Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

Essere gay è stato accolto con disprezzo di generazione in generazione. Ma quanto è difficile in una società in cui è inaccettabile?

Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

"Non mi vergogno di chi sono, anzi, sono super orgoglioso".

Essere gay è un amore proibito nelle comunità di tutto il mondo e, in particolare nella comunità asiatica, è qualcosa che è associato al disprezzo.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è stato legalizzato nel Regno Unito nel 2014, il che evidenzia chiaramente il tempo impiegato dalle persone per cambiare il loro atteggiamento nei suoi confronti.

Ma non tutti condividono le stesse opinioni e l'essere gay deve confrontarsi con molta opposizione. Una persona deve solo guardare gli Orlando Shootings del 2016 per vedere che è ancora un problema sfavorevole per le persone oggi.

Solo 1 persona su 100 si identifica come gay o lesbica perché "gli individui rimangono riluttanti, a dire la verità" a causa dei tabù.

E per gli asiatici britannici, essere gay è ancora più difficile. Per loro, il coming out non implica solo colmare i divari tra la sessualità, ma anche colmare il divario tra cultura e comunità.

Per le generazioni più anziane provenienti da luoghi come l'India e il Pakistan, l'idea di essere gay non è un modo naturale di vivere e non è approvata in alcun modo. Nelle terre d'origine, qualsiasi attività omosessuale o lesbica può portare alla reclusione a vita, tuttavia, esiste ancora.

Accettazione

Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

Indipendentemente dalla nazionalità o dal background culturale, essere gay è considerato del tutto innaturale e non è prontamente accettato dalle comunità dell'Asia meridionale nel Regno Unito.

Anwar *, un gay dello Yorkshire dice: “Essere gay nella nostra comunità è sbagliato. Mi sento finché posso mantenerlo segreto, va bene. Finché nessuno nella mia famiglia lo scopre, va bene farlo. "

L'accettazione è a un livello molto micro e principalmente su base familiare per famiglia. Ciò dipende da quanto è liberale una famiglia, dalla consapevolezza che l'orientamento sessuale del proprio figlio fa parte di ciò che è veramente e, soprattutto, non vive nella negazione.

Yusuf Tamanna dice: “Mia madre, le mie sorelle e le mie amiche sanno che sono gay e lo accettano completamente. Mia sorella mi ha detto: "Guarda Yusuf, sii felice chiunque tu sia."

“Mio padre ancora non lo sa, dubito che lo farà mai, tutta la mia famiglia mi ha detto di non dirglielo perché dirglielo farebbe più male che bene.

“La tradizione vorrebbe che non dovessi essere così apertamente sulla mia sessualità e ho ricevuto dolore da altri uomini gay dell'Asia meridionale che hanno detto che faccio più male che bene perché sto mettendo il mio stile di vita in faccia. Immagino che provenga da un luogo di risentimento. "

La mancanza di accettazione può portare a una mancanza di sostegno e l'impatto di ciò può essere una difficoltà per l'individuo gay.

Amrik Judge è uno YouTuber e dice che i suoi genitori: "All'inizio non mi sono stati di grande aiuto, ma poi si sono resi conto di quanto il loro supporto non mi avesse influenzato".

Minali *, che è lesbica, dice: “Alla comunità asiatica, ho ancora paura di dire davanti a loro che sono lesbica o gay. Non posso dirglielo. Non stanno accettando apertamente, come stanno accettando le altre comunità ".

Gav, uno studente gay di Sheffield, dice: “È meglio essere accettati per quello che sei che vergognarti di un tale dono di questa natura.

“Nella comunità LGBT, sembra che ci sia più sostegno e risorse per coloro che non sono una minoranza etnica e, insieme alle differenze culturali, diventa più difficile accettare l'aiuto.

"Termini coniati come l'intersezionalità possono aiutare molto, ma in termini di mondo reale, è un'altra storia."

L'accettazione delle persone gay all'interno delle comunità asiatiche è ancora una grande sfida.

Pertanto, se l'accettazione delle relazioni omosessuali è ancora un tabù all'interno della comunità asiatica, i matrimoni omosessuali saranno sicuramente in minoranza e molto probabilmente, tenuti lontani dalla comunità.

Una doppia vita

Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

Molte persone vivono una doppia vita sopprimendo chi sono veramente quando si tratta di essere gay, soprattutto nella comunità asiatica.

Sempre più casi stanno emergendo anche con uomini sposati con figli che possono avere un lato bisessuale o gay della loro sessualità.

La domanda, 'Cosa diranno gli altri?'sembra essere un punto critico importante prima della felicità per molti asiatici.

L'onore rimane un valore stimato all'interno della comunità asiatica e alcune persone sono costrette a sposare il sesso opposto per mantenere le apparenze all'interno della società.

