Mangiare uova e latticini riduce il rischio di diabete

Le uova sono spesso evitate da chi è a rischio di colesterolo alto, ma un nuovo studio ha dimostrato che le uova e altri latticini grassi possono aiutare a ridurre il nostro rischio di diabete.

Un nuovo studio ha dimostrato che le uova e altri prodotti a base di grassi aiutano a ridurre il nostro rischio di diabete.

Gli asiatici del sud hanno sei volte più probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto al resto della popolazione del Regno Unito.

Una nuova ricerca suggerisce che mangiare un uovo a giorni alterni può prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2 (T2D).

Una tale nuova scoperta potrebbe sorprendere molti di noi, in particolare con la percezione negativa generale del colesterolo di cui siamo abituati a leggere.

Tuttavia, i ricercatori dell'Università della Finlandia orientale hanno dimostrato il contrario.

Hanno condotto uno studio su 2,332 uomini in Finlandia, di età compresa tra 42 e 60 anni durante gli anni dal 1984 al 2004.

Il risultato ha rivelato un totale di 432 uomini con diagnosi di T2D. Ha anche scoperto un modello dietetico che si credeva causasse il T2D.

Gli uomini che mangiavano quattro uova a settimana avevano il 37% in meno di probabilità di sviluppare T2D rispetto a quelli che mangiavano un uovo a settimana. Tuttavia, consumare più di quattro uova non ha portato ulteriori benefici nutrizionali.

Lo studio ha anche scoperto che i livelli di glucosio erano più bassi per gli uomini che assumevano una maggiore assunzione di uova, anche dopo aver tenuto conto delle scelte di vita come l'esercizio fisico e il fumo.

Un nuovo studio ha dimostrato che le uova e altri prodotti a base di grassi aiutano a ridurre il nostro rischio di diabete.Contrariamente alla percezione generale, era l'alto livello di colesterolo "buono" nel tuorlo l'ingrediente benefico.

Il dottor Jyrki Virtanen, professore di epidemiologia nutrizionale all'università, ha sottolineato che in precedenza erano stati raccolti pochissimi dati sull'effetto delle uova sulla riduzione del rischio di T2D.

Ha detto: “Anche negli studi basati sulla popolazione, l'associazione tra consumo di uova e diabete di tipo 2 è stata studiata solo a malapena, e i risultati sono stati inconcludenti.

"Il consumo di uova è stato associato a un rischio elevato oppure non è stata trovata alcuna associazione".

Il dottor Virtanen ha continuato descrivendo i benefici per la salute delle uova, dicendo: "Oltre al colesterolo, le uova contengono molti nutrienti benefici che possono avere un effetto, ad esempio, sul metabolismo del glucosio e sull'infiammazione di basso grado, e quindi ridurre il rischio di tipo 2 diabete."

Oltre alle uova, anche i formaggi e gli yogurt ad alto contenuto di grassi riducono del 2% il rischio di T25D.

Un'altra ricerca scandinava condotta dall'Università di Lund in Svezia ha analizzato le abitudini alimentari di 27,000 persone, di età compresa tra i 45 ei 74 anni all'inizio degli anni '1990. Dopo 20 anni, è stato riscontrato che più di una persona su dieci aveva sviluppato T2D.

La dottoressa Ulrika Ericson, che ha guidato questa ricerca, ha commentato: “Coloro che mangiavano i latticini più ricchi di grassi avevano un rischio inferiore del 23% di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a quelli che mangiavano di meno.

"L'elevato consumo di carne era collegato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2 indipendentemente dal contenuto di grassi della carne".

Il dott. Ericson ha concluso che una dieta equilibrata è la chiave per un corpo sano, affermando: "Non dovremmo concentrarci esclusivamente sui grassi, ma piuttosto considerare quali cibi mangiamo.

"Molti alimenti contengono diversi componenti dannosi o benefici per la salute, ed è l'equilibrio generale che è importante".

Un nuovo studio ha dimostrato che le uova e altri prodotti a base di grassi aiutano a ridurre il nostro rischio di diabete.Il T2D si verifica quando il corpo non produce una quantità sufficiente di insulina e spesso richiede che l'insulina prescritta venga iniettata prima dei pasti.

Attacchi di cuore, insufficienza renale e ictus sono tutti possibili a causa della mancanza di controllo del T2D e in molti casi possono rivelarsi fatali.

La malattia è una preoccupazione crescente nel Regno Unito con oltre 3 milioni di persone diagnosticate nel 2013. Si ritiene che il numero effettivo sia molto più alto con molte persone non diagnosticate e inconsapevoli della loro malattia.

Gli asiatici del sud dovrebbero essere in maggiore allerta, poiché hanno sei volte più probabilità di sviluppare T2D rispetto al resto della popolazione del Regno Unito.

Alcuni ritengono che un contributo importante stia mescolando gruppi di alimenti "cattivi" provenienti dalle diete orientali tradizionali importate dal sub-continente asiatico mescolati con alti livelli di grassi saturi presenti negli alimenti trasformati in Occidente.

Ma altre ricerche hanno anche scoperto che la genetica e il metabolismo dei grassi rendono gli asiatici del sud più suscettibili alla malattia.

Sebbene le etnie degli uomini in questi studi non siano state indicate, i risultati sono certamente spunti di riflessione e non dovrebbero essere presi con un pizzico di sale.



Bipin ama il cinema, i documentari e l'attualità. Scrive sciocche poesie in rima quando è libero, amando le dinamiche di essere l'unico maschio in casa con sua moglie e due giovani figlie: "Inizia con il sogno, non le barriere per realizzarlo".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale musica di AR Rahman's preferisci?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...