, ha avuto luogo uno scontro di circa 200 uomini di Singh-Shergil provenienti da "tutto il paese" e circa 40 membri della banda di Boota.

In un combattimento successivo, Gurinder picchiò Kuldeep Dhillon e poi disse a un suo amico che temeva per la sua vita. Ciò ha portato l'attacco a diventare realtà.

Indagini di polizia

Durante le indagini della polizia sull'uccisione di Gurinder Singh, è stato localizzato un magazzino dove sono state trovate le armi nascoste usate negli attaccati.

Sono state scoperte spade, un machete, una mazza da baseball, un piede di porco e vestiti macchiati di sangue.

vendetta armi da attacco

Un passamontagna recuperato conteneva il DNA di Amandeep Sandhu.

Un testimone ha identificato Vishal Soba come essere stato visto accedere al magazzino due giorni dopo il crimine, portando una borsa sulla spalla.

Soba e Sandhu erano in contatto per telefono la sera dell'omicidio. Entrambi sono stati arrestati con l'accusa di omicidio il 4 agosto 2016.

Anche la comunicazione con Palwinder Multani subito dopo l'uccisione di Gurinder è stata effettuata dallo stesso numero di telefono. Che porta al suo coinvolgimento.

Dopo essere stato arrestato nell'ottobre 2016, Multani ha ammesso il suo ruolo nell'attacco. Ha detto che Gurinder si era preso dalla parte sbagliata di un certo numero di uomini che volevano vendicarsi e lo ha assunto per £ 300 per portarli sulla scena dell'attacco.

Ravinder Singh-Shergil è stato arrestato il 26 novembre 2016, dopo essere stato trovato con un telefono usato per comunicare con Amandeep Sandhu.

La polizia dice che sta ancora cercando altre persone che hanno preso parte all'attacco.

James Stevenson, ispettore investigativo del The Met's Homicide and Major Crime Command, ha dichiarato:

“Questi uomini hanno usato un livello di violenza scioccante per esigere la loro vendetta su Gurinder al culmine di un'aspra faida.

“Hanno pianificato l'ora e il luogo dell'attacco fino allo smaltimento delle armi che hanno usato. Anche se questi cinque uomini sono stati ora condannati e devono affrontare lunghe pene detentive, questo caso non finisce qui. Ci sono più persone che stiamo cercando in relazione a questa brutale uccisione e vorrei esortare chiunque abbia informazioni a farsi avanti.

"Siamo determinati a trovare le persone che hanno preso parte all'attacco, sappiamo che non riporterà indietro Gurinder, ma in qualche modo porterà un certo conforto alla sua famiglia e ai suoi amici, sapendo che tutte le persone coinvolte sono state portate a giustizia."

Ciascuno dei cinque uomini dovrà ora affrontare un considerevole periodo di prigione.


Clicca/Tocca per maggiori informazioni

Amit ama le sfide creative e usa la scrittura come strumento di rivelazione. Ha un grande interesse per le notizie, l'attualità, le tendenze e il cinema. Gli piace la citazione: "Niente in caratteri piccoli è mai una buona notizia".