8 incredibili poeti pakistani da leggere

Il ricco e avvincente uso delle parole da parte dei poeti pakistani rende il loro lavoro di poesia una cosa da amare in ogni stagione della vita.

8 incredibili poeti pakistani da leggere

Se vuoi un assaggio di brillantezza, leggi Imtiaz Dharker

Le radici della poesia in Pakistan risalgono a molto tempo fa. Ci si innamora delle parole sublimi usate in modo così accattivante dai poeti pakistani.

Mentre molti grandi poeti dal Pakistan sono andati e venuti, le loro incredibili opere poetiche rimangono nei nostri cuori e nelle nostre menti.

Ce ne sono ancora alcuni che convincono con successo le persone a leggere le loro poesie piene di parole magiche e idee che stimolano la riflessione.

DESIblitz presenta otto incredibili poeti pakistani che devi leggere ad ogni costo.

Faiz Ahmed Faiz (1911-1984)

Uno dei poeti pakistani più famosi in questa lista, Faiz era un poeta rivoluzionario e anche uno dei più celebrati.

La sua poesia è stata immortalata grazie alla sua mente forte e resiliente e alla sua determinazione.

Faiz è spesso citato come "il più grande poeta" del Pakistan. Molti amanti della poesia rimangono affascinati dal mondo della poesia di Faiz.

Stanotte (rimostranza)

Non suonare la melanconica corda stasera! Giorni in fiamme
col dolore alla fine producono solo ceneri svogliate ...
e chi diavolo sa cosa potrebbe portare il futuro?
La scorsa notte è da tempo perduta, l'orizzonte di domani vacilla
miraggio. E come possiamo sapere se vedremo un'altra alba?
La vita non è niente, a meno che insieme non la facciamo suonare!
Stanotte siamo dei dell'amore! Cantare!

Non suonare la melanconica corda stasera!
Non insistere costantemente sulla sofferenza umana!
Smetti di lamentarti; lascia che il destino conduca la sua canzone!
Non pensare al futuro, cogli ora questa cosa preziosa!
Non versare più lacrime per le stagioni temperate trascorse!
Tutti i sospiri dei cuori spezzati presto svaniscono debolmente ... smettila di vacillare!
Oh, non suonare di nuovo la stessa corda piatta! Cantare!

Ahmad Faraz (1931-2008)

Uno dei più grandi poeti urdu moderni è senza dubbio Ahmad Faraz. Ogni vero estimatore della poesia si troverà perso in un mondo incantato dopo aver letto la poesia di Faraz.

Dai un'occhiata a una delle sue poesie e innamorati della poesia di Ahmad Faraz.

Non posso ricordare

Anch'io una volta ero un poeta (tu hai dato vita alle mie parole), ma ora non riesco a ricordare
Da quando ho dimenticato te (amore mio!), Anche la mia arte non riesco a ricordare

Ieri consultando il mio cuore, ho imparato
che i tuoi capelli, labbra, bocca, non riesco a ricordare

Nella città dell'intelletto la follia è silenzio
Ma ora la tua voce dolce e spontanea, la sua fluidità, non riesco a ricordare

Una volta non avevo familiarità con le palle da demolizione e le rovine
Ma ora la coltivazione dei giardini, non riesco a ricordare

Ora tutti fanno la spesa nel negozio vendendo frecce e faretre
Ma trascura il proprio corpo, il cliente che non riesce a ricordare

Da allora il tempo mi ha portato in un deserto di tale arida dimenticanza
Anche il tuo nome potrebbe perire; Non posso ricordare

In questo stato d'essere angusto, privo di un paese,
anche l'abbandono dei miei connazionali, non ricordo

Munir Niazi (1928-2006)

Munir Niazi conosceva l'arte di far piangere il suo lettore. La sua poesia di solito ruotava intorno alle vere culture del Punjab.

Niazi è un piacere da leggere se vuoi sentire i valori e la semplicità del Punjab. Una delle sue altre opere degne di nota include:

Hamesha Der Kar Deta Hun Main

Hamesha der kar deta hun principale
Zaruri baat kehni ho
Koi wada nibhana ho
Usay awaz deni ho
Usay wapis bulana ho
Hamesha der kar deta hun principale

Madad karni ho uski
Yar ke dharas bandhani ho
Sia dareena raston pe
Kisay se milny jana ho
Hamesha der kar deta hun principale

Badaltay mausamon ki ser main dil ko lagana ho
Kisi ko yaad rakhna ho
Kisi ko bhool jana ho
Hamesha der kar deta hun principale

Kisi ko mout sy pehlay
Kisi gham sy bachana ho
Haqiqat aur thi kuch
Uss ko jaa kay voi batana ho
Hamesha der kar dayta hun mai

Imtiaz Dharker (nato nel 1954)

imtiaz dharker è una vincitrice della Queen's Gold Medal per la sua poesia inglese.

È una vera immagine dei poeti pakistani moderni. Se vuoi un assaggio di brillantezza, leggi Dharker.

Lingua

Questa musica non siederà in linea retta.
Le note si rifiutano di appollaiarsi sui fili

ma muoviti a ritmo con il ballerino
intorno al quadrante dell'orologio,
attraverso la testa di tarassaco del tempo.

