I sopravvissuti ai matrimoni forzati temono che i casi rimarranno "clandestini"

Nonostante una legge sull’età minima per reprimere i bambini sposati, i sopravvissuti ai matrimoni forzati temono che i casi rimarranno clandestini.

I sopravvissuti al matrimonio forzato temono che i casi rimarranno "clandestini" f

"Si spingerà sempre più sottoterra."

I sopravvissuti ai matrimoni forzati temono che i casi rimarranno clandestini.

Ciò nonostante l’età minima legale per il matrimonio in Inghilterra e Galles sia stata aumentata da 16 a 18 anni nel 2023.

L’Unità per i matrimoni forzati (FMU) del governo ha fornito supporto e consulenza a 302 casi nel 2022, di cui quasi un terzo riguardava vittime di età pari o inferiore a 17 anni.

Dopo Londra, le statistiche mostrano che le West Midlands hanno la più alta percentuale di casi in Inghilterra, con il 17%.

La FMU ha affermato di aver fornito consulenza su 337 casi nel 2021, rispetto ai 759 del 2020, anche se sottolinea che i dati non erano direttamente comparabili.

Tuttavia, gli attivisti hanno affermato che il numero reale dei casi è stato “sottostimato”.

Karma Nirvana ha affermato che la sua linea di assistenza nazionale per gli abusi sull’onore è stata contattata 9,616 volte nel 2022-23.

L’organizzazione di beneficenza ha affermato di aver fornito sostegno a un totale di 2,346 casi nello stesso periodo, tra cui 417 persone che stavano affrontando un matrimonio forzato.

Il matrimonio forzato è stato criminalizzato nel 2014.

La legge sul matrimonio e l’unione civile (età minima), entrata in vigore il 27 febbraio 2023, significa che ora è un reato organizzare matrimoni per persone di età pari o inferiore a 17 anni.

I sopravvissuti ai matrimoni forzati temono che i casi rimarranno "clandestini"

Rubie Marie è stata “violentata ogni giorno” dopo essere stata costretta, all’età di 15 anni, a sposare un uomo che aveva il doppio dei suoi anni.

Ha detto che il matrimonio forzato nel Regno Unito è “molto più nascosto” nonostante la nuova legge.

Anche se Rubie ha affermato che la nuova legge è “straordinaria”, ha affermato che non avrebbe scoraggiato i genitori che volevano far sposare i loro figli.

Ha detto: “Non penso che sarà facile fermarlo.

"Si spingerà sempre più sottoterra."

A Fozia Rashid, all'epoca 16 anni, fu detto che i suoi nonni in Pakistan non stavano bene e che avrebbe dovuto "vederli per l'ultima volta".

Ha detto: “Sono andata in Pakistan e nel giro di due settimane mi sono sposata.

“I miei nonni stavano benissimo, non stavano morendo”.

Dopo essere arrivata in Kashmir, Fozia è stata tenuta sotto tiro da suo zio e minacciata di sposare sua cugina.

I suoi genitori non sapevano che era stata costretta e pensavano che fosse un vero matrimonio.

Ma a Fozia era stato segretamente detto che se non avesse portato avanti le nozze lei e i suoi genitori sarebbero stati uccisi.

Ha spiegato: “Sono andata avanti, per paura. L’opzione per me era la morte o il matrimonio.

"Non era qualcosa che volevo, non era qualcosa che avevo pianificato, non era una mia scelta - ero un bambino."

A Fozia è stato spiegato come comportarsi affinché il marito potesse ottenere il visto che gli permettesse di trasferirsi nel Regno Unito.

“La persona con cui ero sposato, ha chiarito che ero solo una cosa, ero solo un oggetto per lui.

"Ho sentito mio zio dire a mia zia che in realtà ora che hanno il visto, non c'è più bisogno di me e potrebbero semplicemente liberarsi di me e dire ai miei genitori che sono scappata."

Nel Regno Unito ha detto la verità ai suoi genitori e loro hanno sostenuto i suoi piani di divorzio.

I sopravvissuti al matrimonio forzato temono che i casi rimarranno "clandestini" 2

Tuttavia, lo stress della dura prova le ha causato danni agli occhi.

"Ha causato così tanta pressione sul retro dell'occhio da parte del cervello, il mio occhio è scoppiato e ho avuto bisogno di un intervento chirurgico, i miei occhi ora sono sensibili alla luce."

