4 membri della famiglia Hinduja rischiano il carcere per sfruttamento della servitù

Quattro membri della famiglia miliardaria Hinduja rischiano il carcere dopo essere stati giudicati colpevoli di sfruttamento della servitù in una villa di Ginevra.

4 membri della famiglia Hinduja rischiano il carcere per sfruttamento della servitù f

“dall’alba fino a tarda sera” senza retribuzione per gli straordinari.

Quattro membri della famiglia miliardaria Hinduja sono stati giudicati colpevoli di sfruttamento delle lavoratrici domestiche in una villa di lusso a Ginevra.

Sono stati condannati da un tribunale svizzero ma sono stati assolti dall'accusa più grave di traffico di esseri umani.

Prakash Hinduja, sua moglie Kamal, il figlio Ajay e la nuora Namrata sono stati accusati di traffico e sfruttamento di diversi lavoratori provenienti dall'India.

Sono stati accusati di aver confiscato i passaporti dei dipendenti e di averli costretti a lavorare 16 ore al giorno o più senza retribuzione per gli straordinari nella villa.

Gli avvocati che rappresentano gli Hinduja avevano negato le accuse.

Il 21 giugno 2024 Prakash e Kamal sono stati condannati a quattro anni e sei mesi di prigione.

Ajay e Namrata Hinduja hanno ricevuto quattro anni.

Sono stati inoltre condannati a pagare circa 750,000 sterline a titolo di risarcimento, oltre a circa 237,000 sterline in spese procedurali.

Najib Ziazi, un consulente aziendale della famiglia anch'egli accusato, è stato ritenuto complice dello sfruttamento.

Il procuratore capo Yves Bertossa ha affermato che la famiglia aveva stanziato di più per un animale domestico che per lo stipendio di un lavoratore domestico.

Alcuni lavoratori domestici, che si prendevano cura dei bambini o dei lavori domestici, venivano pagati solo Rs. 10,000 (£ 95) al mese.

Secondo l’accusa, molti dei lavoratori provenivano da ambienti poveri dell’India e avevano lavorato “dall’alba fino a tarda sera” senza retribuzione per gli straordinari.

I loro stipendi venivano pagati su conti bancari indiani a cui non potevano accedere facilmente.

I pubblici ministeri hanno affermato che la famiglia Hinduja aveva confiscato i passaporti dei lavoratori domestici e aveva detto loro di non lasciare la villa, dove dormivano in letti a castello in un seminterrato senza finestre.

Ci si aspettava che i lavoratori fossero disponibili in ogni momento, anche durante i viaggi in Francia e Monaco, dove lavoravano nelle stesse condizioni.

In rappresentanza della famiglia, Romain Jordan ha affermato che si tratta di “accuse esagerate e parziali”.

In una dichiarazione prima del verdetto, il signor Jordan ha detto:

“I membri della famiglia Hinduja negano vigorosamente queste accuse e rimangono determinati a difendersi”.

In precedenza era stata risolta una causa civile che coinvolgeva i principali accusatori, che lavoravano per la famiglia.

Nel procedimento penale la procura aveva chiesto pene detentive fino a cinque anni e mezzo, oltre a multe e risarcimenti per milioni di franchi.

La famiglia Hinduja è a capo di un conglomerato multinazionale con grandi partecipazioni nel settore automobilistico, bancario, petrolifero e del gas, immobiliare e sanitario.

Il loro patrimonio netto è stimato a 37 miliardi di sterline, rendendoli la famiglia più ricca della Gran Bretagna.

Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Va bene usare la parola P nella tua comunità?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...