10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh

Il patrimonio storico del Bangladesh è arricchito di archeologia e monumenti. DESblitz presenta 10 siti del patrimonio storico del paese.

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh f1

"La bella architettura ti lascerà a bocca aperta."

Oltre alle bellezze naturali, il Bangladesh è un paese con molti siti del patrimonio storico.

La nazione dell'Asia meridionale ha maestosi monumenti artificiali, insieme a formazioni naturali come foreste e paesaggi da ammirare.

Molti dei siti arcaici offrono una ricca storia, soprattutto per le persone che vogliono aumentare la loro conoscenza dei gioielli del Bangladesh.

Le persone che fanno il viaggio in questa parte del mondo potranno vedere superbe opere archeologiche del periodo antico.

Molti dei siti hanno UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) stato di patrimonio mondiale.

Il Bangladesh invita tutte le persone a esplorare e immergersi nella storia e nella cultura della regione.

DESIblitz presenta 10 dei migliori siti del patrimonio storico da visitare ed esplorare in Bangladesh:

Mahastangarh, Bogra

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh - Mahasthangarh, Bogra

Mahasthangarh è una delle prime strutture archeologiche che è stata svelata in Bangladesh. Il sito si trova a 11 chilometri da Bogra e più vicino all'autostrada Bogra-Rangpur.

Conosciuto come Mahasthan, il villaggio perduto risale all'inizio del III secolo, come previsto da una pietra calcarea.

La pietra calcarea aveva inciso parole che risalgono a questo periodo e sono state trovate solo nel 1931.

Mahasthan nel distretto di Bogra è ciò che resta di questa antica città. In precedenza era noto anche come Pundranagara o Paundravardhanapura.

Il centro della città, noto come Cittadella, è il cuore del "Garh" che significa "forte". La pianta rettangolare della struttura è di quasi 185 ettari.

Accanto a questo scorre il fiume Karatoya, che una volta era un fiume prodigioso. Ora è ridotto alle dimensioni di un piccolo ruscello.

Si ritiene che le persone che occupavano questa città dimenticata, la usassero come mezzo di trasporto e benefici agricoli.

I visitatori che si recano a Bogra descrivono Mahasthangarh come un "luogo storico incredibile" che offre una visione approfondita della vita degli altri.

La città è stata in uso fino al XVIII secolo, quando la natura ha preso il sopravvento, trasformandola in un bellissimo paesaggio verde. Mahasthangarh è la più antica città conosciuta del Bangladesh.

Gli scavi iniziati e tuttora in corso dalla scoperta della città hanno portato alla luce molti importanti manufatti.

Da monete, ceramiche, sculture e altro, questi manufatti possono essere visti nel museo del sito aperto dalla domenica al giovedì.

Somapura Mahavira, Naogaon

10 principali siti del patrimonio storico del Bangladesh - Somapura Mahavira, Naogaon 12jpg

Somapura Mahavira, noto anche come "Paharpur Mahavihar", è un monastero bello e dall'aspetto terroso. La struttura alta 80 piedi nella regione di Naogaon risale all'VIII secolo d.C. durante il Impero di Pala.

La struttura è intricata con una forma quadrangolare e uno stupa tradizionale al centro.

Circa 177 celle circondano il sito dove un tempo i monaci usavano per la meditazione e l'alloggio. Il monastero ospitava anche molti studiosi spirituali e individui.

Oltre alle celle e agli stupa, i ricercatori hanno scoperto monete, targhe, strutture e vari altri manufatti.

La maggior parte dei reperti degli scavi del passato sono visibili nel museo adiacente attraverso l'attrazione.

Somapura è diventata patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1985. Da allora, per preservare il sito, le autorità competenti svolgono regolari lavori di costruzione.

I turisti scoprono che la vista porta un elemento di pace, con la sua aria fresca e la sua ricca storia. Un turista su Tripadvisor che descrive il sito menziona:

"Un bel posto storico del Bangladesh."

"Questo posto non solo aveva un buon posto di ricerca per archeologi o amanti dei luoghi storici, ma è anche un bel posto per una giornata fuori per tutte le età."

Shalban Vihara, Comilla

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh -Shalban Vihara, Comilla

Shalban Vihara è un sito cruciale in quanto parte dei resti di Mainamati nel distretto di Comilla.

Dal 7 ° al 12 ° secolo, Mainamati è stato un importante centro per il buddismo.

Il sito fondato da Bhava Deva, il quarto sovrano della dinastia Deva si trova in un'area di 168 metri quadrati. Il sito si trova nel mezzo della cresta delle colline di Lalmai.

