Le squadre della Premier League "Big Six" lasciano la Super League europea

Le squadre della Premier League "Big Six" hanno annunciato il ritiro dalla controversa Super League europea separatista.

Le squadre della Premier League "Big Six" lasciano la Super League europea f

"Non siamo stati coinvolti nel processo".

Tutte e sei le squadre della Premier League coinvolte nella Super League europea (ESL) si sono ora ritirate dal controverso progetto.

Il 18 aprile 2021, è stato annunciato che c'erano piani per organizzare una competizione di campionato separatista che coinvolgesse alcuni dei più grandi club europei.

I club della Premier League coinvolti erano Arsenal, Liverpool, Manchester United, Manchester City, Chelsea e Tottenham.

Gli altri club erano l'Atletico Madrid, il Barcellona e il Real Madrid, e l'AC Milan, l'Inter e la Juventus.

Vedrebbe i club coinvolti prendere parte al proprio campionato l'uno contro l'altro, il che avrebbe un profondo effetto sui loro campionati nazionali.

La Super League a 12 squadre è stata annunciata con una condanna diffusa.

Organismi calcistici come la Premier League e la UEFA hanno criticato i piani dei proprietari dei club, definendoli "avidità" e un insulto allo sport.

La proposta ha visto altre figure come il primo ministro Boris Johnson affermare che i club stavano voltando le spalle ai tifosi e che avrebbe distrutto le tradizioni calcistiche.

Il principe William ha twittato sulla questione.

I fan si sono riuniti fuori dagli stadi delle squadre della Premier League coinvolte per protestare contro l'ESL.

In un caso, i fan si sono riuniti fuori Elland Road del Leeds United, durante il quale è stata bruciata una maglietta del Liverpool e un aereo che mostrava un messaggio anti-ESL.

Oltre 1,000 fan hanno protestato fuori dallo Stamford Bridge del Chelsea.

Il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha affermato che la Super League europea è stata creata "per salvare il calcio".

Lo ha affermato giovane persone "non erano più interessati al calcio" a causa di "molti giochi di scarsa qualità".

Ha aggiunto: "Ogni volta che c'è un cambiamento, ci sono sempre persone che si oppongono ad esso".

I personaggi del calcio vengono coinvolti

Le squadre della Premier League "Big Six" lasciano la Super League europea

Il 19 aprile 2021, i dati del calcio hanno iniziato a uscire ed esprimere la loro disapprovazione per i piani di ESL.

Liverpool Il manager Jurgen Klopp aveva già detto nel 2019 che sperava che non ci sarebbe mai stata una Super League.

Prima della partita della sua squadra contro il Leeds United, ha dichiarato che la sua opinione non era cambiata.

È stato rivelato che i proprietari del club avevano preso la decisione come ha detto James Milner del Liverpool:

“Non siamo stati coinvolti nel processo.

“Siamo la squadra, indossiamo le maglie con orgoglio. Qualcuno ha preso una decisione con i proprietari del calcio mondiale di cui non sappiamo esattamente perché ".

Il capitano del Liverpool Jordan Henderson ha convocato un incontro tra i capitani della Premier League per discutere della Super League europea.

Ha anche twittato un messaggio, esprimendo la disapprovazione sua e della sua parte per l'ESL.

"Non ci piace e non vogliamo che accada."

Marcus Rashford del Manchester United ha twittato un'immagine toccante che ha spiegato la sua posizione sull'ESL.

Altri giganti europei come il Bayern Monaco hanno dichiarato esplicitamente che non avrebbero accettato l'invito a entrare in campionato.

Le opinioni espresse dai giocatori e dai manager della Premier League hanno portato a delle crepe che iniziano a manifestarsi nei piani di ESL.

È stato riferito che una squadra della Premier League stava valutando la possibilità di ritirarsi dall'ESL.

La Super League Europea pianifica Crash

La controversia si è interrotta dopo che è stato rivelato che il Chelsea intendeva ritirarsi preparando i documenti pertinenti.

Il Manchester City è diventato il primo club della Premier League a ritirarsi.

Arsenal, Liverpool, Manchester United e Tottenham hanno seguito l'esempio.

Il Manchester City ha confermato di aver "formalmente emanato le procedure per il ritiro" dalla Super League.

Il Liverpool ha detto che il loro coinvolgimento nel campionato separatista proposto "è stato interrotto".

Il Manchester United ha dichiarato di aver "ascoltato attentamente la reazione dei nostri tifosi, del governo britannico e di altri stakeholder chiave" nel prendere la decisione di non partecipare.

Ha anche visto il vicepresidente esecutivo di Man United Ed Woodward annunciare le dimissioni alla fine del 2021.

In una lettera aperta, l'Arsenal si è scusato con i propri tifosi e ha detto di aver "commesso un errore", aggiungendo che si sarebbero ritirati dopo aver ascoltato loro e la "più ampia comunità calcistica".

Il presidente del Tottenham Daniel Levy ha detto che il club si è rammaricato per "l'ansia e il turbamento" causati dalla proposta.

Il Chelsea ha confermato di aver "avviato le procedure formali per il ritiro dal gruppo" che si è unito solo "alla fine della scorsa settimana".

Anche Inter e Atletico Madrid hanno dichiarato di non voler più essere coinvolti nel progetto.

Cosa è stato detto?

Le squadre della Premier League 'Big Six' lasciano la Super League 2 europea

Dopo il ritiro delle sei squadre della Premier League, nessuna delle altre squadre coinvolte ha rilasciato una dichiarazione.

L'ESL ha dichiarato: “Nonostante l'annunciata partenza dei club inglesi, costretti a prendere tali decisioni a causa della pressione esercitata su di loro, siamo convinti che la nostra proposta sia pienamente allineata con la legge e la regolamentazione europea.

Ha aggiunto di essere “convinto che l'attuale status quo del calcio europeo debba cambiare”.

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli in precedenza aveva detto che i club rimasti "andrebbero avanti", ma dal momento del ritiro della maggior parte dei club, ha ammesso che non può procedere.

Ha detto: “A essere franchi e onesti no, evidentemente non è così.

“Rimango convinto della bellezza di quel progetto, del valore che avrebbe sviluppato alla piramide, della creazione della migliore competizione al mondo, ma evidentemente no.

"Non credo che il progetto sia ancora attivo e funzionante."

Il presidente UEFA Aleksander Ceferin ha accolto con favore l'inversione, dicendo:

“Ho detto ieri che è ammirevole ammettere un errore e questi club hanno commesso un grosso errore.

“Ma ora sono tornati all'ovile e so che hanno molto da offrire non solo alle nostre competizioni ma a tutto il calcio europeo.

"La cosa importante ora è che andiamo avanti, ricostruiamo l'unità di cui godeva il gioco prima di questo e andiamo avanti insieme."

I piani della Super League europea hanno inviato onde d'urto in tutto il mondo del calcio.

Tuttavia, ha visto le squadre rivali riunirsi per esprimere la loro disapprovazione per il campionato.

Anche se sembra che qualsiasi idea di ciò stia diminuendo, nuovi sviluppi emergono continuamente. Solo il tempo dirà cosa accadrà.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    I Brit Awards sono giusti per i talenti asiatici britannici?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...