Recensione 'Amar Singh Chamkila': una vittoria per Diljit Dosanjh

"Amar Singh Chamkila" di Imtiaz Ali offre uno sguardo entusiasmante sulla formazione di un grande musicista. Scopri se vale la pena guardare il film.

Recensione 'Amar Singh Chamkila'_ Una vittoria per Diljit Dosanjh - f

Lui è l'asse attorno al quale gira il film.

Amar Singh Chamkila è un film biografico sensibile e ricco di sfumature che mette in mostra la vita del musicista con lo stesso nome.

Nato il 21 luglio 1960, Amar Singh Chamkila è diventato famoso all'inizio degli anni '80. Era noto per la sua vasta gamma di voci e il linguaggio vivido.

È considerato uno dei musicisti punjabi più influenti.

Tragicamente, Chamkila e sua moglie, la cantante Amarjot, furono assassinati l'8 marzo 1988. Chamkila aveva solo 27 anni.

Nel film di Imtiaz Ali, Diljit Dosanjh dà vita a Chamkila in modo sorprendente e trova un'ancora nella formidabile Parineeti Chopra, che abita il mondo di Amarjot.

Il film è uscito su Netflix il 12 aprile 2024.

Tuttavia, proprio come Chamkila ha lasciato un segno indelebile in milioni di cuori, il suo film biografico ha fatto lo stesso per i fan di Bollywood?

Esaminiamo il film e decidiamo se guardarlo Amar Singh Chamkila.

Una storia stimolante

Recensione di 'Amar Singh Chamkila'_ Una vittoria per Diljit Dosanjh - Una storia stimolanteColoro che conoscono la storia di Chamkila accendono gli schermi di Netflix sperando in un film che renda giustizia alla sua saga.

Amar Singh Chamkila è assolutamente stimolante in quanto racconta la sua storia con crudezza e sensibilità.

Il viaggio di Chamkila da uomo semplice che lavora a maglia calzini per vivere a musicista famoso incarna lo spirito umano con cui milioni di persone possono identificarsi.

In una scena, Chamkila si precipita sul palco durante uno spettacolo a causa dell'assenza dell'artista in programma.

Le persone vogliono che usi un nome d'arte perché ritengono che il suo vero nome non suoni come l'identità di un cantante.

A questo risponde innocentemente: “Ma quello è il mio nome”.

Il film è pieno di affermazioni riconoscibili come questa. Chamkila può essere innocente e timido, ma allo stesso tempo è risoluto e determinato.

I suoi duetti con la moglie Amarjot evocano un'enorme nostalgia nel pubblico più anziano.

Allo stesso tempo, i nuovi spettatori vengono introdotti ad alcuni classici brani punjabi.

Potresti benissimo canticchiare 'Mitran Main Khand Ban Gai' molto tempo dopo che sono finiti i titoli di coda.

Tuttavia, ci sono alcune parti del film che sembrano affrettate. Il film non ci dà abbastanza tempo per conoscere Chamkila prima che la sua carriera di cantante decolli.

Il film non mostra troppo la sua professione di magliaio e crea quindi un'occasione di confronto mancata. Ciò avrebbe potuto portare a una più forte empatia per il personaggio.

Sappiamo anche che Chamkila e Amarjot si sposano per creare più facilità nell'esecuzione dei duetti, ma il film non esplora completamente la storia d'amore o l'affetto tra loro.

Se rafforzati, questi fattori avrebbero potuto migliorare la trama ma Amar Singh Chamkila riesce a trattenere il pubblico anche se la sceneggiatura appare un po' frammentaria.

Spettacoli sterline

Recensione di 'Amar Singh Chamkila'_ Una vittoria per Diljit Dosanjh - Sterling PerformancesParineeti Chopra

La vera forza trainante del film sono le ottime interpretazioni dei suoi due protagonisti.

Parineeti Chopra interpreta Amarjot meravigliosamente bene.

Entra nel film come una giovane donna timida e protetta che usa la musica come sfogo.

Amarjot è una forza con cui fare i conti sul palco. Questa sfacciataggine e la sua tenera devozione ai suoi cari sono un'affascinante giustapposizione.

Gli spettatori possono immediatamente identificarsi con l'angoscia e il dolore quando gli aggressori sparano ad Amarjot uccidendolo.

Approfondendo il motivo per cui ha firmato per fare il film, Parineeti spiega:

“Uno dei motivi principali per cui ho fatto questo film è stato perché avrei potuto cantare circa 15 canzoni.

“È stato durante questo film che il mio co-protagonista Diljit mi ha sentito cantare e mi ha detto di dedicarmi alle esibizioni dal vivo.

“Tutti intorno a me mi mettevano costantemente in testa il pensiero che avrei potuto essere sul palco.

“È una sfida entusiasmante da accettare. Lavorerò duramente."