Terra brulla e foresta circondano questa meravigliosa struttura archeologica in un territorio molto naturale e sereno.

L'edificio color legno fiammeggiante era un alloggio per 115 monaci. Prima di essere un monastero, era precedentemente noto come Shalban Rajar Bari.

Dopo aver scoperto le opere d'arte in rame durante lo scavo del terreno, il sito prese il nome di Shalban Vihara.

Il distretto di Comilla ha ottimi sistemi di trasporto, con Dhaka e Comilla collegate con le stazioni ferroviarie.

Turisti e visitatori spesso dicono che è un'ottima zona per fuggire dal caos e dalla frenesia della frenetica vita di strada di Dhaka.

Un utente di social media descrive Shalban Vihara come un "posto bellissimo".

Un altro discorso sul suo significato menziona:

"Probabilmente il sito archeologico buddista più essenziale del Bangladesh è lo Shalban Buddha Vihara".

Kotila Mura, Comilla

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh - Kotila Mura, Comilla

Situato a Comilla Adarsho Sadar Upazila, distretto di Comilla, Bangladesh, Kotila Mura è uno dei quinti punti tra i resti di Mainamati. Questo posto risale al 600 d.C.

In termini di stile, questo sito ha una struttura più tradizionale, mentre le altre rovine di Mainamati hanno uno stile più in evoluzione.

Questo sito storico si trova in cima a un tumulo, che ha tre elementi spirituali, tra cui Dharma, Sangha e Buddha.

L'unico percorso per questo posto è dalla direzione nord-orientale, un'apertura che ti porta in una sala enorme. C'era anche una camera all'esterno della sala.

Le prove degli scavi suggeriscono che questa struttura fosse attiva dal VII al XIII secolo.

Durante gli scavi, i ricercatori hanno recuperato una moneta d'oro di Mu'tasim Billah, l'ultimo califfo abbaside (1242-1258) dal sito.

Altri manufatti che i ricercatori hanno raccolto dal sito includono parti rotte di una struttura in pietra e reliquie di quel periodo.

Come risultato della sua ricca storia, è diventato un importante luogo turistico per le persone che visitano il Bangladesh.

Jagaddala Mahavihara

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh -Jagaddala Mahavihara

Fondata dai successivi re dell'Impero Pala, Jagaddala Mahavihara è presente nelle zone settentrionali del Bangladesh, vicino al villaggio di Jaggadala.

Jagaddala era un monastero risalente all'XI-XII secolo.

Gli scavi sostenuti dall'UNESCO hanno verificato che si trattava di un monastero.

Un rapporto dell'UNESCO rivela un "un vasto tumulo, lungo 105 metri per 85 metri, che rappresenta i resti archeologici di un monastero buddista ... i reperti hanno incluso placche di terracotta, mattoni ornamentali, chiodi, un lingotto d'oro e tre immagini di divinità in pietra".

Jagaddala Mahavihara è l'unico vihara scoperto e scavato in Bangladesh, che ha un tetto con uno spessore di circa 60 cm.

Amiya Basu, editrice della guida ferroviaria bengalese Banglay Brahman all'inizio degli anni '40 menziona un affascinante racconto delle rovine di Jagaddala. Scopre:

“Ad una distanza di circa 3 miglia dal Gurava Stambha (pilastro) vicino al fiume Chiri o Sri, c'è uno stupa circolare (in realtà tumulo) con una circonferenza di circa 1000 piedi.

"C'è un altro stupa, che misura 225".

Secondo l'UNESCO, Jagaddala rimane un sito provvisorio, che il Comitato del patrimonio mondiale potrebbe esaminare come nomina culturale per la lista del patrimonio mondiale.

Sessanta cupole, Bagerhat

10 principali siti del patrimonio storico del Bangladesh: Sixty Domes, Bagerhat

The Sixty Domes è anche familiare come la moschea Shait Gambuj o Saith Gunbad Masjid.

Questo luogo spirituale ha ricevuto la designazione come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1985 come edificio culturale.

Dal periodo del Sultanato, è anche la più grande moschea del paese. La posizione di Sixty Domes è anche a Bagerhat, Khulna Division, Bangladesh.

La costruzione di questo luogo affascinante iniziò nel 1442, con il suo completamento nel 1459.

Il sito mozzafiato è lungo 160 piedi e largo 108 piedi. I visitatori descrivono questo luogo spirituale come un edificio dal design straordinario.

Sebbene sia chiamato Moschea delle Sessanta Cupole, l'edificio in realtà consiste di 77 cupole basse, insieme a 4 in ogni angolo che ne fanno 81.

