8 famigerati serial killer del Pakistan

Analizziamo le storie agghiaccianti dei serial killer più famosi del Pakistan, rivelando le profondità più oscure della depravazione umana.

8 famigerati serial killer del Pakistan

Ha causato la più grande caccia all'uomo nella storia del Pakistan

Un aspetto terrificante della cultura umana che mette in luce i livelli più bassi della depravazione umana è il mondo cruento dei serial killer.

Purtroppo il Pakistan ha avuto la sua giusta dose di famigerati assassini che hanno lasciato dietro di sé una scia di orrore e dolore.

Esaminiamo le storie terrificanti di otto persone in questo pezzo.

Alcuni, le cui azioni orribili li hanno portati alla notorietà, e altri sono apparentemente passati sotto il radar.

Ogni storia funge da spaventoso promemoria del potenziale del male che esiste nel cervello umano, dalla deliberata crudeltà di Saulat Mirza alla brutalità premeditata di Nazir Ahmad.

Nazir Ahmed

8 famigerati serial killer del Pakistan

Nazir Ahmad, un uomo pakistano di 40 anni, ha perpetrato un atto orribile in cui ha tolto la vita alle sue figlie e figliastre mentre sua moglie, Rehmat Bibi, era testimone.

La figliastra più grande, Muqadas Bibi, 25 anni, ha dovuto affrontare le conseguenze ultime per aver sfidato i desideri di Ahmad sposando un uomo di sua scelta.

Ha posto fine senza pietà alla sua vita tagliandole la gola mentre dormiva.

Successivamente, Ahmad procedette a estinguere la vita delle sue altre giovani figlie, Bano Bibi, Sumera e Humera.

Era spinto dalla convinzione che avrebbero potuto seguire le orme della sorella maggiore.

Nel suo ragionamento distorto, concluse che eliminarli era necessario per salvaguardare l'onore della famiglia, citando la loro povertà come l'unica cosa da proteggere.

Le forze dell'ordine hanno arrestato Ahmad il giorno successivo all'incidente. Parlando dell'omicidio, ha detto alla polizia: 

“Ho massacrato la mia figlia disonorata e le altre tre ragazze.

"Vorrei avere la possibilità di eliminare il ragazzo con cui è scappata e di dare fuoco alla sua casa."

Le azioni premeditate di Ahmad, compreso l'acquisto di armi letali dopo aver pregato, sottolineano la brutalità calcolata dei suoi crimini.

Sohrab Khan

8 famigerati serial killer del Pakistan

Nel 1986, le autorità arrestarono un cardiologo americano di origine pakistana accusato di aver ucciso 13 persone.

Sohrab Aslam Khan, 42 anni, ha prestato servizio presso il Baylor University Medical Center Hospital di Dallas negli anni '70.

Fu preso in custodia e formalmente accusato di una serie di omicidi, tutti avvenuti nel giro di un mese.

Descritto come disumano dal capo della polizia della provincia del Punjab Sabahuddin Jami, Khan è stato etichettato come un "maniaco", che avrebbe commesso questi atti per divertimento.

Ritornato a Lahore nel 1981, Khan ammise nove degli omicidi, quattro dei quali sarebbero avvenuti durante una sola serata di sparatorie lungo la strada principale di Lahore.

Le autorità hanno spiegato che Khan ha preso di mira le sue vittime, principalmente guardie notturne, conducenti di risciò e operai, utilizzando varie armi.

Dopo aver perquisito la residenza di Khan in un'area suburbana, le forze dell'ordine hanno recuperato un assortimento di sofisticate armi da fuoco senza licenza, passaporti pakistani contraffatti e schizzi raffiguranti scene degli omicidi.

L'ultimo omicidio noto attribuito a Khan è avvenuto quando un farmacista è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in una farmacia.

La patente di guida di Khan è stata scoperta sulla scena, cosa che ha portato al suo arresto.

È stato riferito che Khan ha pedinato quattro vittime, guidando una motocicletta lungo la Mall Road di Lahore, dove avrebbe ucciso un accalappiacani, un uomo non identificato, un addetto alla stazione di servizio e un guardiano notturno.

Ulteriori violenze si sono verificate una settimana dopo, quando Khan avrebbe sparato a due guardie notturne e a un conducente di risciò prima di gettare i loro corpi in un canale.

Inoltre, Khan è accusato di aver ucciso un cameriere dell'hotel che non aveva consegnato tempestivamente il suo ordine.

Abdul Razzaq

8 famigerati serial killer del Pakistan

Abdul Razzaq divenne noto come uno dei serial killer più formidabili del Pakistan.

