L'arte della cucina indiana contemporanea

Il cibo indiano si sta evolvendo e gli chef stanno portando con coraggio la cucina dove non è mai arrivata prima. DESIblitz esplora la cucina indiana contemporanea.


In Gran Bretagna stiamo effettivamente gustando il cibo indiano regionale.

Per fortuna, i giorni in cui il vile curry Vesta era l'essenza e la fine dell'interpretazione britannica della "cucina indiana" sono solo un lontano ricordo.

La cultura del cibo della nazione ha fatto molta strada e ora incorpora il cibo indiano come parte vitale di un vibrante mix multiculturale.

E nessuno ha incarnato meglio lo spirito dell'appetito del Regno Unito per un po 'di piccante avventura di Gli incredibili uomini delle spezie.

Da quando Cyrus Todiwala e Tony Singh hanno collaborato sui nostri schermi televisivi l'anno scorso, gli spettatori sono stati ispirati a "indianizzare" qualsiasi cosa, dal budino di pane al buon vecchio gammon.

Sciarpe BarMa i mashup interculturali non funzionano sempre così bene. Nelle mani sbagliate, possono essere assolutamente disastrose, dando origine a calamità culinarie come le lasagne di pollo tikka masala, i fagioli al forno al "curry" e il pollo al curry al cioccolato.

Ispirazioni fuorvianti, una mancanza di comprensione del sapore o una scarsa conoscenza della tecnica di cucina indiana possono lasciare un pessimo gusto.

D'altra parte, quando consegni le cose a uno chef altamente qualificato con una comprensione intuitiva della cucina indiana, tradizione e modernità possono coesistere; ognuno si complimenta perfettamente con l'altro.

At Sciarpe Bar, Palash Mitra sta incontrando le tradizioni culinarie indiana e britannica con un effetto intelligente, coinvolgendo un nuovo pubblico con specialità speziate come il "beef galauti", il "seeni sambal" e l '"Appenzeller cheese burger".

L'approccio è annunciato come davvero moderno, incorporando il classico stile francese in un modo `` indiano innovativo '' simile a Vivek Singh, che ha aperto la strada all'approccio esclusivo a Il Cinnamon Club un decennio fa.

Vivek SinghMa ci sono anche alcune influenze riconoscibili dell'era Raj in gioco; mostrando come le cucine britannica e indiana siano coesistite e impollinate in modo confortevole dal 19 ° secolo.

Quattro secoli prima, la cucina di Goa era stata plasmata dai portoghesi che arrivarono nel 1498. E ora, Cyrus Todiwala sta plasmando la scena dei ristoranti di Londra con i suoi locali che esplorano le preparazioni di influenza portoghese.

In un mondo in cui i buongustai hanno un appetito infinito per il nuovo e il romanzo, è una mossa audace, che mostra come tornare indietro nel lontano passato possa effettivamente essere profondamente innovativo.

Turban Street Cafe's Ash Bhatia è entusiasta di esplorare la cucina tradizionale quanto Cyrus. Entrambi gli chef esaminano sia le radici che i germogli dei piatti indiani; ponendo l'accento sulle origini mentre cercano di portare un piatto in un nuovo territorio con un po 'di spinta sui confini.

At Arrosto, Cyrus serve cursori alla moda ripieni di maiale stirato di Goa; Turban Street offre "ali di pollo chatpate" e involtini di kati sikandari di agnello.

ArrostoOltre alle Il Park Cafe nell'East London, gestito dal figlio di Cyrus, Jamsheed, il menu ha spesso un'inclinazione subcontinentale. Chai vola fuori dalla cucina e ai classici brunch britannici viene dato un netto accento indiano.

Parlando di Accento indiano, il ristorante di Nuova Delhi che porta questo stesso nome sta reinventando i piatti desi a sinistra, a destra e al centro - de-, ricostruendo e ridefinendo le aspettative.

Saransh Goila, lo chef più caldo - e più giovane - dell'India, mira sia a perfezionare le abilità dei cuochi casalinghi che a definire l'intero mandato commestibile dell'India.

Saransh vagò per le regioni per il suo Roti Aur Rasta spettacolo, intraprendendo un tour culinario completo di cucine tradizionali. Il suo nuovissimo canale YouTube, nel frattempo, utilizza piatti moderni per indurre i giovani indiani stanchi a tornare in cucina.

In Gran Bretagna, Meera Sodha ha lo stesso obiettivo. Il suo nuovo libro di cucina, Fatto in India è sottotitolato Cucinato in Gran Bretagna, e lei, proprio come il libro, è influenzata sia dai paesi che dalle cucine.

Meera SodhaLe ricette sono allo stesso tempo autentiche e realizzabili. La prova del pakora è nei dati di vendita; di conseguenza, il libro è balzato immediatamente in cima alla lista dei bestseller di Amazon.

Biblioteca Masala potrebbe suonare letterario, ma non è letteralmente una casa di libri; piuttosto, una casa di alta cucina. Il gastrohub molecolare di Mumbai, se vuoi.

Il cibo di Jiggs Kalra ti fa muovere il mento e leccarti le labbra. Piatti memorabili come i lecca lecca sorbetto mishti doi ti fanno sorridere: le presentazioni umoristiche sostenute da quattro decenni di seria ricerca da parte dello chef.

Un altro chef serio riguardo al cibo indiano moderno è Gaggan Anand, il cui ethos nel suo ristorante omonimo, Gagan Bangkok, è "autenticamente indiano, di ispirazione globale".

Il menu si legge come un libro con molti capitoli; con oggetti tra cui "Treasure These Shells" - vongole Konkani con Chardonnay; il futuristico papdi chaat, "Chowpati Year 2050"; e una sezione dedicata "When India Met Italy".

Biblioteca Masala

C'è anche spazio risparmiato per il "Piatto nazionale della Gran Bretagna", sì, il fidato pollo tikka masala. Ma in Gran Bretagna stiamo effettivamente gustando il cibo indiano regionale; permettendo a sud di Londra Babur per allestire vetrine speciali di certe cucine.

A Brighton e in Irlanda rispettivamente, il Caffè con foglie di curry ed Ieri offrono pasti indiani assolutamente autentici a miglia di distanza da dove sono venuti.

Poi ci sono gli innovatori indiani ultramoderni della Gran Bretagna: Atul Kochhar, Dev Biswal e Quello chef affamato Pratap Chahal: tutti portano la cucina subcontinentale in direzioni ancora più diverse.

Fai spazio anche a una miriade di supperclub e artigiani del cibo di strada; tutti lavorano duramente per affinare la raffinata arte di presentare piatti indiani autentici e contemporanei a un pubblico nuovo e molto ricettivo.

Una cosa è certa: la cucina indiana si sta evolvendo. Dimentica la destinazione finale; siediti e assapora il viaggio.

La scrittrice di cibo Zoe non ha legami con il subcontinente a parte un profondo amore per la sua cucina. Quando non mangia, la troverai a scrivere, parlare o leggere di cibo indiano. Il suo motto? "Il cibo fornisce il legame che il cordone ombelicale non ha."



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Narendra Modi è il primo ministro giusto per l'India?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...