L'autista che uccide la madre di tre mordi è stato imprigionato

Un autista di Moseley, Birmingham, ha ricevuto una pena detentiva per un incidente stradale in cui è stata uccisa una madre di tre figli.

Il guidatore che uccide la madre di tre mordi e fuggi imprigionato f

"Stava guidando notevolmente oltre il limite di velocità"

L'autista Mohammed Shameel, 34 anni, di Moseley, Birmingham, è stato incarcerato per 18 mesi al Birmingham Crown Court per un incidente mortale.

È stato condannato il 17 giugno 2019, dopo che l'incidente ha provocato la morte di una madre di tre figli.

Shameel ha investito Noreen Akhtar su Stratford Road, Sparkhill, durante i festeggiamenti il ​​16 giugno 2018.

La signora Akhtar stava camminando verso la sua macchina parcheggiata - che aveva i suoi bambini piccoli dentro - quando è stata colpita.

È stata lanciata "con la forza a una certa distanza", tuttavia, Shameel è fuggita dalla scena.

La signora Akhtar ha subito una grave lesione cerebrale ed è morta meno di un giorno dopo.

Lynette McClement, accusatrice, ha dichiarato: “Questa non è stata una disattenzione momentanea. Stava guidando notevolmente oltre il limite di velocità in un'area edificata.

“Era l'Eid con attività più del solito in corso. Ha guidato troppo vicino al lato vicino e troppo veloce.

“Era inevitabile che le persone si spostassero tra le loro auto.

“Non ha tentato di rallentare. Non poteva mancare il fatto di aver investito un pedone. Abbiamo sentito il rumore del filmato. "

È stato rivelato che stava facendo 36 mph in una zona di 20 mph. La polizia ha utilizzato i filmati delle telecamere a circuito chiuso per rintracciare l'auto di Shameel ed è stato arrestato il 23 giugno 2018.

L'autista ha mentito nel tentativo di coprire le sue tracce, ma in seguito ha ammesso di aver causato la morte per guida incurante.

Il giudice Melbourne Inman QC ha dichiarato che Stratford Road era probabilmente la strada più trafficata della città.

Ha detto a Shameel: “L'hai colpita scagliandola con forza a una certa distanza.

“L'effetto sui figli di Noreen Akhtar e sulla sua famiglia è stato profondo. Ho letto commoventi dichiarazioni di sua figlia e di suo figlio ".

Il giudice Inman ha detto che il guidatore ha inizialmente colpito lo specchietto retrovisore dell'auto della signora Akhtar prima di colpirla e ha aggiunto: “Speravi di non essere trovato.

“Sei andato via lasciando la vittima morente in mezzo alla strada.

"Tragicamente i figli della signora Akhtar erano in macchina quando è avvenuto questo terribile incidente."

"Non sono sicuro di quanto ne sarebbero stati consapevoli, è successo così in fretta."

Geraldine Toal, in difesa, ha dichiarato: “Era un tratto di strada molto trafficato e la signora Akhtar è arrivata da dietro un'auto.

“Se avesse guidato entro il limite di velocità, potrebbe avergli fornito tempo sufficiente per fermarsi.

“L'incidente si è concluso in due o tre secondi. È andato nel panico. Era così semplice. Non si rese conto fino a pochi giorni dopo che si era verificata una fatalità. "

Mohammed Shameel è stato incarcerato per 18 mesi. Gli è stato anche vietato di guidare per due anni e mezzo.

Il sergente investigativo Paul Hughes ha detto: “È inconcepibile che Shameel non avrebbe saputo del collisione poiché c'erano danni ingenti alla sua auto compreso il parabrezza.

“Nonostante questo, si è allontanato dalla scena senza pensarci due volte per la signora Akhtar, tragicamente morta a causa delle ferite riportate.

“Shameel ha cercato di mentire per coprire le sue tracce, ma siamo stati in grado di smascherare rapidamente le sue bugie.

"Possiamo solo sperare che il fatto che debba scontare una pena detentiva fornirà un piccolo senso di conforto alla famiglia della sua vittima".



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Quale fast food mangi di più?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...