L'interno è meraviglioso come l'esterno, con arcate identiche, protese a sostenere il tetto.

Insieme alle sessanta cupole, ci sono anche sessanta pilastri che sostengono il sostegno e il peso delle 60 cupole.

Un visitatore di questo luogo che recensisce su Google esprime:

“Patrimonio dell'Umanità del Bangladesh. Un posto assolutamente da vedere se ti trovi a Khulna. "

"La bella architettura ti lascerà a bocca aperta."

La città perduta di Bagerhat

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh - La città perduta di Bagerhat

La posizione di questa città storica è nel sud-ovest del Bangladesh.

La città è dove il fiume Brahmaputra e il fiume Ganja si incontrano nella divisione Khulna. Bagerhat rientra nelle 15 città perdute di Forbes nel mondo.

Nel 1985, il sito ha ottenuto il riconoscimento come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Un uomo turco di nome Ulugh Khan Jahan è il fondatore di questo posto. La bella curatela del XV secolo è costituita da mattoni.

Famoso come Khan Jahan Ali (1369-25 ottobre 1459), si dice che sia stato anche il costruttore della Moschea Sixty Dome.

La città della moschea una volta era famosa come Khalifatabad durante il regno di Ali.

Jahan aveva molti seguaci da Khalifatabad, che si estendeva da Naldi a nord di Narail.

Secondo i rapporti, Khan acquisì un'area del Sundarbans e creò strutture umane.

La città ha mattoni cotti costituiti da molte rovine e strutture. Questi includono 360 luoghi di culto, ponti, strade e altre costruzioni artificiali.

Architettonicamente bella, la città utilizza uno stile distintivo di design spesso familiare come lo "stile Khan Jahan".

Lo stile e il design all'interno della bellissima e incontaminata città hanno influenze architettoniche turche.

Migliaia di persone visitano Bagherhat per vedere lo splendido scenario della città remota.

I turisti possono anche visitare un museo collaborativo dell'UNESCO nella città perduta. Questo museo mette in mostra oggetti d'antiquariato scoperti nella città perduta e svela l'intera storia di Bagerhat.

Lalbagh Fort, Dacca

10 migliori siti del patrimonio storico del Bangladesh - Lalbagh Fort, Dhaka

Il Forte di Lalbagh su Lalbagh Road a Dhaka non arrivò mai al completo completamento, con la messa in servizio dell'edificio a partire dal 1678 d.C.

L'imperatore Mughal Azam Shah (28 giugno 1653 - 8 giugno 1707), iniziò i lavori della magnifica struttura. Rimanendo in Bengala per quasi 15 mesi, il forte si fermò quando dovette tornare a casa durante il periodo di guerra.

Sotto una nuova sentenza, il generale Mughal Shaista Khan (1600-1694) dovette completare i lavori dell'edificio.

Nel 1684, però, la figlia di Shaista, Pari Bibi, incontrò la morte nel forte. Il nuovo governatore del Bengala ha visto il forte come sfortuna e un luogo di sfortuna.

Quindi, perdendo sua figlia e rifiutandosi di completare il forte, l'edificio non era occupato. La tomba di Pari Bibi risiede infatti nell'edificio insieme ad altre due.

Per molto tempo, la gente pensava che il forte avesse tre strutture. Questi includono un luogo di culto, la tomba di Pari Bibi e un quartiere residenziale noto come Diwan-i-Am.

Ma gli scavi all'interno del forte rivelano che questo sito comprende anche altre strutture.

Il forte e il giardino circostante danno una visione straordinaria dell'aspetto generale delle strutture. Molti miti e leggende circondano l'incompletezza dell'edificio.

Il forte è realizzato sotto due tunnel che conducono tra le rovine del forte Zinzira.

C'era anche un labirinto che alla fine si è chiuso. La chiusura è avvenuta dopo che le persone affermavano che chiunque fosse entrato nel labirinto non fosse tornato indietro.

Per certificare l'affermazione, i ricercatori britannici hanno inviato cani ed elefanti. ma gli animali non sono mai tornati.

Questo bellissimo forte circondato da strutture contribuenti. lo rende un sito mozzafiato, quasi trasportandoti in un altro tempo.

Il forte si dice con vari miti e leggende.

Ahsan Manzil, Dacca

10 principali siti del patrimonio storico del Bangladesh - Ahsan Manzil, Dhaka

Quello che ora è un museo nazionale, Ahsan Manzil era una volta un bellissimo palazzo residenziale.

La posizione del glorioso edificio è lungo le rive del fiume Buriganga a Dhaka.