Ci sentiamo liberi, ma torniamo indietro
essere innamorato, toccare e separarsi
e rincontrare, filato

oltre la faccia della luna, il preciso
Puntellamento di stelle. Inizia il ciclo
con uno e finisce con uno,

dha dhin dhin dha. Ci deve essere
altri piedi al passo con noi, un malvagio,
una voce che conta, non la tua o la mia.

Questa musica ci sta suonando.
Stiamo giocando con il tempo.

Kalem Omar (1937-2009)

Kaleem Omar era un poeta di lingua inglese dotato. Era una razza rara di poeti inglesi in Pakistan. Purtroppo non ha ricevuto il riconoscimento che meritava.

Leggi il suo lavoro e potresti piangere in agonia per la sua minore popolarità.

La vita del trovatore

La vita del trovatore
Tali colpi di scena e svolte del destino
Ho conosciuto tali calcoli,
Uno sguardo qui, un momento lì,
Assenze nell'aria autunnale,
Un ricordo di ali dorate,
Svolazzando attraverso una radura segreta
La sensazione della neve sul viso
Un martin pescatore che piomba verso il basso,
Come l'iridescenza su un ruscello
Luoghi in cui sdraiarsi e sognare.

Habib Jalib (1928-1993)

Habib Jalib è stato uno dei più grandi poeti rivoluzionari del Pakistan.

Anche Faiz Ahemd Faiz ha reso omaggio a questa leggenda per il suo immenso contributo nella poesia.

Dai un'occhiata a una delle sue opere:

A Rakhshinda Zoya

13 aprile 1981, durante una visita in carcere
Non può dirlo, ma poi
Il mio piccolo riesce a dire
Padre, torna a casa
Padre, torna a casa
Non riesce a capire
Perché, in prigione, continuo a restare
E non tornare con lei, mano nella mano
Come dovrei spiegarle
Anche quella casa è come una prigione
Prigione di Kot Lakhpat

Kishwar Naheed (nato nel 1940)

Kishwar Naheed è nota per la pioniera della poesia femminista in Pakistan.

Ha combattuto per i diritti delle donne, guadagnandosi il più grande premio nazionale del Pakistan: Sitara-e-Imtiaz.

Se vuoi leggere di pura grinta e determinazione, leggi Kishwar Naheed.

L'erba è davvero come me

Anche l'erba è come me
deve dispiegarsi sotto i piedi per realizzarsi
ma cosa manifesta la sua umidità:
un bruciante senso di vergogna
o il calore dell'emozione?

Anche l'erba è come me
Non appena può alzare la testa
il tosaerba
ossessionato dall'appiattirlo in velluto,
lo falcia di nuovo.
Come ti sforzi e ti sforzi
per livellare anche la donna!
Ma né quello della terra né quello della donna
il desiderio di manifestare la vita muore.
Segui il mio consiglio: l'idea di fare un sentiero era buona.

Quelli che non possono sopportare la cocente sconfitta del loro coraggio
sono innestati sulla terra.
È così che lasciano il posto ai potenti
ma sono solo paglia, non erba
-l'erba mi somiglia davvero.

Allama Iqbal (1877-1938)

Non elenco di poesie è completo senza onorare l'incredibile poesia di Sir Muhammad Iqbal.

Sebbene sia morto nel 1938, è ampiamente riconosciuto come l'ispiratore del movimento pakistano. Questo alla fine ha aperto la strada alla creazione del paese nel 1947.

Iqbal's Poesia di ispirazione sufi scritto in urdu e persiano vive fino ad oggi. Ed è ampiamente letto in tutto il Pakistan.

Il reclamo dell'uccello

Ricordo costantemente i tempi passati
Quelle sorgenti del giardino, quei cori di rintocchi
Sono finite le libertà dei nostri stessi nidi
Dove potremmo andare e venire a nostro piacimento
Il mio cuore soffre nel momento in cui penso
Del sorriso dei boccioli alle lacrime di rugiada
Quella bella figura, quella forma di Kamini
Quale fonte di felicità si è formata nel mio nido
Adesso non sento quei suoni adorabili nella mia gabbia
Possa accadere che la mia libertà sia nelle mie mani adesso!
Quanto sono sfortunato, stuzzicato per la mia dimora
I miei compagni sono in patria, io sono in prigione
La primavera è arrivata, i boccioli dei fiori ridono
Sto piangendo per la mia disgrazia in questa casa buia
O Dio, a chi dovrei raccontare la mia storia di guai?
Ho paura di morire in questa gabbia con questo dolore!
Da quando si è separati dal giardino la condizione del mio cuore è tale
Il mio cuore sta crescendo il dolore, il mio dolore sta crescendo il cuore
O ascoltatori, considerando questa musica non siate felici
Questa chiamata è il lamento del mio cuore ferito
O colui che mi ha confinato, rendimi libero
Sono un prigioniero silenzioso, guadagna le mie benedizioni gratuitamente

Mentre alcuni dei poeti pakistani sopra menzionati hanno lasciato il segno nella storia letteraria, altri lasceranno indubbiamente un segno più grande un giorno.

Disseta la tua sete con alcune poesie semplicemente incredibili di questi talentuosi poeti pakistani.



Abdullah è un ingegnere delle telecomunicazioni e uno scrittore pakistano dallo spirito libero, che crede che le sue parole siano più potenti di qualsiasi altra cosa. Il suo motto è "vivi, ridi e mangia tutto ciò che ha un buon sapore".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Quanta acqua bevi in ​​un giorno?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...