I blocchi del Covid-19 hanno portato all'aumento dei giocattoli sessuali indiani

I blocchi del Covid-19 in India hanno portato a un aumento della domanda di giocattoli sessuali e ad un aumento della ricerca sul sesso.

I blocchi del Covid-19 hanno portato all'aumento dei giocattoli sessuali indiani f

"L'acquisto di un sex toy non è più scandaloso in India".

La domanda di giocattoli sessuali in India è aumentata grazie alle restrizioni e ai blocchi del Covid-19.

Secondo uno studio di Quello personale, la vendita di giocattoli sessuali è aumentata del 65% durante il blocco.

Prawin Ganeshan ha registrato un aumento della domanda. Nel 2013 ha aperto quello che si ritiene essere il primo negozio di giocattoli e benessere sessuale in India a Tirupur, Tamil Nadu.

Il fondatore e CEO di Kamakart ha ricordato:

"Ero preparato a tutti i tipi di contraccolpo."

Tuttavia, ha ricevuto una reazione positiva e la sua attività è diventata un tale successo, ha aperto altri due negozi.

Prawin ora gestisce 10 negozi di benessere sessuale in tutto il sud dell'India e uno in Sri Lanka con il nome Kamakart.com.

Durante la pandemia del 2020, Prawin ha visto aumentare le vendite tra il 100% e il 300%.

Gli atteggiamenti sessuali in India sono in uno stato di mutamento. Uno studio in precedenza ha rivelato che oltre il 90% degli indiani ha avuto la prima esperienza sessuale prima dei 30 anni.

Raj Armani, co-fondatore del negozio online per adulti IMbesharam, ha dichiarato:

"La percezione pubblica del sesso e dell'oscenità è cambiata dai giorni in cui (l'attore) Aamir Khan ha baciato Raja Hindustani è stata una conversazione nazionale sull'accettazione del piacere come diritto fondamentale ".

Rahber Nazir, co-fondatore di Kaamastra, è d'accordo, dicendo:

“L'acquisto di un sex toy non è più scandaloso in India.

"I clienti ora cercano prodotti più semplici e personalizzati in grado di soddisfare le loro esigenze".

Secondo IMbesharam, la percentuale di clienti donne è passata dal 20% al 39% negli ultimi tre anni.

Anche il totale degli ordini delle donne è aumentato dal 18% al 44% nello stesso periodo.

Raj ha detto: "Sempre più donne fanno acquisti per se stesse o chiedono ai loro partner di fare acquisti per loro".

Mentre i film hanno contribuito alla crescente popolarità dei giocattoli sessuali, anche i medici stanno contribuendo.

Il dottor Ajit Saxena ha dichiarato: “Alcuni dei prodotti per il benessere sessuale venduti da aziende di giocattoli sessuali come spray per l'eiaculazione precoce, lubrificanti e dispositivi di aspirazione per la disfunzione erettile sono in realtà prodotti medici.

"La cosa buona è che ora sono facilmente disponibili, incoraggiando molti giovani medici a prescriverli".

La pandemia Covid-19 ha anche provocato un interesse per la ricerca sulla sessualità tra i ricercatori indiani.

Diverse riviste scientifiche ora presentano articoli che esplorano le implicazioni legate alla sessualità del Covid-19.

Un articolo sul "Comportamento sessuale durante i tempi del Covid-19 Lockdown in India" ha rivelato che più persone hanno adottato metodi virtuali.

Ciò include l'uso di giocattoli sessuali telecomandati.

Nonostante la società accetti di più i giocattoli sessuali, alcune persone sono contrarie.

Ad esempio, la sezione 292 del codice penale indiano vieta la vendita, la pubblicità, la distribuzione e l'esposizione pubblica di un libro, opuscolo, dipinto o qualsiasi altro oggetto che possa ritenere osceno.

Ciò ha comportato il coinvolgimento degli imprenditori.

Prawin Ganeshan ha spiegato che perde due spedizioni su dieci alle autorità confiscare e li distrugge.

Gli ostacoli logistici hanno incoraggiato alcuni a esplorare la possibilità di produrre giocattoli sessuali in India, tuttavia, non tutti sono d'accordo.

Rahber Nazir ha dichiarato: “La produzione di giocattoli sessuali in India ci consentirà di personalizzare i nostri prodotti in base alle esigenze dei consumatori indiani.

"Alcuni dei prodotti che vendiamo attualmente, come i giochi da tavolo per adulti e i dildo, sono progettati per soddisfare la sensibilità e le esigenze dei clienti occidentali".

Per Samir Saraiya, CEO di Thatspersonal, le sfide risiedono negli aspetti pratici coinvolti nel farlo funzionare.

Ha spiegato: "In questo momento è più facile pagare i dazi all'importazione che farlo in India a causa dell'enorme volume che le aziende internazionali possono fornire".

Raj Armani ha aggiunto: “Abbiamo molti fornitori di materie prime (poliuretano, silicone) in India, ma l'arte di costruirlo e la tecnologia che verrà utilizzata per far funzionare i prodotti, è una collina che dobbiamo attraversare.

"Stiamo cercando produttori locali esperti e speriamo che la nostra ambizione vedrà presto la luce del giorno".



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Cosa conta di più per te in un partner?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...