L'ex direttore delle poste rivela 3 tentativi di suicidio a causa dello scandalo dell'ufficio postale

Un ex direttore delle poste ha rivelato di aver tentato il suicidio tre volte dopo essere stato ingiustamente incarcerato per lo scandalo dell'ufficio postale.

L'ex direttore delle poste rivela 3 tentativi di suicidio a causa dello scandalo dell'ufficio postale f

"Ho tentato il suicidio tre volte"

Un ex direttore delle poste ha rivelato di aver tentato il suicidio tre volte dopo essere stato ingiustamente accusato di aver rubato migliaia di dollari dall'ufficio postale.

Tra il 1999 e il 2015 oltre 700 filiali degli Uffici Postali manager sono stati condannati ingiustamente dopo che difetti del software Horizon facevano sembrare che ci fossero delle carenze.

Alcuni lavoratori sono stati erroneamente mandati in prigione mentre altri sono andati in bancarotta.

Sebbene lo scandalo sia diventato di pubblico dominio, il dramma di ITV Mr Bates contro l'ufficio postale ha riportato la questione alla ribalta.

Parmod Kalia è una delle 93 persone le cui condanne sono state ribaltate. Tuttavia, lo spettacolo è stato difficile da guardare.

Nel 2001, il denaro iniziò a scomparire dai suoi conti e alla fine scomparvero 22,000 sterline.

Il signor Kalia ha denunciato il problema ma le Poste hanno continuato ad accusarlo di furto.

L’ex direttore delle poste di Orpington, nel sud-est di Londra, è stato consigliato dal rappresentante del suo sindacato di trovare i soldi per colmare il vuoto e tenersi fuori dai tribunali ed evitare il carcere.

Il signor Kalia prese in prestito i suoi soldi, incassò l'assegno e sperò che quella storia finisse lì.

Ma è stato comunque perseguito per furto sulla base dei dati dei loro account informatici.

Durante la vicenda, il suo matrimonio è fallito e i suoi figli hanno cominciato a chiedergli se avesse effettivamente preso i soldi.

Il signor Kalia è stato successivamente condannato a sei mesi di prigione.

Ricordando la sentenza del giudice, ha detto: “Avevo difficoltà a respirare, se devo essere sincero. Non riuscivo a comprendere ciò che era stato appena detto”.

Il signor Kalia è apparso su ITV Buongiorno Gran Bretagna e ha detto che gli ultimi 21 anni della sua vita gli erano stati strappati via.

Ha rivelato: “Mi ha distrutto mentalmente, l’ho semplicemente rinchiuso dentro di me – un accumulo di non sapere cosa fosse, nessuno con cui parlare, nessuno con cui discuterne.

“Ho perso 21 anni della mia vita, nessuna capacità di guadagno.

“Ho avuto un crollo con la mia famiglia, mia moglie, i miei figli, vergogna nella comunità.

"Ho tentato il suicidio tre volte, è anche questo."

La condanna del signor Kalia è stata annullata 20 anni dopo, ma lui non ha ancora ricevuto un risarcimento.

Kalia affronta le cose giorno per giorno, ma “il risarcimento non riporterà più di 20 anni di sofferenza”.

Nel frattempo, sette impiegati degli uffici postali di origine dell’Asia meridionale ritengono che il razzismo abbia influenzato il modo in cui le persone sono state trattate nello scandalo.

Balvinder Gill è stato ingiustamente accusato di aver rubato 108,000 sterline nel 2004.

Ha subito un altro duro colpo nel 2009, quando sua madre è stata giudicata colpevole di aver rubato 57,000 sterline dalla stessa filiale dell'ufficio postale di Oxford.

La sua condanna è stata annullata dalla Criminal Cases Review Commission (CCRC) nel 2021.

Lo ha detto il signor Gill BBC Newsnight: “Si parlava dei miei genitori come se fossero degli idioti perché non sono bianchi.

"Sono stati fatti sentire come se non capissero il sistema e che fossero stupidi."

Ha descritto l’esperienza dei suoi genitori come “un tipo di razzismo indiretto e oppressivo”.

Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale sport ti piace di più?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...