Flying Solo al Birmingham Repertory Theatre

Il REP presenta Flying Solo, un imperdibile spettacolo per una donna dell'acclamato scrittore-performer Manjeet Mann che mette in dubbio la sfida di lasciare casa.

Flying Solo al Birmingham Repertory Theatre

"Nello spettacolo, la maratona è più una metafora della vita"

Il Birmingham Repertory Theatre (The REP) presenta con orgoglio Flying Solo - uno spettacolo di attualità imperdibile, dello scrittore e attrice Manjeet Mann, su una donna asiatica britannica che affronta il senso di colpa che circonda i problemi di non seguire il tradizionale "percorso culturale".

Flying Solo, è la storia di Manjeet Mann su una donna che cerca disperatamente di scappare dal suo passato, dimostrando di poter correre, ma ovunque vada, prima o poi deve ancora affrontare se stessa. Un tema che trascende il genere, la razza, la classe e la cultura.

DESIblitz ha avuto l'opportunità di saperne di più Flying Solo da Manjeet Mann, in un'intervista esclusiva.

Cosa ti ha spinto a creare Flying Solo?

All'inizio ho scritto Flying Solo come il mio ultimo "evviva" all'industria della recitazione. Non mi piaceva più essere nel settore e sentivo di aver bisogno di farlo
qualcosa di più significativo.

L'altro mio lavoro era un personal trainer e ho pensato che mi stavo divertendo di più, facendo una vera differenza per la qualità della vita del mio cliente.

Ho parlato di scrivere il mio spettacolo per un paio d'anni, quindi ho pensato di fare del mio ultimo progetto di recitazione lo spettacolo personale di cui avevo sempre parlato ma che non avevo mai scritto.

Sono sempre stato interessato a come i traumi infantili possono influenzare la salute mentale degli adulti, che è uno dei temi che attraversano Flying Solo. È una storia personale, motivo per cui ne sono così appassionato.

Ho avuto una risposta travolgente da persone di tutte le età e background.

È bello sapere che ha un fascino universale e che è uno spettacolo che può aiutare le persone.

Flying Solo al Birmingham Repertory Theatre

Raccontaci di più sulla storia interna di Flying Solo

È una storia semi autobiografica.

Parla di una donna che ha deciso di trovare il coraggio dentro di sé e andare contro il percorso che i suoi genitori avevano tracciato per lei.

Si occupa anche di questioni riguardanti l'assistenza agli anziani, l'infanzia persa e la salute mentale. Ci sono parti che si basano sulle mie esperienze d'infanzia e quando mio padre è morto ho passato un periodo davvero difficile. Non me ne rendevo conto in quel momento, ma stavo avendo un crollo.

Passavo la maggior parte delle mie giornate dormendo e pensavo di aver bisogno di qualcosa che mi desse un motivo per lasciare la sicurezza del mio letto.

Sapevo dalla mia formazione come personal trainer che l'esercizio di resistenza è eccellente per la salute mentale.

Mi sono iscritto alla maratona di Edimburgo e non ho guardato indietro. Ha cambiato la mia vita.

Nella commedia, la maratona è più una metafora della vita. Gli eventi che lo circondano sono in parte reali.

Raccontaci delle tue radici. Dove sei nato, famiglia, educazione?

Sono nato a Walsall nel Paese Nero. Ho avuto una tipica educazione della classe operaia.

Mio padre faceva il minatore e quando le miniere chiudevano lavorava nelle acciaierie. Mia madre lavorava in fabbrica. Non stavamo bene, tutt'altro.

Sono la più giovane di 5 sorelle, non ho idea di come sia riuscita mia madre! C'è una frase nella commedia "Sei di noi in una casa popolare con due letti". È vero. Abbiamo dormito sopra e sotto come in Charlie e la fabbrica di cioccolato!

Cosa pensi che impedisca alla maggior parte degli asiatici britannici di uscire di casa?

Penso che la paura impedisca alle persone di fare molte cose. Se i genitori non vogliono lasciare andare i loro figli, di solito ha a che fare con la paura di ciò che potrebbe accadere. È la paura dell'ignoto. È mascherato da affermazioni come "potrebbero iniziare a drogarsi o rimanere incinta!"

Penso che vada più in profondità di quello. Mi hanno fatto sentire egoista e come se il mio amore fosse in qualche modo "meno" dei membri della famiglia che non uscivano di casa. Ovviamente non mi "importava" più (niente di tutto questo era vero) e ovviamente la carta della "vergogna" viene giocata regolarmente.