Questa encomiabile etica del lavoro è evidente in Amar Singh Chamkila, con Parineeti che offre una prestazione che definisce la carriera.

Diljit Dosanjh

Ma al centro del film c'è l'incredibile performance di Diljit Dosanjh, che praticamente scompare sotto la pelle di Chamkila.

Diljit infonde al personaggio una grinta d'acciaio e un'innocenza commovente.

La spinta di Chamkila ad avere successo e a creare qualcosa di sé è ciò che il film mette in mostra, e Diljit sottolinea questa etica in modo indimenticabile.

In un recensioni del film, Anupama Chopra elogia il casting di Diljit.

Dice: “Il colpo da maestro di Imtiaz è stato scegliere Diljit Dosanjh per il ruolo di Chamkila.

"Diljit apporta al ruolo innocenza e vulnerabilità."

"I testi scritti da Chamkila potrebbero essere stati osceni, ma l'uomo stesso era gentile, affettuoso e, come dice un altro personaggio, quasi servile nei confronti del suo pubblico."

Mentre appare su Il grande spettacolo indiano Kapil nel 2024, Imtiaz Ali ha divulgato le gentili parole di Shah Rukh Khan per Diljit.

Ha detto: “Shah Rukh Khan mi ha detto: 'Il miglior attore del paese è Diljit'.

“Se Diljit avesse rifiutato questo ruolo, forse il film non sarebbe mai stato realizzato.

“Siamo stati molto fortunati. Non avremmo potuto avere un cast migliore. Entrambi."

Diljit Dosanjh è eccezionale nel ruolo di Chamkila. Lui è l'asse attorno al quale gira il film.

 Direzione ed esecuzione

Diljit Dosanjh lavorerà con Imtiaz Ali e AR RahmanI fan di Bollywood adorano Imtiaz Ali per aver diretto la commedia drammatica Jab che abbiamo incontrato (2007).

Tuttavia, non ha avuto i migliori risultati con fallimenti al botteghino come Jab Harry ha incontrato Sejal (2017) e Love Aaj Kal (2020).

Con  Amar Singh Chamkila, il regista si colloca saldamente nella lega dei registi di talento.

Il film è un canovaccio di narrazione emotiva, ma per raccontare una saga storica così convincente era essenziale un regista esperto.

Imtiaz non si limita a narrare la storia di Chamkila, ma la mette in mostra.

Una splendida cinematografia e un montaggio accurato impreziosiscono il film.

Tuttavia, ciò che non funziona altrettanto bene sono gli enormi sottotitoli che sporgono sullo schermo quando si esibiscono Chamkila e Amarjot.

I sottotitoli sono necessari poiché i testi sono in punjabi hardcore che solo chi parla correntemente il punjabi capirebbe.

Tuttavia, a causa della dimensione e del colore dei caratteri, distraggono l’iconografia e questo a volte può diventare estenuante.

Inoltre, la storia d'amore dei due protagonisti è semplicemente raccolta in un'unica canzone e la storia viene mostrata come le conseguenze della loro morte.

Una maggiore reazione alla loro scomparsa avrebbe potuto sottolineare la loro popolarità nella scena musicale in modo più audace.

Il film utilizza anche probabilmente troppe immagini e video clip dei veri cantanti. In alcuni casi sono posizionati troppo vicini alle inquadrature del film.

Ciò può creare confusione per il pubblico, facendo sembrare il film quasi un documentario.

Uno dei punti di forza è la fantastica colonna sonora di AR Rahman.

Il compositore, noto per le geniali colonne sonore in Rangeela (1995) Lagan (2001) e The Millionaire (2008), aggiunge un altro album vincente al suo repertorio di capolavori.

Probabilmente non poteva esserci scelta migliore per questo film.

Amar Singh Chamkila è un film scintillante contenente due performance per secoli.

Con una durata di circa due ore e mezza, il film può essere semplicistico in alcuni punti.

Ma ciò che cattura lo spettatore è lo spirito della storia e una fantastica colonna sonora che fonde veri successi delle classifiche con un arrangiamento di composizioni melodiose.

La storia di Chamkila ispirerà gli spettatori, vecchi e nuovi.

Il film è senza dubbio uno sguardo intricato sulla formazione di due musicisti leggendari, le cui vite purtroppo sono interrotte a causa della politica dell'avidità e dell'invidia.

È un film di cui tutti coloro che sono coinvolti nella realizzazione dovrebbero sentirsi orgogliosi.

Con il film disponibile per lo streaming su Netflix, preparati per una visione divertente.

Valutazione


Manav è un laureato in scrittura creativa e un ottimista irriducibile. Le sue passioni includono leggere, scrivere e aiutare gli altri. Il suo motto è: “Non aggrapparti mai ai tuoi dolori. Sii sempre positivo."

Immagine per gentile concessione di What's On Netflix e Imtiaz Ali Instagram.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    L'outsourcing è positivo o negativo per il Regno Unito?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...