Uomo "dominante" condannato per aver accoltellato la moglie 18 volte

Un uomo di 47 anni, descritto come "dominante e prepotente", è stato condannato dopo aver accoltellato la moglie 18 volte.

Uomo "dominante" condannato per aver accoltellato la moglie 18 volte f

"Guardava ossessivamente i riferimenti sessuali"

Anil Gill, 47 anni, di Milton Keynes, è stato condannato per omicidio dopo aver accoltellato sua moglie 18 volte.

Il corpo di Ranjit Gill è stato trovato avvolto in un piumino e sacchi della spazzatura neri nella loro casa di Beresford Close il 31 gennaio 2021.

Luton Crown Court ha sentito che la coppia era stata felicemente sposata e viveva a Bedford.

Nel 2010, la coppia si è trasferita a Milton Keynes. Tuttavia, il pubblico ministero Charles Ward-Jackson ha affermato che "le cose sono andate peggiorando" dopo che Gill ha perso il lavoro e la salute di Ranjit è peggiorata.

Il signor Ward-Jackson ha dichiarato: "Era una persona dominante che l'avrebbe intimidita in occasioni e avrebbe usato comportamenti minacciosi e violenti nei suoi confronti".

Ranjit era stata minacciata con un coltello, una spada ed era stata spinta giù per le scale dal marito "prepotente e prepotente".

Nell'ottobre 2018, la polizia si è recata a casa loro dopo aver riferito di un incidente domestico, ma Ranjit non ha voluto dire cosa fosse successo.

Quando la sorella di Ranjit le consigliò di lasciare Gill, temette che "l'avrebbe cacciata e uccisa".

La corte ha sentito che ci sono stati casi di abusi domestici segnalati e i pubblici ministeri hanno affermato che la coppia aveva iniziato ad assumere droghe e alcol.

Ranjit ha avuto una relazione e Gill ha preso in considerazione le procedure di divorzio, ma le ha ritratte.

La coppia sembrava aver "sistemato le cose" nel gennaio 2021.

Ma le prove hanno dimostrato che Gill stava cercando su Internet su questioni che mostravano la sua "crescente preoccupazione per la propria sessualità".

Il signor Ward-Jackson ha affermato che un "elemento gay" si stava insinuando nelle sue ricerche su Internet e, inoltre, ci sono state anche ricerche da lui effettuate in relazione alla vita sessuale di sua moglie.

Ha detto: "Guardava ossessivamente i riferimenti sessuali a sua moglie".

La corte ha sentito che Gill aveva anche delle foto sessualizzate di sua moglie sul suo telefono scattate nel gennaio 2021. Ward-Jackson ha aggiunto:

"Stavano partecipando a una sorta di gioco di ruolo sessuale".

La notte dell'omicidio, le prove hanno mostrato che avevano consegnato la cocaina e Gill stava cercando su Internet della pornografia gay.

All'una di notte, un vicino ha sentito una donna urlare, che secondo l'accusa era probabilmente il suono di Ranjit che veniva pugnalato a morte.

Ward-Jackson ha detto che dopo aver accoltellato sua moglie 18 volte, Gill ha suonato musica reggae per "calmarsi".

Ha poi trascorso alcune ore a pulire e avvolgere il corpo di Ranjit in un piumone e sacchi per la spazzatura neri. Ha trascinato il corpo in garage.

Gill ha quindi usato la candeggina per pulire la moquette del soggiorno.

Alle 10, Gill ha chiamato la polizia, dicendo all'operatore:

“Mi ha costretto a prendere cocaina, non volevo. È diventata dipendente dalle droghe e ha avuto una relazione”.

La polizia è arrivata e ha scoperto il corpo di Ranjit nel garage.

La morte di Ranjit è stata causata da quattro profonde e significative ferite al petto.

Al suo processo, Gill ha ammesso un'accusa minore di omicidio colposo, sostenendo di aver accoltellato sua moglie in una "frenesia" dopo aver perso l'autocontrollo.

Tuttavia, la giuria ha respinto le sue affermazioni e lo ha dichiarato colpevole di omicidio.

Anil Gill sarà condannato il 15 novembre 2021.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Che tipo di abuso domestico hai subito di più?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...