Arshad Khan parla di Abu: A Journey of Self-Discovery

Di fronte a conflitti con fede, cultura, sessualità e legami familiari, il regista Arshad Khan discute in un'intervista esclusiva la straordinaria storia del suo film d'esordio Abu.

Arshad Khan parla di Abu: A Journey of Self-Discovery

"le persone hanno solo bisogno di essere oneste con se stesse anche se non sono pronte ad essere oneste con gli altri"

Il regista canadese Arshad Khan rivive la sua ricerca dell'amor proprio, dell'accettazione e del coraggio attraverso il suo intimo debutto alla regia, Abu: un viaggio alla scoperta di sé.

Il racconto toccante segue la vita di Arshad Khan, i suoi conflitti con la fede, la cultura, la sessualità e i legami familiari, in particolare con suo padre, Abu.

Abu cattura la personalità vivace ed entusiasta di Khan, nonostante le numerose difficoltà sopportate come immigrato pakistano gay.

Attraverso una serie di home video, Khan ci garantisce l'accesso agli aspetti più teneri della sua vita, offrendo agli spettatori l'opportunità di accompagnarlo nel suo viaggio mozzafiato.

Il background e la vita di Arshad

Sebbene Khan ricordi molti ricordi positivi durante la sua infanzia, l'angoscia era sempre dietro l'angolo. Come immigrato di prima generazione, adattarsi non è stato un compito facile.

Le sue battaglie con identità sessuale proveniva da una giovane età. Un incontro straziante con abusi sessuali ha innescato confusione nei suoi primi anni:

“Ha avuto un impatto perché ha causato molta confusione e per molto tempo. È una violazione di una persona e ha ripercussioni durature. Ma credo di essere sempre stato gay, con o senza l'abuso sessuale. "

Nonostante i solidi legami che aveva costruito con i membri della famiglia, c'era ancora un aspetto della sua vita su cui non poteva essere sincero. Anche se non riusciva a discernere cosa lo distingueva dagli altri, era certo di essere "diverso".

Realizzare il documentario

Arshad Khan

Durante la compilazione di un video per il memoriale di suo padre, Arshad ha scoperto che c'era un'abbondanza di filmati home video raccolti nel corso degli anni, il che ha scatenato l'idea di creare un film. In tutto il lungometraggio, agli spettatori viene presentata una composizione straziante dei momenti più teneri del Khan, in particolare la scomparsa di Abu:

“Non l'ho mai filmato pensando che un giorno sarebbe diventato un film. Sapevo solo che questi erano momenti importanti ".

Temi delicati di relazioni familiari, sessualità e religione sono spesso spazzati via sotto il tappeto, specialmente nelle comunità dell'Asia meridionale. Tuttavia, Khan sfida tutti gli stereotipi e elimina le questioni controverse nella loro forma più cruda:

“Sono stanco dei segreti e delle bugie che la nostra comunità perpetua e incoraggia. E ho un problema con l'intero concetto di vergogna. È ora che iniziamo a parlare di tutti questi problemi che ci perseguitano. Non volevo parlare di queste questioni personali, ma il film lo richiedeva ".

Nonostante l'obiettivo cospicuo di aiutare e incoraggiare i sud-asiatici LGBTQI, l'audace regista ha anche altri obiettivi:

"Questo è un documentario per tutti coloro che hanno mai avuto un genitore, chiunque sia mai emigrato, chiunque sia mai stato turbato dallo stato del mondo".

Essendo di discendenza dell'Asia meridionale, ci si aspettavano polemiche da parte dei colleghi durante la realizzazione del film. Descrive la sua famiglia come "inorridita" inizialmente, ma quelli che l'hanno visto "la adorano".

Lo scarico della tensione e della frustrazione accumulate si è rivelato catartico per Khan, indipendentemente dalle ovvie sfide affrontate nell'esecuzione di un tale progetto. Si descrive come "fantastico per il fatto che le persone su tutta la linea ne sono commosse".

Khan spera che i concittadini del globo assistano al suo arduo viaggio e prestino attenzione:

“Tutta la mia vita è alta e bassa. Spero che il mio coraggio sarà contagioso e gli altri saranno incoraggiati dalla mia lotta. Dobbiamo rendere questo mondo un posto migliore e possiamo farlo solo insieme. Il mio film è molto divertente a volte e molto serio altre volte, proprio come la vita. "

Stigma dell'omosessualità nelle comunità asiatiche

Arshad Khan

Inutile dire che, stili di vita gay non sono solo disapprovati, ma anche fortemente condannati all'interno dei circoli dell'Asia meridionale. Questo rende il coming out ancora più gravoso per i giovani desi:

“La vita non è facile per nessuno. Ma quando vivi sotto il costante giudizio delle persone, è totalmente estenuante ".

Nonostante riconosca l'impatto tossico della convalida esterna, Arshad aggiunge: “La cosa più difficile al mondo è accettare la propria verità. Una volta superato questo ostacolo, la vita diventa molto più facile. Parlare con me stesso è stato il più difficile. "

“Penso che le persone abbiano solo bisogno di essere oneste con se stesse anche se non sono pronte, di essere oneste con gli altri. Salva te stesso la sofferenza perché le opinioni degli altri non contano davvero alla fine. La tua tranquillità lo fa. "

Ironia della sorte, Arshad si sente più a suo agio come uomo gay entro i confini conservatori della sua madrepatria rispetto al paese delle meraviglie liberale del Canada:

“Sono stato in Pakistan molte volte. Lo adoro lì. Sembra che le persone siano spesso più aperte di mente lì rispetto alla diaspora ".

Crede fermamente che ci sia già stato un grande progresso nelle comunità pakistane riguardo all'omosessualità:

“C'è una grande fratellanza e cameratismo tra i queer di tutto il mondo. Sono le esperienze condivise che ci connettono. "

Guarda il trailer di Abu qui:

video
riempimento a tutto tondo

Matthew Hays di Il guardiano definisce Abu, "Uno dei migliori documentari dell'anno", quando è stato proiettato al BFI London Film Festival il 13 e 14 ottobre 2017.

Gli sforzi di Khan per sconfiggere gli stigmi e sostenere la crescita personale e la scoperta sono altamente encomiabili e stimolanti memorie sicuramente non è uno da perdere.

Il suo approccio incoraggiante nel gestire le sue miserie non solo vanta una svolta per coloro che si identificano come LGBTQI asiatici, ma anche per i guerrieri stravaganti di tutto il mondo che continuano a mostrare forza d'animo, forza e determinazione di fronte alle avversità.

Giornalista capo e scrittore senior, Arub, è laureata in giurisprudenza spagnola, si tiene informata sul mondo che la circonda e non ha paura di esprimere preoccupazione per questioni controverse. Il suo motto nella vita è "vivi e lascia vivere".

Immagini per gentile concessione del documentario di Arshad Khan, Abu.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Ti piace di più Akshay Kumar per il suo

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...