Tassista falso imprigionato per aggressione sessuale donna in taxi

Un falso tassista della Greater Manchester è stato imprigionato per aver aggredito sessualmente una donna. L'incidente è avvenuto nel dicembre 2018.

Tassista falso imprigionato per aggressione sessuale donna f

"A sua insaputa, il veicolo che aveva fermato era in realtà un'auto privata"

Il falso tassista Nadeem Sultan, 46 anni, di Old Trafford, Greater Manchester, è stato incarcerato il 24 luglio 2019 per due anni dopo aver aggredito sessualmente una donna.

La Chester Crown Court ha sentito che ha aggredito sessualmente la donna di 22 anni che stava tornando a casa da Chester.

Nelle prime ore del 23 dicembre 2018, la donna era stata in una serata fuori in città con gli amici.

Verso le 3:30 del mattino, si è separata da loro e si è fermata per aiutare un uomo che dichiarava di essere malato.

La donna ha deciso che la cosa migliore da fare era portarlo a casa. Poi ha segnalato quello che pensava fosse un taxi in Eastgate Street.

Un portavoce della polizia del Cheshire ha detto:

"A sua insaputa, il veicolo che aveva fermato era in realtà un'auto privata guidata da Sultan, che non aveva una licenza per operare come tassista e non era assicurato per guidare l'auto."

Una volta in macchina, la vittima ha fornito i dettagli dei punti di riconsegna richiesti.

Successivamente è stato rivelato che l'uomo non era effettivamente malato, ma stava usando la donna per ottenere un taxi gratuito per tornare a casa. Sultan successivamente gli ordinò di scendere dall'auto.

Rimasto solo con la donna, che era seduta sul sedile del passeggero anteriore, il finto tassista “la sollevava con un flusso costante di complimenti”.

Le disse che era perfetta e che "non avrebbe mai potuto trovare una donna come lei".

Sultan poi mise la mano sulla gamba della donna, con le dita sulla parte interna della coscia e iniziò ad accarezzarla.

La donna era consapevole di essere in una posizione vulnerabile e ha immediatamente allontanato la mano di Sultan chiedendogli di fermarsi.

Poco dopo, quando l'auto si è fermata, la donna è riuscita a scendere. È corsa in una zona boscosa dove ha chiesto aiuto.

Tassista falso imprigionato per aggressione sessuale donna

Sultan è stato dichiarato colpevole di violenza sessuale toccando dopo un processo di tre giorni. Ha ammesso di aver propagandato un veicolo privato a noleggio e di aver guidato senza assicurazione.

L'ispettore Emma Parry ha spiegato: “Sultan ha sottoposto la sua vittima a un terribile calvario.

“Era sola, intrappolata in un veicolo con un uomo che non aveva mai incontrato prima che l'aveva presa di mira per soddisfare la propria gratificazione sessuale.

“La vittima ha riposto la sua fiducia in Sultan, credendo che fosse un vero tassista. Ha totalmente abusato di questa fiducia. "

“Essere toccati in modo inappropriato e stuprato da uno sconosciuto è roba da incubi e non posso elogiare abbastanza la vittima per il suo coraggio nel denunciare il suo calvario alla polizia e nel testimoniare contro Sultan in tribunale ".

Nadeem Sultan è stato incarcerato per due anni. Gli è stato anche assegnato un ordine di prevenzione dei danni sessuali della durata di 10 anni Cheshire dal vivo.

L'agente di polizia William McMillan ha detto:

“Vorrei anche rendere omaggio alla vittima per il coraggio che ha dimostrato durante questa indagine.

“Grazie al suo coraggio e al duro lavoro degli ufficiali qui a Chester, Sultan è ora dietro le sbarre di fronte alle conseguenze delle sue azioni.

"Spero che la pena detentiva inflitta a Sultan fornisca rassicurazione alla vittima e dissuada altri dal commettere reati simili".

L'ispettore Parry ha aggiunto: “Trattiamo tutte le denunce di reati sessuali con estrema serietà e qualsiasi accusa di questo tipo sarà indagata a fondo, con i desideri e le esigenze della vittima come nostra priorità principale.

“Le vittime non dovrebbero mai vergognarsi di parlare di quello che è successo loro.

"Riceveranno l'aiuto e il supporto di cui hanno bisogno dai nostri ufficiali specializzati, così come da altre agenzie di supporto con cui lavoriamo".



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale vino preferisci?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...