Nonostante il suo background senza pretese, il nome di Razzaq sarebbe diventato sinonimo di terrore e tragedia.

All’inizio degli anni 2000, Razzaq si imbarcò in una serie di rapimenti, stupri e omicidi, prendendo di mira principalmente le donne anziane della sua comunità.

Per due anni, ha instillato paura e terrore mentre eludeva le autorità, lasciando dietro di sé una scia di devastazione.

Sebbene il numero esatto sia difficile da individuare, si ritiene che ne abbia commessi fino a sette omicidi

Alla fine, nel febbraio 2003, il regno del terrore di Razzaq finì quando fu arrestato dalle forze dell'ordine.

Il suo arresto ha portato una parvenza di sollievo alla popolazione traumatizzata di Ahmedpur East, ma ha anche segnato l’inizio di un lungo processo legale.

A seguito di un'indagine e di un processo approfonditi, Razzaq è stato condannato per molteplici capi d'accusa di rapimento, stupro e omicidio.

Nell'aprile 2006, un tribunale antiterrorismo di Bahawalpur lo ha condannato a morte per i suoi crimini.

Muhammad Youssaf

8 famigerati serial killer del Pakistan

Uno dei serial killer più pericolosi in Pakistan è stato Muhammad Yousaf, che ha confessato l'omicidio di 25 donne.

Le vittime hanno colpito molti villaggi tra cui il villaggio di Kamanala, il villaggio di Adalatgarha e il villaggio di Bhabrianwala. 

Inoltre, altre tre donne uccise da Yousaf rimangono non identificate.

Ha preso di mira anche Azmat Bibi, Sughran Bibi, Rasheeda Bibi e Nazir Begum, che fortunatamente sono sopravvissuti.

Il DPO Bilal Siddique Kamyana ha rivelato che Yousaf ha attirato donne anziane e povere offrendo assistenza finanziaria con il pretesto del fondo Zakat o del programma di sostegno al reddito Benazir.

Successivamente, li trasportava in luoghi isolati sulla sua motocicletta e poneva brutalmente fine alle loro vite utilizzando vari metodi come mattoni, pietre, armi contundenti o strangolamento.

Le vittime avevano un'età compresa tra 65 e 75 anni.

La serie di omicidi ha instillato panico e paura diffusi nella comunità.

In una sorprendente confessione, Yousaf ha affermato di essere un malato di cancro e ha citato la disperazione finanziaria come motivo dietro i suoi raccapriccianti crimini.

Ha espresso l'intenzione di assicurarsi i fondi per le sue cure mediche attraverso rapine e omicidi.

Javed Iqbal

8 famigerati serial killer del Pakistan

Javed Iqbal è uno dei serial killer più famosi della storia e forse l'assassino più famoso nella storia dell'Asia meridionale. 

Iqbal ha ammesso di aver stuprato e ucciso 100 ragazzi indifesi, tutti di età compresa tra i sei e i 16 anni, in una lettera che scrisse alla polizia nel dicembre 1999.

La lettera è stata inviata anche al caporedattore di Khawar Naeem Hashmi a Lahore.

Ha detto che dopo aver abusato sessualmente delle vittime – la maggior parte delle quali erano senzatetto o orfani – le aveva smembrate e strangolate.

Avrebbe quindi smaltito i loro resti in vasche di acido cloridrico che avrebbe successivamente scaricato in un fiume vicino.

Durante le indagini sulla casa di Iqbal, c'erano macchie di sangue sui muri e sul pavimento, insieme alle immagini di altre vittime avvolte in sacchetti di plastica e alla catena che lui disse di aver usato per strangolare tutte.

È stato lasciato alla polizia anche un messaggio in cui si affermava che i morti in casa erano stati tenuti intenzionalmente indisturbati in modo che le autorità li scoprissero.

Inoltre, c'erano due vasche di acido, contenenti resti umani parzialmente disintegrati.

Dopo aver compiuto le sue atrocità, Iqbal scrisse nella sua lettera che ora intendeva uccidersi nel fiume Ravi.

Ha provocato la più grande caccia all'uomo nella storia del Pakistan dopo che la polizia ha tentato invano di trascinare il fiume con le reti.

Iqbal fu condannato a morte ma lui e un complice, Sajid Ahmed, furono trovati morti nelle loro celle separate nel 2001.

Il verdetto ufficiale fu che i due si erano impiccati con le lenzuola, nonostante il sospetto che fossero stati entrambi uccisi.

