Faujis - gli immigrati illegali

Un team di BBC Special News ha scoperto un'enorme rete di immigrati illegali che vivono e lavorano nel Regno Unito. Questa particolare indagine ha rivelato principalmente uomini della regione indiana del Punjab. Il termine "fauji" è stato usato per descrivere questi uomini che significa "soldato di fanteria" in Punjabi e in questo caso si applica a [...]


alcuni pagano più di 8,000 sterline per lasciare il loro paese

Un team di BBC Special News ha scoperto un'enorme rete di immigrati illegali che vivono e lavorano nel Regno Unito. Questa particolare indagine ha rivelato principalmente uomini della regione indiana del Punjab. Il termine "fauji" è stato usato per descrivere questi uomini che significa "soldato di fanteria" in Punjabi e in questo caso si applica a individui sfidati che non hanno una vera identità.

Il rapporto sotto copertura che includeva riprese segrete di giornalisti presentati come compagni di immigrazione, ha evidenziato il problema a Southall, ma è evidente dai risultati che si tratta di una questione che riguarda il Regno Unito e l'Europa. I risultati hanno rivelato che un gran numero di loro stanno arrivando nel Regno Unito per lavorare e guadagnare denaro principalmente per inviare denaro a casa. La maggior parte di loro non parla correntemente l'inglese è guidata dalla rete e dalla comunità che li circonda.

La maggior parte ha utilizzato i cosiddetti agenti e reti che operano nel Regno Unito e in Europa e ha pagato un sacco di soldi per avere la possibilità di farlo. È noto che alcuni pagano più di 8,000 sterline per lasciare il proprio paese e arrivare nel Regno Unito. L'esperienza è pericolosa e sopportano cattive condizioni come nella parte posteriore dei camion attraverso rotte attraverso altri paesi tra cui Russia, Europa orientale e Francia. I viaggi come questi per arrivare nel Regno Unito hanno richiesto fino a un anno per essere completati.

Una volta qui, cercano di rimanere sulla falsa documentazione fornita loro a costi aggiuntivi. La documentazione è prodotta e fornita loro da criminali specializzati nel sostegno all'immigrazione illegale, che possono ottenere loro tutto ciò di cui hanno bisogno a un prezzo. Il rapporto ha rilevato che questi costi erano circa £ 250- £ 500 per un documento. Ciò include la produzione di passaporti, patenti di guida e carte di assicurazione nazionale che assomigliano esattamente agli originali. I passaporti riprodotti sono principalmente passaporti europei di paesi come il Portogallo, il Belgio e l'Italia.

La sistemazione e le condizioni di vita per loro sono un caso di tutto ciò che possono trovare o essere fornite attraverso la rete. Con il risultato di alloggi non progettati per così tante persone. Ad esempio, una villetta a schiera che ha al massimo tre camere da letto, ospita fino a nove uomini. Vivono tutti secondo le proprie rigide linee guida per evitare di essere scoperti come non aprire la porta a nessuno o comunicare chi sono a qualcuno che non conoscono. Un grande lusso per loro è forse una TV da condividere poiché raramente escono di casa a meno che non vadano a lavorare.

Il lavoro loro assegnato non garantisce la retribuzione e di solito è un lavoro non qualificato o specializzato per il quale non hanno formazione, ad esempio cantieri, ristoranti e fabbriche tessili. Alcuni lavorano più di 12 ore al giorno per circa £ 2 l'ora senza interruzioni, che è ben al di sotto del salario minimo del Regno Unito e non rispetta alcuna normativa in materia di salute e sicurezza.

A causa del loro status illegale, non pagano alcuna tassa o assicurazione nazionale e sono impiegati principalmente da datori di lavoro asiatici che li sfruttano fortemente e traggono vantaggio dal loro status illegale. Tuttavia, la maggior parte di loro lavora e vive secondo la regola di conversione nella loro testa, ovvero che £ 1 dà loro molte più rupie a casa. Quindi, il loro obiettivo è quello di lavorare in qualsiasi condizione, guadagnare e inviare denaro a casa per migliorare la vita delle loro famiglie. Molti vengono con questo obiettivo per guadagnare e tornare. Tuttavia, questo non sempre accade a seconda delle circostanze personali. Alcuni addirittura passano attraverso matrimoni combinati per ottenere lo status di soggiorno permanente.

Dopo aver completato l'indagine sotto copertura in loco, il corrispondente della BBC Special News, Richard Bilton, ha intervistato uno dei faujis, che ha affermato di essere qui per guadagnarsi da vivere ed essere più che felice di pagare le tasse e l'assicurazione nazionale se solo avessero la documentazione legale e sono stati accettati, anche in via temporanea e non permanenti. Ha detto che più della metà di Southall è piena di faujis e gli asiatici che gestiscono attività commerciali che vivono qui legalmente, sono quelli che se ne approfittano.

La reazione alla storia è stata mista tra le comunità britannico-asiatiche. Alcuni sono indignati e non sono divertiti dal fatto che questa pratica sia in corso poiché li sta mettendo in luce anche loro in così cattiva luce. Altri non sono contenti di pagare le tasse mentre queste persone non pagano nulla per il paese in cui vivono e lavorano. E alcuni simpatizzano con loro non vedendoli come dannosi e affermano di essere qui solo con la volontà di lavorare sodo e fare non distrarre direttamente la vita degli altri.

Il problema non è nuovo ma è ancora un problema importante per il Regno Unito e altri paesi europei. Non è solo la comunità punjabi che fa parte di questa attività illegale, come mostrato in questo rapporto, ma include altri come gujarati, tamil, bengalesi, pakistani, polacchi ecc. Pertanto, per le autorità è un problema più grande da gestire e affrontare. Le leggi sull'immigrazione e il controllo di questa situazione richiedono risorse, tempo, impegno e intelligenza e, quindi, pone ulteriori richieste al governo e alle autorità locali per trovare modi per affrontare questa questione in crescita. Ciò inoltre non esclude la responsabilità delle comunità e delle imprese coinvolte in questo racket.



A Jas piace rimanere in contatto con il mondo della musica e dell'intrattenimento scrivendone. Anche a lui piace andare in palestra. Il suo motto è "La differenza tra l'impossibile e il possibile sta nella determinazione di una persona".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Pensi che l'abuso di droghe o sostanze stupefacenti tra gli asiatici britannici stia crescendo?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...