Arrabbiate proteste scoppiano per la vittima di stupro di Unnao che è morta

La vittima dello stupro Unnao che è stata data alle fiamme dopo essere stata violentata è morta per le ferite riportate. La sua morte ha portato a un'esplosione di proteste rabbiose.

Arrabbiate proteste scoppiano per la vittima di stupro di Unnao che è morta f

"mi hanno versato addosso benzina e mi hanno dato fuoco".

Arrabbiate proteste sono scoppiate in seguito alla morte della vittima di stupro Unnao.

La donna di 23 anni aveva accusato cinque uomini di averla stuprata di gruppo nel 2018.

Stava andando a un'udienza in tribunale quando è stata aggredita da un gruppo di uomini, tra cui due degli imputati che erano stati rilasciati su cauzione.

L'hanno picchiata brutalmente prima di darle fuoco, subendo il 90% di ustioni al suo corpo. È stata portata in un ospedale di Nuova Delhi dove è morta il 6 dicembre 2019 per un arresto cardiaco.

In un'indagine in corso, cinque uomini sono stati arrestati in relazione all'attacco.

La morte della donna ha provocato un'ondata di proteste rabbiose. Parenti e gente del posto piansero fuori dalla sua casa a Unnao, Uttar Pradesh.

Nel frattempo, i manifestanti a Delhi hanno organizzato una marcia a lume di candela verso l'India Gate in sua memoria e hanno chiesto giustizia.

Alcune proteste sono persino diventate violente, con la polizia che ha agito per controllare la situazione.

Arrabbiate proteste scoppiano per la vittima di stupro di Unnao che è morta - accusa

La vittima dello stupro Unnao è stata trasportata in aereo all'ospedale Safdarjung di Nuova Delhi, dove ha potuto rilasciare una dichiarazione dal suo letto d'ospedale prima della sua morte.

Ha detto alla polizia di essere stata pugnalata e picchiata prima di essere data alle fiamme.

La donna ha spiegato: "Mi hanno circondato e prima mi hanno colpito alla gamba con un bastone e mi hanno anche pugnalato al collo con un coltello", ha detto.

“Dopodiché, mi hanno versato addosso benzina e mi hanno dato fuoco. Quando ho iniziato a gridare, una folla si è raccolta ed è stata chiamata la polizia ".

La sorella della vittima ha chiesto la condanna a morte degli uomini e ha dichiarato che lei e la sua famiglia avrebbero continuato a combattere il caso.

Il padre della donna ha spiegato che uno degli accusati aveva avuto una relazione con sua figlia. Dopo che ha concluso la loro relazione, il sospetto e i suoi complici l'hanno violentata.

Dopo la morte di sua figlia, ha anche chiesto la pena di morte, affermando:

"O impiccate gli assassini o incontrateli come Hyderabad."

“Se tutto questo non accade, sgancia la bomba sulla nostra casa, in modo che possa finire. Non ho più la forza. "

Arrabbiate proteste scoppiano per la vittima di stupro di Unnao che è morta - ambulanza

La donna aveva presentato una denuncia nel marzo 2019, sostenendo di essere stata violentata con le armi da fuoco il 12 dicembre 2018.

Il primo ministro dell'Uttar Pradesh Yogi Adityanath ha assicurato che il caso sarebbe accelerato e che "la punizione più severa sarà data ai colpevoli".

Dopo la morte della vittima di stupro Unnao, il governo dello stato è stato criticato da Priyanka Gandhi, segretaria generale del partito del Congresso.

Ha detto che non sono riusciti a proteggere la vittima, anche dopo un incidente in cui una giovane donna è rimasta ferita in un mordi e fuggi dopo aver accusato un Membro del BJP di stupro.

La morte della vittima di stupro Unnao è avvenuta lo stesso giorno in cui la polizia ha ucciso i quattro uomini accusati di stupro e omicidio Dott.ssa Priyanka Reddy.

Secondo la polizia di Telangana, i sospetti stavano rievocando l'incidente alla polizia quando hanno tentato di scappare, portando alla sparatoria.

La loro morte ha avuto una risposta mista. Alcuni hanno elogiato la sparatoria mentre altri hanno condannato l'illegale Shooting.

Il corpo della veterinaria era stato trovato bruciato a seguito di un attacco premeditato in cui era stata violentata e uccisa.

I sospetti erano stati arrestati ma non erano stati accusati quando sono stati uccisi. La polizia ha affermato che gli uomini hanno afferrato le loro armi e hanno iniziato a sparare. Sono stati uccisi quando gli ufficiali hanno risposto al fuoco.

La gente ha celebrato la propria morte, ma avvocati e attivisti hanno accusato la polizia di usare "violenza arbitraria" per evitare la responsabilità.

Un avvocato lo ha definito "omicidio a sangue freddo", mentre Amnesty International ha chiesto un'indagine completa sull '"esecuzione extragiudiziale".

Il 7 dicembre 2019, la Commissione nazionale indiana per i diritti umani ha avviato un'indagine sull'incontro con la polizia.

Arrabbiate proteste scoppiano per la vittima di stupro di Unnao che è morta - protesta

A seguito degli arresti dei cinque uomini sospettati di essere coinvolti nell'omicidio della vittima di stupro Unnao, si teme che saranno sottoposti alla stessa azione di polizia dei presunti stupratori nel caso Priyanka.

Le famiglie degli accusati temono di essere uccisi in una sparatoria extragiudiziale prima di un'udienza in tribunale.

Le madri di due dei sospettati hanno affermato che se i loro figli vengono condannati, dovrebbero essere legalmente puniti. Mentre temono un incontro, credono che i loro figli siano innocenti.

Una madre ha detto: “Se mio figlio viene ritenuto colpevole, secondo la legge, sarà punito. Loro (i sospettati) non dovrebbero essere affrontati come Hyderabad ".

La sorella di uno dei sospettati ha convenuto che suo fratello dovrebbe essere punito legalmente se viene ritenuto colpevole.

Ha continuato dicendo che non importa quali siano le azioni di suo fratello, non vergognerà mai la famiglia. Ha aggiunto che è implicato nel caso come parte di una cospirazione.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Come pensi che suonino queste canzoni AI?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...