Lei sostiene la nuova legge ma crede che un ulteriore aumento a 21 potrebbe “cambiare tutto per tutti noi” perché “non c’era molta differenza” tra 16 e 18.

Fozia ha detto al BBC: “Risale a 24 anni fa, quando fui costretta a sposarmi, e se la legge all'epoca fosse stata diversa, questo non mi sarebbe successo.

"Ci sono ancora molti Fozia là fuori a cui questo continuerà ad accadere."

Cosa dice la legge sui matrimoni precoci?

  • Dal 27 febbraio 2023 è un reato fare qualsiasi cosa per indurre un bambino a sposarsi prima che compia 18 anni, anche se non viene utilizzata la coercizione.
  • In precedenza, le persone potevano sposarsi a 16 o 17 anni, se avevano il consenso dei genitori.
  • Coloro che vengono giudicati colpevoli di aver organizzato matrimoni precoci rischiano pene fino a sette anni di carcere.
  • Se un matrimonio minorile viene organizzato al di fuori del Regno Unito, può essere perseguito in Inghilterra e Galles.
  • La legislazione copre anche le cerimonie “tradizionali” non giuridicamente vincolanti, come il matrimonio islamico di Nikkah.

Rubie ha dichiarato: "Quest'uomo con cui mi hanno sposato aveva 30 anni e io 15".

Originaria del Galles, Rubie Marie ha trascorso una vacanza con la famiglia in Bangladesh dove è stata costretta a sposare un uomo che non aveva mai incontrato.

Durante un pasto, suo padre le suggerì improvvisamente di sposarsi.

Rubie ha detto: “Lui ha detto casualmente, così casualmente: 'Non sarebbe fantastico se sposassimo Rubie?'.

“Tutti sapevano, tranne me, cosa sarebbe successo, ed era come, 'Non ho scelta, Rubie, dovrai semplicemente accettarlo'.

"Ho pensato: perché mi sta succedendo tutto questo, non ho fatto nulla."

Poco dopo il matrimonio, suo marito voleva un figlio nel tentativo di trovare una strada per entrare nel Regno Unito.

“Lo stupro sarebbe avvenuto continuamente. Non sapevo che il loro piano prevedesse che io rimanessi incinta, fino a otto settimane dopo il giorno del matrimonio.

Nel frattempo, un altro membro della famiglia ha dato di nascosto a Rubie la pillola contraccettiva ma la scorta è stata ritrovata mentre lei era via.

Rubie ha detto: “Sono entrata in uno stato di zombie, ero depressa… ero un guscio vuoto”.

Dopo essere rimasta incinta, è stato deciso che sarebbe tornata a casa dopo essersi ammalata.

Tornato in Galles, Rubie ha preso un'overdose.

“Ricordo che nella mia camera da letto ho preso un sacco di pillole e ho cercato di uccidermi.

"Ho pensato semplicemente: 'Sono danneggiato, nessuno sarà in grado di connettersi con me, nessuno sarà in grado di capirmi o addirittura credermi'."

Ma Rubie in seguito riuscì a scappare e con sua figlia si trasferì nelle West Midlands.

Ora è ambasciatrice di Oxford Against Cutting, visitando le scuole di tutta la regione per educare gli altri sul matrimonio forzato e sugli abusi basati sull’onore.

Per quanto riguarda la legge, Rubie vuole vedere più educazione e consapevolezza nelle scuole.

Il dottor Surwat Sohail, amministratore delegato di Roshni, ha affermato che i casi di matrimonio forzato sono "molto più numerosi" di quanto riportato perché "i sopravvissuti non si rendono nemmeno conto di aver vissuto un matrimonio forzato".

Ha detto che il cambiamento di età è stato un “passo nella giusta direzione” ma non avrebbe risolto tutti i problemi.

Roshni è stata fondata nel 1979 e sostiene le comunità minoritarie colpite da violenza domestica, matrimoni forzati e abusi basati sull'onore.

Il dottor Sohail ha aggiunto: “C’è una mancanza di conoscenza su cosa sia un matrimonio forzato, cosa sia un abuso basato sull’onore – dobbiamo attrezzare i nostri professionisti, dobbiamo garantire che i nostri giovani e gli anziani capiscano cos’è un matrimonio forzato.

"Perché, se non sai di essere una vittima, come potresti cercare aiuto?"



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Qual è il film di Bollywood più deludente del 2017?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...