Yasar Amin è uscito quando era un adolescente e cresceva a Bradford. Ora è un attivista per una maggiore tolleranza e parità di diritti e commenta le persone che vivono una doppia vita:

“Alcune persone, so che avranno una relazione eterosessuale, ma ciò causa tensione e problemi perché conducono uno stile di vita segreto. È in conflitto per loro. Quindi, avranno una vita per la loro famiglia e la comunità locale, e un'altra per gli amici e per socializzare ".

Alcuni gay asiatici decidono di fingere di vivere come una coppia eterosessuale attraverso "matrimoni di convenienza" per evitare di affrontare l '"ira delle loro famiglie".

Questi matrimoni di convenienza sono ricercati su siti web come saathinight.com. Gli utenti in genere fanno pubblicità con la lettura di post, "Cerco MOC con un gentiluomo punjabi asessuale / gay (dall'aspetto etero) ... Ho bisogno di sposarmi al più presto solo a causa della pressione della famiglia '.

Questo è piuttosto tragico perché rivela che le persone non possono esprimere pienamente chi sono per paura della vergogna, di essere ostracizzate dalla loro famiglia o di offuscare la reputazione della loro famiglia. Questi falsi matrimoni coprono il diritto della coppia a una vita di loro scelta.

Salute Mentale

Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

Metro è un ente di beneficenza LGBT e quando ha condotto un sondaggio chiedendo a 7,000 ragazzi di età compresa tra i 16 ei 24 anni le loro esperienze, i risultati hanno rivelato che:

  • Il 42% dei giovani LGBT ha cercato assistenza medica per ansia o depressione
  • Il 52% dei giovani LGBT denuncia autolesionismo
  • Il 44% dei giovani LGBT ha considerato il suicidio

Quando le persone soffrono in silenzio, la loro salute mentale peggiora.

Se sentono di non poter parlare dei loro problemi, è probabile che si verifichino malattie come depressione, ansia e tendenze suicide.

Soprattutto, quando alcune persone gay possono avere a che fare con odio di sé a causa di ciò che sono, negazione o paura del rifiuto.

Raj * dice: “La mia salute mentale è peggiorata a causa della mia omosessualità. Sapere che non potevo parlarne con la mia famiglia significava che dovevo tenere tutti i miei sentimenti per me.

"Ci sono stati momenti in cui volevo uccidermi perché mi vergognavo di essere quello che sono e mi sentivo come se stessi soffocando."

Fare dell'omosessualità un argomento indicibile nella comunità asiatica significa che è più difficile per chi ha bisogno di parlare della questione poter parlare di chi è.

Coming Out

Le sfide dell'essere gay e asiatici britannici

Le modifiche alla legge del Regno Unito hanno reso le persone più sicure di ammettere di essere gay e di "fare coming out". Fornisce quella protezione aggiuntiva per supportare la loro decisione.

Yusuf, che è uscito, dice: “Non mi vergogno di chi sono, anzi, sono super orgoglioso. In alcuni casi ne faccio un punto perché perché dovrei nascondermi? L'amore è amore, lasciami amare chi voglio! "

Tuttavia, non è uguale o semplice per tutti e la maggior parte trova ancora difficile con chi rivolgersi e è molto cauta nei confronti delle conseguenze e delle reazioni negative da parte della comunità e della famiglia.

Kammy dice: “Ho pensato attentamente a chi avrei potuto parlare del mio orientamento sessuale nei confronti delle donne. Mi sono confidato con una cugina ma lei non l'ha presa bene. Ha smesso di parlarmi subito dopo e mi chiedo se l'abbia detto a qualcun altro ".

Fino a quando essere gay ed essere asiatici britannici è qualcosa che viene accettato come reale e qualcosa che esiste, solo allora ci sarà un'opportunità per accrescere la comprensione di esso come un "difetto di salute" o "qualcosa che può essere curato".

È necessario abbattere le barriere e aumentare la consapevolezza di quanto sia difficile per una persona gay nella comunità asiatica. Invece di essere associato alla vergogna, è qualcosa che necessita di una discussione più aperta per affrontare l'enorme stigma ad esso associato.

Assistenza

Blog come Safar mirano a rendere le comunità gay, lesbiche e bisessuali asiatiche britanniche più visibili e accessibili. Contiene informazioni su eventi sociali come serate di concerti per coinvolgere e supportare persone con background simili.

Altre organizzazioni di supporto includono:

Man mano che le generazioni asiatiche britanniche progrediscono, si spera che i cambiamenti di atteggiamento un giorno rendano più accettabile essere gay nella società asiatica britannica. Ma fino ad allora, continueranno le difficili sfide per affrontare l'essere gay e asiatici britannici.



Koumal si descrive come una strana con un'anima selvaggia. Ama la scrittura, la creatività, i cereali e le avventure. Il suo motto è "C'è una fontana dentro di te, non andare in giro con un secchio vuoto".

Immagine del matrimonio per gentile concessione di Steve Grant Photography

* I nomi sono stati modificati per l'anonimato





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    La ragione per l'infedeltà è

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...