Combatti per la qualità della vita di una bambina di 5 anni all'Alta Corte del Regno Unito

Un'alta corte del Regno Unito a Londra sta tenendo un caso in cui la qualità della vita di una bambina di cinque anni è al centro di una lite terapeutica.

Combatti per la qualità della vita di una bambina di 5 anni nella High Court del Regno Unito f

"I medici (in Inghilterra) non pensano che abbia una qualità di vita".

L'Alta Corte di Londra sta tenendo un'udienza in cui è in corso una controversia sulla qualità della vita di Tafida Raqeeb, cinque anni.

Il bambino è danneggiato al cervello e in uno stato di minima coscienza.

I medici che curano Tafida presso il Royal London Hospital di Whitechapel hanno affermato che ha un danno cerebrale permanente e non ha possibilità di guarigione.

I capi del Barts Health NHS Trust vogliono che il giudice MacDonald stabilisca che interrompere le cure di supporto vitale è nel suo migliore interesse.

Tuttavia, i genitori di Tafida vogliono continuare il trattamento. Vogliono trasferirla all'ospedale pediatrico Gaslini di Genova, in Italia, e hanno organizzato dei finanziamenti.

Shelina Begum e Mohammed Raqeeb hanno affermato che i medici continueranno a fornire cure di supporto vitale alla figlia fino a quando non le verrà diagnosticata la morte cerebrale.

La controversia è esaminata dal Sig. Justice MacDonald.

Gli avvocati hanno intrapreso un'azione legale in nome di Tafida e un parente ha dato loro istruzioni.

Affermano che alla bambina è stato negato il diritto di scegliere di ricevere cure mediche in un altro stato europeo.

Il team legale di Tafida a capo è Vikram Sachdeva QC. Egli ha detto:

“Quando si analizza, si basa su diversi punti di vista sulla qualità della vita di Tafida.

“I medici (in Inghilterra) non pensano che abbia una qualità di vita. I suoi genitori sì. "

Il signor Sachdeva ha spiegato che la coppia intendeva portare Tafida in un paese in cui avrebbe continuato a ricevere cure di sostegno vitale e dove i medici vedono la qualità della vita in linea con la loro.

Si è sentito che Tafida ha svegliato i suoi genitori durante le prime ore del febbraio 2019 lamentandosi di un mal di testa.

Poco tempo dopo, è collassata ei medici hanno scoperto che i vasi sanguigni nel suo cervello erano scoppiati.

Katie Gollop QC, a capo del team legale del trust, ha detto al giudice che nessuno sapeva che alcuni dei vasi sanguigni nel cervello di Tafida erano "aggrovigliati".

Il giudice ha sentito che Tafida non era in grado di deglutire, assaggiare o vedere.

La signorina Gollop ha spiegato che Tafida può essere in grado di "sentire un po '", ma non può respirare da sola e non può "sperimentare il tocco" in gran parte del suo corpo.

Ha aggiunto che tutti i medici a cui è stato chiesto un parere hanno detto che il bambino non si sarebbe mai staccato da un ventilatore e avrebbe sempre avuto bisogno di assistenza artificiale.

Ciò includeva uno specialista di Great Ormond Street, Londra, e professionisti medici italiani.

La signorina Gollop ha detto che i medici ritenevano che Tafida fosse "oltre l'esperienza".

Ha detto che l'ospedale italiano si stava offrendo di continuare il trattamento di supporto vitale come "conforto" per la famiglia.

La signorina Gollop ha aggiunto che gli specialisti dell'Ospedale Gaslini avrebbero continuato a fornire cure di sostegno vitale ai genitori che potevano pagare e volevano che il trattamento continuasse.

Inserzionista di East London ha riferito che gli avvocati hanno detto al giudice che il caso di Tafida ha somiglianze con altri casi di trattamento di sostegno vitale come Charlie Gard, Alfie Evans e Isaiah Haastrup.

L'udienza continua.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Quale preferiresti avere?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...