Il palazzo Ahsan Manzil è famoso per il suo colore rosato. Quindi le persone hanno familiarità con questo sito anche con il nome di Pink Palace.

Il tono rosa del palazzo è ciò che lo rende così caratteristico. I lavori di costruzione del palazzo iniziarono nel 1859, completando l'enorme lavoro nel 1872.

Il design elegante dell'edificio ha uno stile architettonico indo-saraceno.

Nell'era Mughal, lo sceicco Inayat Ullah (1843-1846), il proprietario terriero di questo luogo, costruì questo sito in una vasta area che copre la sua casa estiva.

Lo sceicco apparentemente aveva piazzato belle ragazze in giro per la nazione, vestite con abiti sontuosi per il suo piacere.

Ma ci sono rapporti secondo cui l'imperatore di Dhaka si era innamorato di una delle ragazze che lo sceicco Enayat aveva ospitato.

Quindi, nel tentativo di perseguire il suo amore, l'imperatore invitò lo sceicco a una festa organizzata e lo uccise.

Purtroppo, la ragazza era piena di dolore e senso di colpa e si suicidò per rabbia, lasciando l'imperatore ad affrontare le conseguenze.

I resti della tomba dello sceicco si trovano nel nord-ovest del cortile, che è stato in gran parte rovinato nel XX secolo.

Nel 1985 l'edificio è stato acquistato dal governo del Bangladesh e da allora è stato ristrutturato.

L'edificio è stato istituito come museo il 20 settembre 1992.

Migliaia di persone affollano il museo in quanto detiene un valore significativo per la storia del Bangladesh e l'evoluzione architettonica del paese.

I visitatori hanno recensito il palazzo come uno degli "edifici storici più iconici del Bangladesh", con la conservazione del palazzo immacolata.

I Sundarbans

10 principali siti del patrimonio storico del Bangladesh - The Sundarbans

Il nome "Sundarbans" che significa "bella foresta" è una foresta di mangrovie di 140,000 ettari.

Il nome deriva originariamente dalla parola "Samudraban" che significa "foresta marina" circondata da fiumi e acqua di mare.

Nel 1997, la bellissima foresta è diventata un sito naturale del patrimonio mondiale dell'UNESCO. La foresta è anche famosa per ospitare le pericolose tigri del Bengala.

Questa parte del Bangladesh ha il riconoscimento internazionale per avere alberi di mangrovie e arbusti che crescono sulla terra e sull'acqua.

Oltre alle tigri, la foresta ospita circa 260 specie diverse di uccelli ed è costituita dal famoso pitone indiano.

Situato nella regione sud-occidentale del Bangladesh, si estende sul delta del Gange e sui fiumi Meghna nella baia del Bengala.

Non solo la foresta attira migliaia di turisti, ma i ricercatori trovano questa parte del Bangladesh estremamente affascinante.

La ricerca scientifica e le osservazioni vengono regolarmente portate avanti sui co-abitanti di piante e animali.

Il 1865 vide l'introduzione del Forest Act per la protezione della biodiversità e dell'ecosistema del Sundarbans.

Uno dei fattori principali per l'approvazione di questa legge è stata la caccia illegale, motivo per cui le tigri del Bengala sono quasi estinte.

Nonostante i rapporti di conflitti umani e tigri, con la guida turistica giusta, questo paradiso è una grande creazione di madre natura.

La foresta risale al 200-300 d.C. durante il periodo Mughal.

I re Mughal hanno affittato la foresta a criminali che sarebbero vissuti nella foresta.

Molte delle persone che risiedevano nella foresta hanno dovuto affrontare gli attacchi delle tigri. Questo è il motivo per cui il bosco è costituito da un piccolo numero di infrastrutture abbandonate come capanne e risaie.

Non c'è dubbio che in Bangladesh esiste una quantità significativa di siti del patrimonio storico.

La bellezza del paese è intensificata solo dalla ricca storia e cultura che ne deriva.

Oltre 600,000 turisti visitano il Bangladesh e sperimentano gli splendidi paesaggi e la storia che il paese ha da offrire.

La storia è importante per la comprensione dei tempi prima d'ora. Inoltre, questo paese offre una visione approfondita delle vite passate esotiche di una generazione diversa.



Emon è un fotografo di moda e documentarista che ama scrivere e ha un occhio attento per l'arte. La sua citazione preferita è di Rupi Kaur: "se sei nato con la debolezza di cadere, sei nato con la forza di rialzarti".

Immagini per gentile concessione di Roy Monotosh, PK Niyogi, Vadim Shevchenko e Pinterest.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO
  • Sondaggi

    Quale preferisci indossare?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...