5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

Scopri come le piattaforme dell’Asia meridionale stanno distruggendo lo stigma dell’aborto e sostenendo i diritti riproduttivi con resilienza e compassione.

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

Si riuniscono mensilmente per fornire orecchie in ascolto

In molti contesti culturali, la discussione sull’aborto rimane velata nel silenzio, aggravata da tabù profondamente radicati e pressioni sociali.

Tuttavia, all’interno della comunità dell’Asia meridionale, è nata un’ondata di piattaforme per sfidare queste norme

Queste organizzazioni forniscono supporto pratico e un rifugio per le persone alle prese con questo argomento spesso tabù.

Inoltre, queste piattaforme rappresentano un cambiamento epocale nel modo in cui l’aborto viene percepito e affrontato nelle comunità dell’Asia meridionale.

Dalla ricerca allo smantellamento delle idee sbagliate fino alla fornitura di supporto olistico, queste iniziative creano uno spazio più inclusivo e sicuro per chi ne ha bisogno.

Aborto sicuro per tutti (SICURO)

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

Attraverso la Fondazione YP, SAFE (Aborto sicuro per tutti) sostiene la causa dei servizi completi per l’aborto in India.

Raggiunge questo obiettivo ricercando per raccogliere prove e promuovendo la difesa dei giovani attraverso diversi corsi online e borse di studio in più lingue.

Il Programma SAFE adotta una strategia articolata per migliorare l’accesso alle informazioni e alle risorse.

Attraverso rapporti, sviluppo di capacità e sostegno da parte dei giovani, SAFE affronta le idee sbagliate prevalenti sull’aborto in regioni come Assam, Delhi e Kerala.

Inoltre, fornisce ai giovani le conoscenze e le competenze necessarie attraverso corsi online gratuiti progettati per essere basati sui diritti, intersezionali e adattati alle esigenze dei giovani. 

Inoltre, il programma utilizza campagne sui social media per sensibilizzare i giovani, combattere lo stigma sociale e dissipare la disinformazione sull’aborto.

per ulteriori informazioni qui

Partenariato Asia per l’aborto sicuro (ASAP)

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

ASAP immagina una società in cui le donne asiatiche possano sperimentare la dignità, con i loro diritti sessuali e riproduttivi e la loro salute pienamente realizzati.

Ciò si ottiene sostenendo l’accesso a servizi completi di aborto sicuro e lavorando allo stesso tempo per ridurre l’aborto non sicuro e le complicazioni ad esso associate.

Il loro primo obiettivo è aumentare la disponibilità di informazioni basate sull’evidenza sull’aborto sicuro, compreso l’aborto medico, e facilitarne la diffusione tra i membri e le parti interessate.

Il secondo obiettivo si concentra sullo sviluppo delle capacità della rete e dei suoi membri.

Il terzo obiettivo è incentrato sulla promozione di tecnologie e sistemi di fornitura di servizi per un accesso più sicuro all’aborto.

Infine, il quarto obiettivo mira ad aumentare la visibilità di un approccio basato sui diritti all’aborto sicuro nei forum locali, regionali e globali.

Il loro obiettivo generale è promuovere i diritti sessuali e la salute delle donne in tutta l'Asia.

In linea con i propri valori, ASAP sostiene un accesso equo ai servizi riproduttivi, libero da coercizione, discriminazione e violenza, in un quadro di giustizia sociale. 

Controlli qui

Ad'iyah

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

Ad'iyah si identifica come un collettivo musulmano per l'aborto, incarnando la sua essenza di comunità di musulmani che hanno vissuto esperienze di interruzione di gravidanza.

Si riuniscono mensilmente per fornire ascolto, sostegno e preghiere (dua) gli uni per gli altri.

Sebbene esista un'opportunità per condividere storie di aborto, c'è anche uno spazio per la solidarietà silenziosa all'interno delle esperienze condivise.