Le loro autopsie hanno dimostrato che erano stati picchiati prima di morire.

Nazroo Narejo

8 famigerati serial killer del Pakistan

Nel Sindh, in Pakistan, Nazar Ali Nazroo Narejo era un noto dacoit (braccio di ladri di bande).

È stato associato alla paura per più di 20 anni ed è stato perseguito per oltre 200 incidenti.

Ad esempio, due adulti e un bambino a Khairpur sono stati uccisi nell’agosto 2013 quando Narejo ha ordinato a un gruppo di dacoit di lanciare razzi nel villaggio di Mulla Ismail Khohro.

Narejo è stato anche coinvolto in crimini tra cui omicidio, rapimento a scopo di riscatto, rapina in autostrada e saccheggio nelle regioni del Sindh e del Punjab.

Per cercare di fermarlo, il governo ha emesso una taglia di 20 milioni di PKR per la sua cattura. 

Alla fine, nel 2015, Nazroo e i suoi soci sono stati uccisi in uno scontro con Tanveer Ahmed Tunio, l'SSP della regione di Sukkur della polizia del Sindh.

Durante questa operazione furono uccisi anche suo figlio Rab Rakhio Narejo e il cognato Sarwar. 

Amir Qayyum

8 famigerati serial killer del Pakistan

Amir Qayyum ha vissuto un'infanzia tumultuosa segnata dall'abbandono e dalla violenza. Tuttavia, finì comunque per essere uno dei serial killer più violenti. 

Dopo la partenza di suo padre, Qayyum trovò rifugio presso suo zio, il dottor Shahid.

Tuttavia, mostrando comportamenti aggressivi fin dalla tenera età, ha dovuto affrontare l'espulsione da scuola e successivamente da casa a causa di scontri fisici con i suoi fratelli.

La tragedia è avvenuta il 25 settembre 2003, quando Shahid e un compagno sono rimasti vittime di un attacco mortale da parte di sconosciuti.

Nonostante il successivo arresto di un sospetto di nome Hafiz Abid il 28 febbraio 2004, Abid si tolse la vita mentre era in custodia di polizia.

Motivato dal desiderio di vendetta, Qayyum ha intrapreso un’ondata di violenza contro i senzatetto da giugno a luglio 2005.

Impiegando mattoni e pietre come armi preferite, ha causato la morte di 14 uomini, guadagnandosi il soprannome di "The Brick Killer".

Alla fine, il suo regno di terrore finì quando fu arrestato in seguito ad un'aggressione con una pietra.

Condannato per i suoi crimini, Qayyum ha ricevuto la pena di morte il 10 maggio 2006.

Saulat Mirza

8 famigerati serial killer del Pakistan

Saulat Mirza era un individuo pakistano condannato per omicidio, omicidi specificamente mirati, ed era associato al movimento Muttahida Qaumi (MQM).

Nel 1997, fu riconosciuto colpevole di triplice omicidio e condannato a morte per il suo ruolo nell'assassinio mirato di Shahid Hamid, un burocrate, insieme al suo autista Ashraf Brohi e alla sua guardia Khan Akbar.

Dopo il suo arresto nel 1998 e il suo ritorno da Bangkok, Mirza è stato condannato a morte dalla Corte antiterrorismo nel 1999.

In risposta alle suppliche della famiglia di Mirza, comprese le conferenze stampa e il rilascio di un video di confessione che implicava Altaf Hussain negli omicidi, l'esecuzione è stata interrotta per ordine presidenziale.

Nonostante il rigetto dell’ultimo appello alla clemenza, Mirza è stato giustiziato nel 2015.

Mentre riflettiamo sulle storie di questi famigerati serial killer del Pakistan, ci confrontiamo con l’agghiacciante realtà della crudeltà umana.

I loro atti di violenza e terrore hanno lasciato cicatrici nel tessuto della società, traumatizzando le comunità e instillando paura nelle famiglie.

Tuttavia, esaminando le loro storie, troviamo anche la determinazione delle forze dell’ordine e del sistema giudiziario nel portare questi autori a rispondere dei loro crimini.

Possa la memoria delle loro vittime essere onorata e che le loro storie non siano mai dimenticate. 



Balraj è un vivace laureato in scrittura creativa. Ama le discussioni aperte e le sue passioni sono il fitness, la musica, la moda e la poesia. Una delle sue citazioni preferite è "Un giorno o un giorno. Tu decidi."

Immagini per gentile concessione di Instagram e Twitter.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Chi riceve il maggior stigma della disabilità dagli asiatici?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...