Allontanarsi POTREBBE portare vergogna alla famiglia e quindi instillare paura in ogni giovane adulto che vuole volare nel nido.

È così fortemente radicato che penso che devi essere abbastanza forte per combatterlo. È difficile ma la vita non è una prova.

Hai una possibilità. Non puoi vivere la tua vita per nessuno tranne te stesso. Non è egoista e non dovresti vergognarti di avere sogni tuoi.

Flying Solo al Birmingham Repertory Theatre

Quanto è favorevole la tua famiglia alla tua scelta professionale?

Dire che all'inizio erano un po 'insicuri è un eufemismo. Ma non penso che sia specifico per essere asiatico. Ho amici di origini diverse che condividono la stessa esperienza.

È solo una di quelle carriere che sembrano così incerte e i genitori hanno paura che tu possa passare la vita a lottare.

Se lo vuoi abbastanza, credo che tu possa far accadere qualsiasi cosa nella tua vita. Non credo che ci sia nessuno a fermare me o qualcun altro per quella materia.

Questo settore è forse uno dei più difficili. Ho avuto anni in cui non ho smesso di lavorare e poi l'anno successivo quasi niente. È la natura della bestia.

Da quando mi sono concentrato sulla creazione del mio lavoro si sono aperte molte più opportunità. Quindi mi sento molto fortunato in questo momento. Ho lavorato per due anni senza interruzioni e ho alcuni progetti in cantiere che verranno realizzati nei prossimi due anni, che è la cosa più importante per me.

Sei stato coinvolto in alcuni progetti straordinari, cosa ti piace di più? Scrittura, TV, radio o teatro?

Grazie. Sono davvero grato per tutte le meravigliose opportunità che ho avuto. Amo tutto di esso!

Penso che mi diverta davvero fare il mio lavoro. Forse è perché è la prima volta nella mia carriera che sento davvero il controllo del mio futuro.

Prima di essere costantemente alla mercé delle audizioni, chiedendomi 'gli piaccio? Per favore, come me! Per favore scegli me! '

Ora, quando scrivo qualcosa so che posso produrlo e metterlo di fronte a un pubblico. Nessuno mi ferma. Sono in carica e questo è davvero liberatorio.

Flying Solo al Birmingham Repertory Theatre

Perché pensi che gli asiatici non vadano a teatro tanto quanto i non asiatici, come possiamo cambiare questo?

Penso che le cose siano cambiate negli ultimi anni. Vedo un pubblico molto più diversificato che viene a teatro.

Penso che la cosa più grande che deve cambiare è che TUTTO il teatro deve essere visto come universale e aperto a tutti.

Personalmente sento che è solo quando un'opera teatrale ha una narrazione dell'Asia meridionale che gli asiatici sono incoraggiati a vederla ... "non andare a vedere il Cechov della prossima settimana che non fa per te ... a meno che non sia ambientato in India!" (Scherzo)

Si tratta di luoghi che si rendono conto che tutte le rappresentazioni sono per tutti e dovrebbero essere commercializzate come tali.

Credo anche che il pubblico del teatro asiatico britannico debba rendersi conto che non sono solo le opere con una narrativa dell'Asia meridionale che fanno per loro. Il buon teatro parla dell'esperienza umana in tutti noi. È una strada a doppio senso.

Parlaci del messaggio che trasmetterà la tua opera al REP?

Flying Solo è una storia universale, sull'infanzia, la crescita e la salute mentale.

Alla fine è edificante, quindi spero che faccia sentire alle persone che, indipendentemente dalle tue esperienze passate, sei responsabile del tuo futuro.

Proprio come una maratona, se colpisci "il muro" puoi scegliere di lasciarti battere o puoi rialzarti e andare avanti.

Flying Solo sarà eseguita da Manjeet Mann al Birmingham Repertory Theatre dal 25 al 27 febbraio 2016. È una storia e una performance da non perdere e che sicuramente realizzeranno una connessione con la tua vita in qualche modo.

Per prenotare i biglietti visitare il sito web di The REP qui.

Nisha ha un'intensa passione per la lettura di libri, una cucina gustosa e ama tenersi in forma, film d'azione e attività culturali. Il suo motto è "Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Se sei una donna asiatica britannica, fumi?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...