Ad'iyah sostiene che l'aborto sia liberamente accessibile, legale, sostenuto, responsabilizzante, incarnato e stimato.

La natura plurale del loro nome significa che la cura e il sostegno all’aborto dovrebbero essere continui.

Ad'iyah sottolinea in modo massiccio la natura avvolgente della loro piattaforma e esorta le persone a rivisitarla in qualsiasi momento, indipendentemente da quando è avvenuto l'aborto o da come si sentono al riguardo.

Vedi di più del loro lavoro qui

Asiatici del sud per l'aborto

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto

Dopo il fallimento del caso Roe v. Wade, l’urgenza e la portata delle sfide affrontate dalle comunità dell’Asia meridionale sono profonde.

In risposta, SOAR ha fondato South Asians for Abortion, una piattaforma online che mobilita gli asiatici del sud a sostegno del diritto all’aborto, della giustizia riproduttiva e dell’autonomia corporea in America post-Roe.

Questa piattaforma digitale mira a fungere da hub per il movimento. 

Offre uno spazio per condividere e leggere storie di aborto, contribuire agli sforzi di mobilitazione e impegnarsi nella difesa dei diritti dando priorità agli asiatici del sud.

Sebbene SOAR si concentri sulle comunità dell’Asia meridionale, sostiene fermamente la libertà riproduttiva e la guarigione di tutti i gruppi emarginati.

I consulenti del SOAR dell’Asia meridionale rappresentano pilastri di competenza, fungendo da cassa di risonanza e mentori di fiducia per l’organizzazione. 

Visita il loro sito web qui

Rete delle donne musulmane (MWN)

5 piattaforme dell’Asia meridionale che rompono lo stigma dell’aborto 

Le donne e le ragazze musulmane spesso affrontano sfide quando prendono in considerazione l’aborto, influenzate dalla loro fede o da pressioni esterne.

I motivi per non voler continuare la gravidanza possono includere la paura di violenza basata sull'onore, la rottura del matrimonio, la coercizione all'aborto a causa del sesso del bambino e la salute della madre.

La MWN Helpline si astiene dall’imporre opinioni personali o culturali sull’aborto e non lo incoraggia né lo scoraggia.

Riconoscono che le donne e le ragazze possono avere ragioni diverse per le loro decisioni.

Tuttavia, la linea di assistenza offre un ascolto di supporto e fornisce informazioni pertinenti per aiutare le persone a fare scelte informate.

La linea di assistenza funziona come un servizio specialistico nazionale, appositamente studiato per soddisfare la fede e la sensibilità culturale.

Garantisce riservatezza e un ambiente non giudicante, offrendo informazioni, supporto, guida e referenze.

Inoltre, per i casi complessi che richiedono assistenza prolungata per settimane o mesi, viene fornito un supporto completo tramite assistenti sociali dedicati.

Sebbene la maggior parte degli utenti siano donne musulmane, MWN estende il proprio sostegno agli uomini, alle donne di altre fedi e a quelle senza fede.

per ulteriori informazioni qui

Mentre il dibattito sull’aborto continua ad evolversi, è imperativo riconoscere il ruolo centrale svolto da queste piattaforme dell’Asia meridionale.

Stanno rimodellando gli atteggiamenti, le politiche e le pratiche riguardanti la salute riproduttiva.

Amplificando la voce dei sopravvissuti e impegnandosi in iniziative di advocacy, queste piattaforme stanno inaugurando una nuova era di inclusività e compassione.

Mentre continuano ad aprire la strada a cambiamenti significativi, è essenziale prestare il nostro sostegno e la nostra solidarietà ai loro sforzi.



Balraj è un vivace laureato in scrittura creativa. Ama le discussioni aperte e le sue passioni sono il fitness, la musica, la moda e la poesia. Una delle sue citazioni preferite è "Un giorno o un giorno. Tu decidi."

Immagini per gentile concessione di Instagram.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Il disegno di legge sull'immigrazione del Regno Unito è giusto per gli asiatici del sud?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...